7.8 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Una fede attiva può essere la chiave per una vita più lunga e più sana

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Una fede attiva può essere la chiave per una vita più lunga e più sana

Khadija, una donna algerina più anziana, all'inizio sembra non capire la domanda quando gli viene chiesto il ruolo che la sua religione e le sue convinzioni svolgono nel suo benessere.

Di *Elisa Di Benedetto e *Larbi Megari

Ha istintivamente fatto affidamento sull'Islam da giovane donna che viveva in villaggi remoti sulle montagne berbere durante la lotta per l'indipendenza dalla Francia negli anni '1950 e all'inizio degli anni '1960,

Oggi, vivendo con il marito e una figlia in un appartamento nella capitale algerina, Khadija trascorre gran parte del suo tempo vicino alla radio o alla televisione ascoltando il Corano.

Dopo molte riflessioni, sposta la sua attenzione da quei ricordi per guardare direttamente il suo intervistatore, i suoi occhi mescolati con emozione e determinazione, e dichiara: "Religione fornisce un'enorme sensazione di comfort e rassicurazione. Niente mi ha reso così forte e mi ha incoraggiato di fronte a tutti i momenti difficili che ho attraversato durante la mia vita. La fede è sinonimo di salute”.

Scuotendo la testa da sinistra a destra e concedendosi un piccolo sorriso sul viso, Khadija conclude l'intervista dicendo: "Non posso concepire una vita senza religione".

Non è sola.

Le scienze sociali e mediche stanno trovando sempre più prove a sostegno di come la religione promuova una salute migliore, compreso vivere più a lungo.

Religione e salute: risultati di tre studi

Perché la religione dovrebbe promuovere una migliore salute e longevità?

Ci sono diverse ragioni, suggeriscono i ricercatori.

Si va dalle reti di amici intimi solidali che le comunità religiose possono fornire agli insegnamenti di fede che scoraggiano i comportamenti rischiosi alla certezza che una divinità amorevole è al loro fianco.

Ci sono dei limiti. Nessuno sta dicendo che la religione può prevedere una salute più lunga nei singoli casi.

È anche vero che ci sono molti aspetti della vita religiosa che possono mettere in pericolo la salute pubblica, come le decisioni di alcuni luoghi di culto di organizzare grandi raduni che mettono a rischio intere comunità durante l'epidemia di coronavirus.

Ma questa nuova voluminosa ondata di ricerca sta aiutando sia le comunità religiose che i professionisti medici a comprendere le promesse e le insidie ​​del legame fede-salute.

Alla fine, il potenziale per la scienza e la religione di lavorare insieme per il bene comune è molto promettente per il miglioramento della salute globale durante la pandemia e oltre.

Giorgio Fornasier e la sua famiglia - Una fede attiva può essere la chiave per una vita più lunga e più sana
Giorgio Fornasier e la sua famiglia.

Religione e salute: i benefici della fede

A Limana, una cittadina dell'Italia nord-orientale, Giorgio Fornasier presta servizio come tenore e organista nella sua parrocchia cattolica, dove cura anche l'archivio della chiesa.

“Credo fermamente che la religione migliori la qualità della vita. Io stesso sono una prova", dice Fornasier. “La vera fede è legata alla serenità e ti aiuta ad affrontare e superare le sfide che la vita porta”.

La sua stessa fede è stata sfidata all'inizio quando a suo figlio, Daniele, è stata diagnosticata una rara malattia genetica nota come sindrome di Prader-Willi. In risposta, Giorgio Fornasier sarebbe poi diventato presidente di l'organizzazione internazionale senza scopo di lucro.

A 72 anni, con più tempo e meno distrazioni, ha affermato che pratiche come la recita del rosario e l'essere attivi nella sua comunità parrocchiale hanno portato a una maturazione significativa e a una più profonda coscienza di fede.

Mentre pensa spesso alla morte, Giorgio dice che non lo spaventa. Riferendosi a Dio come "il grande direttore", aggiunge: "l'unica banca che riconosce i tuoi benefici è in alto, e lo fa quando meno te lo aspetti".

Non sono solo i credenti a trovare prove di una connessione fede-salute.

Con decenni di ricerca in espansione, molti studiosi di religione e salute sono fiduciosi nell'affermare che ci sono prove evidenti che le pratiche e le credenze religiose stanno avvantaggiando ampi segmenti della popolazione.

Religione e salute: quattro ragioni

Non sei solo: Mentre la ricerca sulla solitudine sta documentando i potenziali pericoli per la salute mentale di una scarsità di contatti umani, i vivaci social network che le comunità religiose possono offrire ai membri possono essere un grande vantaggio per la salute, in particolare per le persone anziane. Un recente studio che analizza i dati dell'Irish Longitudinal Study on Aging ha rilevato che poiché i frequentatori religiosi frequenti hanno segnalato reti sociali più grandi, minore è la probabilità che riferiscano segni di cattiva salute mentale.

Anche avere un Dio amorevole al tuo fianco fa la differenza: Numerosi studi trovano che un'associazione tra un'immagine di Dio come giusto e misericordioso con benefici come una buona notte di sonno, una maggiore autostima, una minore probabilità di essere ansiosi o depressi e avere un maggiore senso di ottimismo e speranza anche di fronte a situazioni stressanti.

Preghiera, adorazione, meditazione e pace interiore: Anche le pratiche spirituali personali sono fortemente legate alla salute. "La preghiera può aiutare a ridurre l'ansia", afferma il professor Julian Hughes, un'autorità sulla demenza e membro del comitato consultivo clinico del Journal of Medical Ethics. “C'è una somiglianza e ci sono prove che la consapevolezza ci fa bene. Quando non stai pensando a nient'altro che sta succedendo nella tua vita, sei piuttosto calmo. L'atto stesso della preghiera potrebbe essere calmante e utile per te”.

Promuovere la salute attraverso la Scrittura e la tradizione. La maggior parte delle principali tradizioni religiose trattano il corpo come un dono divino e predicano contro comportamenti come l'alcol o abuso di droghe, gola e promiscuità. Gli individui altamente religiosi, inclusi adolescenti e giovani adulti, tendono a prendere sul serio questi insegnamenti, mostra la ricerca. “La corretta religiosità dà alle persone una buona salute e rende la loro vita ancora più lunga”, dice Samir, un architetto di mezza età in Algeria. “Questa è logica, quando hai una religione che ti guida attraverso la tua vita per essere pulito, mangiare sano, fare tutto ciò che ti tiene in forma, anche le preghiere quotidiane, andare e tornare alle moschee ogni giorno, digiunare per un mese intero."

In tempi difficili come l'epidemia di coronavirus, tutti questi fattori contribuiscono anche a un senso di significato e scopo che può promuovere un senso di pace nonostante le paure che circondano il virus.

Religione e salute: Superare le barriere per un futuro migliore

Considera questa storia della pace che un rifugiato africano ha provato durante un pericoloso viaggio verso l'Europa.

Per 10 mesi, durante un viaggio dal suo paese natale in Gambia, Bubacarr ha recitato la stessa preghiera quotidiana del Corano la prima cosa al mattino e l'ultima cosa che ha fatto prima di addormentarsi.

Le parole "Cerco rifugio presso il Lod e il caro dell'umanità" hanno sostenuto l'adolescente mentre viaggiava dall'Africa occidentale al Niger, attraverso il deserto e fino alla Libia, dove è stato detenuto prima di attraversare il Mar Mediterraneo su un gommone pieno di gente fino a quando non è arrivato sulla costa italiana nel 2016.

“Non sarei mai stato in grado di arrivare qui senza la mia fede e la mia religione. Mi ha tenuto in vita”, ha detto il giovane devoto che ha chiesto di non essere identificato. "Questo corpo mi è stato dato da Allah ed è mia responsabilità mantenerlo sano e se seguo i Suoi insegnamenti vivrò più a lungo."

Moschea Wazir Khan - Una fede attiva può essere la chiave per una vita più lunga e più sana

Religione e salute: ci sono anche dei pericoli

La ricerca non sta solo scoprendo i benefici protettivi della religione, ma sta gettando luce sui modi in cui la religione può mettere in pericolo la salute.

Man mano che gli studiosi approfondiscono i fattori che supportano o minano una sana spiritualità, scoprono che caratteristiche diverse come l'immagine di Dio di un individuo o le interpretazioni delle Scritture o le loro relazioni con altri membri della comunità possono avere un impatto sulla loro salute.

Quindi, per esempio, mentre credere in un Dio amorevole e misericordioso ha benefici per la salute protettiva, credere in un Dio distante e giudicante è associato alla dipendenza, maggiore stress e ansia e problemi di salute mentale come la depressione.

E mentre trattarsi l'un l'altro con compassione e rispetto rafforza le reti sociali positive che forniscono supporto e conforto, leader e membri religiosi eccessivamente giudicanti possono aumentare la paura, la vergogna e il senso di colpa e fare a pezzi le comunità.

Ciò che un numero crescente di studi richiede sono i modi in cui scienza e religione possono lavorare insieme nell'applicazione delle nuove scoperte in medicina e in altri campi che hanno il potenziale per alleviare la sofferenza e fornire più anni di migliore salute fisica e mentale.

Religione e salute: "Approccio olistico"

Diversi studi suggeriscono che i migliori risultati in molti casi si verificano quando scienza e religione collaborano, con, ad esempio, le comunità religiose che educano le loro comunità su argomenti come la necessità di distanziamento sociale durante un'epidemia e i medici che riconoscono come le credenze giocano un ruolo importante nella salute dei propri pazienti.

Un “approccio olistico” è stato il consiglio dato da molti degli operatori sanitari ed esperti religiosi che hanno partecipato al “Simposio sulla religione e sull'etica medica”, co-ospitato dal World Innovation Summit for Health e dalla Pontificia Accademia per la Vita del Vaticano a Roma lo scorso dicembre .

“Non c'è dubbio che la religiosità dia risultati positivi”, ha affermato mons. Vincenzo Paglia, presidente della pontificia accademia. «Il Vangelo ci ricorda che l'uomo non vive di solo pane. L'uomo vive soprattutto di amore e dove c'è amore ci sono energie più grandi, potenzialità, c'è un processo di crescita, che produce relazioni d'amore e non conflitto.

"E quando l'amore cresce la vita si allunga."

*Elisa Di Benedetto, co-direttore generale dell'International Association of Religion Journalists, è anche una scrittrice freelance con sede in Italia.
*Larbi Megari, co-amministratore delegato dell'Associazione Internazionale dei Giornalisti di Religione, è uno scrittore freelance con sede in Algeria.

Risorse:

Associazione di archivi di dati di religione: Cerca tra circa 1,000 sondaggi e trova citazioni per diverse centinaia di articoli di riviste per informazioni complete su argomenti come il paradiso e l'inferno.

Profili Nazionali ARDA: Visualizza i dati religiosi, demografici, socioeconomici e dell'opinione pubblica per tutte le nazioni con una popolazione superiore a 2 milioni. La scheda Opinione pubblica include dati sulle convinzioni riguardanti la vita dopo la morte.

Il canale YouTube dell'ARDA: come religione e scienza possono collaborare per il bene comune: Cosa succede quando riunisci stimati scienziati sociali che per molti anni hanno raccolto dati significativi sul rapporto tra scienza e religione? Un dialogo umile che offre nuovi percorsi per sforzi cooperativi su questioni che vanno dal cambiamento climatico all'eradicazione delle malattie.

L'Associazione Internazionale dei Giornalisti di Religione: L'IARJ offre risorse fondamentali per la cronaca mondiale sulla religione.

Articoli:

Al-Yousefi, Nada A., Osservazioni di medici musulmani sull'influenza della religione sulla salute e sul loro approccio clinico. Questo studio ha valutato "le credenze ei comportamenti dei medici musulmani riguardo alle discussioni religiose nella pratica clinica" ei fattori che hanno influenzato la discussione sulla religione in contesti clinici.

Megari, Larbi. GlobalPlus: Religione e morte. Il modo in cui i fedeli e gli individui laici affrontano la grande questione esistenziale del significato della vita di fronte alla mortalità può fare una grande differenza in aree dalla salute mentale alla prevenzione del terrorismo e alla promozione di società più generose e compassionevoli.

Takyi, Baffour K., GlobalPlus: Ebola, religione e salute in Africa. Prima del coronavirus, gli scienziati globali e gli operatori sanitari hanno affrontato e imparato molto dall'affrontare malattie come l'Ebola e l'AIDS. Questa panoramica fa luce sulle complessità della religione e della salute in Africa.

Zimmer, Zachary, Jagger, Carol, Chiu, Chi-Tsun, Ofstedal, Mary Beth, Rojo, Florencia e Saito, Yasuhiko. Spiritualità, religiosità, invecchiamento e salute in una prospettiva globale: una rassegna. L'articolo di ricerca punta “verso un'esigenza e persino un obbligo da parte della comunità scientifica di esplorare il legame tra religiosità, spiritualità e salute per comprendere più a fondo le determinanti della qualità della vita nella vecchiaia e così facendo suggerire modi per il miglioramento della salute umana e della condizione umana”.

Libri:

König, Harold, Religione e salute mentale: ricerca e applicazioni cliniche. Il libro riassume la ricerca su come la religione può aiutare le persone ad affrontare meglio o esacerbare il loro stress, coprendo la sua relazione con depressione, ansia, suicidio, abuso di sostanze, benessere, felicità, soddisfazione per la vita, ottimismo, generosità, gratitudine e significato e scopo nella vita .

Questa colonna è stato originariamente pubblicato sul sito web dell'ARDA.

Immagine di Idobi, via Wikimedia Commons [CC BY-SA 3.0]
Immagine per gentile concessione di Giorgio Fornasier
Immagine di Shahbaz Aslam429`, via Wikimedia Commons [CC BY-SA 3.0]

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti