2.1 C
Bruxelles
Sabato, gennaio 28, 2023

I cristiani nigeriani elogiano l'appello del gruppo musulmano al governo per le azioni terroristiche di Boko Haram

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

(Foto: REUTERS/Akintunde Akinleye)Un manifestante tiene un cartello che chiede il rilascio delle ragazze delle scuole secondarie rapite nel remoto villaggio di Chibok, prima di una protesta lungo una strada a Lagos il 14 maggio 2014. Martedì il governo nigeriano ha segnalato la volontà di negoziare con i militanti islamisti che detengono più di 200 persone studentesse, un mese dopo il rapimento che ha suscitato indignazione mondiale.

La Nigeria, la nazione più popolosa dell'Africa con una stima di 210 milioni di persone, ha un mix distintivo di persone con un numero quasi uguale di cristiani e musulmani, la maggior parte dei quali va avanti, vivendo la propria vita normale intrecciata in pace, tranne quando il terrore colpisce.

Pertanto, quando una delle principali organizzazioni musulmane del Paese si è espressa contro il terrore scatenato dal gruppo estremista Boko Haram in nome dell'Islam, i leader cristiani nigeriani hanno accolto con favore.

La dichiarazione ha fatto seguito a frequenti critiche da parte di molti nel paese, compresi i leader della chiesa e le organizzazioni ecumeniche associate al Consiglio Ecumenico delle Chiese, che il governo non ha fatto abbastanza per proteggere la gente da questo terrore.

Il gruppo militante islamista Boko Haram – che ha causato scompiglio con la sua ondata di bombardamenti, omicidi e rapimenti – sta combattendo per rovesciare il governo e creare uno Stato islamico.

Boko Haram promuove una versione dell'Islam che rende "haram", o proibito, per i musulmani di prendere parte a qualsiasi attività politica o sociale, compresa l'istruzione, associata alla società occidentale.

Il 17 giugno, Jama'atu Nasril Islam o JNI ha affermato in un comunicato stampa ampiamente riportato che è "in totale onda d'urto per gli sfortunati ripetuti episodi di perdita di vite preziose e distruzione sfrenata di proprietà derivanti da attacchi ben coordinati di banditi armati, Boko Haram gruppi terroristici e stupratori”.

L'anziano Uzoaku Williams, presidente dell'ala femminile del Consiglio cristiano della Nigeria e segretario alla pubblicità del Forum di dialogo interreligioso per la pace, ha detto in reazione: "Apprezzo profondamente la risposta tempestiva e profetica di JNI".

JNI ha dichiarato: “Questi ripetuti scenari disastrosi sarebbero stati evitati se il governo fosse stato all'altezza dell'occasione.

“Ciononostante, come sempre, condanniamo nella loro interezza i ripetuti atti brutali; in particolare l'atteggiamento apatico delle pertinenti agenzie di sicurezza che sembravano essere sopraffatte, nonostante i ripetuti appelli da parte di nigeriani preoccupati e ben intenzionati per un'azione decisiva".

'RICOSTRUIRE LA NAZIONE NIGERIANA'

“È giunto il momento che le organizzazioni religiose salvino collettivamente la nazione che si sta rapidamente avvolgendo nel silenzio di fronte alla raccapricciante distruzione di vite e proprietà. Sono totalmente allineato con JNI e insieme possiamo ricostruire la nostra nazione, la Nigeria”, ha affermato l'anziano Williams.

JNI ha dichiarato nella sua dichiarazione: "Implora il governo di accettare tutte le richieste autentiche, le preoccupazioni così sollevate e le raccomandazioni offerte finora".

L'arcivescovo Henry C. Ndukuba, primate della Chiesa della Nigeria (Comunione anglicana) ha espresso apprezzamento per la profonda preoccupazione e la "pia risposta" della dirigenza del JNI riguardo allo "stato degenerato di insicurezza in Nigeria e nella regione dell'Africa occidentale".

JNI ha affermato che, considerando le credenze religiose degli autori, "gli studiosi religiosi sinceri devono essere coinvolti nell'arresto della minaccia".

“Connesso alla minaccia della violenza di genere è senza dubbio lo stupro, la cui manifestazione diabolica dovrebbe essere affrontata severamente.

"Quindi, la JNI è fermamente convinta che la castità, l'onore e l'integrità della donna debbano essere completamente protetti". JNI ha chiesto un approccio collettivo tra i ministeri federali degli affari femminili,

Giustizia e affari interni, così come "a sinceri studiosi di religione nel tracciare strategie per arrestare stupri e violenza di genere in Nigeria".

Il gruppo ha implorato tutti i musulmani, in particolare gli imam, di ricominciare Qunootun-Nawazil "o preghiere speciali in periodi calamitosi nell'ultimo Raka'at di ogni preghiera obbligatoria e preghiere non obbligatorie in cerca dell'intervento di Allah". "

Allo stesso modo, tutti i musulmani dovrebbero avventurarsi nella fervente osservanza di Adhkar (ricordo di Allah), in quanto è uno strumento vitale per allentare paure, tensioni e incertezze come la miriade di sfide alla sicurezza che tormentano la Nigeria”, ha affermato JNI.

Boko Haram è stata fondata nel 2002. Il suo nome arabo ufficiale, Jama'atu Ahlis Sunna Lidda'awati wal-Jihad, significa "Persone impegnate nella propagazione degli insegnamenti del Profeta e della Jihad".

Boko Haram considera lo stato nigeriano gestito da non credenti, indipendentemente dal fatto che il presidente sia musulmano o meno, e ha esteso la sua campagna militare prendendo di mira i paesi vicini.

RUOLO SPECIALE DEI DIRIGENTI RELIGIOSI

Monsignor Ndukuba ha affermato: “I leader religiosi, comunitari e tradizionali occupano un posto molto strategico in questa lotta e quindi devono essere sinceri nei loro sforzi; in primo luogo, sostenere intenzionalmente il governo e, in secondo luogo, sradicare i fattori religiosi e culturali che promuovono e accrescono l'insicurezza”.

Nell'agosto 2016 cristiani e musulmani nigeriani hanno aperto il Centro internazionale per la pace e l'armonia interreligiose, situato a Kaduna, dove più di 20,000 persone sono morte in vari conflitti nei tre decenni precedenti.

Tra un numero crescente di iniziative interreligiose in Nigeria, l'obiettivo del centro è promuovere le relazioni e la cooperazione interreligiose in Nigeria.

Le principali organizzazioni locali nigeriane, il Christian Council of Nigeria e JNI, hanno guidato lo sforzo per aprire il centro, che è stato preceduto nel 2014 da un forum consultivo tenutosi ad Abuja che ha attirato circa 40 leader musulmani e cristiani.

Gli attacchi di Boko Haram hanno ucciso oltre 30,000 persone e provocato circa 3 milioni di sfollati dal luglio 2009, quando sono iniziate le violenze negli stati nord-orientali del paese Borno, Adamawa e Yobe, in un'area grande all'incirca Belgio.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti