8 C
Bruxelles
Sabato, Febbraio 4, 2023

Allarme lanciato per la crisi in corso in Nigeria all'incontro delle Chiese mondiali

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

(Foto: REUTERS / Joe Penney)Una chiesa è sorvegliata da soldati dietro i sacchi di sabbia, a Maiduguri, Nigeria, 23 maggio 2014. Le case di culto cristiane sono sorvegliate da soldati militari in ogni momento a Maiduguri.

La nazione più popolosa dell'Africa, la Nigeria, sta attraversando crisi concomitanti quest'anno, evidenziate in una recente ondata di violenti attacchi nel nord del Paese, e il Consiglio Mondiale delle Chiese ha espresso allarme per la distruzione di vite umane in atto.

Il Comitato Esecutivo del CEC, in una videoconferenza dal 20 al 24 luglio, ha preso “una nota speciale” di diverse situazioni di preoccupazione portate alla sua attenzione in Nigeria.

"Una recente ondata di violenti attacchi nel nord della Nigeria è costata ancora una volta molte vite, distrutto molte proprietà e provocato un ulteriore sfollamento delle persone e delle comunità colpite", ha affermato il WCC.

“Le comunità cristiane e i leader della chiesa sono stati tra coloro che sono stati gravemente colpiti da tali attacchi”, si legge nel messaggio.

Ciò ha innescato una crescente insicurezza nel nord-ovest del paese, esacerbando le sfide poste da un'insurrezione estremista islamista di lunga data nel nord-est.

La Nigeria ha una popolazione stimata di 214 milioni di persone di cui si ritiene che quasi la metà siano cristiani e poco più della metà musulmani.

Il WCC ha affermato che i recenti attacchi e l'insicurezza hanno colpito in particolare gli stati di Borno, Adamawa, Taraba, Plateau, Niger, Kaduna, Katsina, Zamfara e Sokoto.

"Ulteriori aumenti allarmanti dell'insicurezza alimentare e della violenza di genere hanno accompagnato la pandemia di coronavirus, spingendo a chiedere riforme legali e sociali", ha affermato il consiglio.

IMPATTO DI COVID-19

Gli impatti della pandemia di COVID-19 sono profondamente sentiti anche nell'arena economica, che è la più grande dell'Africa economia.

I funzionari responsabili dello sviluppo del piano di ripresa economica della Nigeria stimano che 39.4 milioni di persone potrebbero essere disoccupate entro la fine del 2020 senza un importante intervento e sostegno del governo.

"Il recente blocco imposto in alcuni stati per limitare la diffusione del virus ha anche aggravato una crisi a lungo termine di violenza sessuale e di genere in Nigeria", ha affermato il WCC.

Ha citato un forte picco di casi di tale violenza che ha spinto 36 governatori a dichiarare lo stato di emergenza per stupri e attacchi contro donne e bambini nel paese.

Il capo della polizia nigeriana ha denunciato 717 stupri a livello nazionale tra gennaio e maggio di quest'anno, pari a uno stupro ogni cinque ore.

Inoltre, i risultati di un sondaggio del 2019 suggeriscono che fino a una ragazza nigeriana su tre potrebbe aver subito un'aggressione sessuale quando raggiungono i 25 anni.

"Tuttavia, il numero di procedimenti giudiziari di successo nei confronti di sospetti di stupro rimane basso e lo stigma spesso impedisce alle vittime di denunciare incidenti", afferma la dichiarazione del WCC.

Il comitato esecutivo ha preso atto dell'ampio impegno ecumenico e interreligioso ed “esprime profonda solidarietà e preghiere per le chiese della Nigeria nei loro sforzi per rispondere a una tale costellazione di crisi [e] celebra i segni di speranza offerti dalle chiese e dai loro partner in le iniziative”.

La dichiarazione del WCC ha rilevato la maggiore cooperazione interreligiosa per la pace, anche attraverso il Consiglio interreligioso della Nigeria.

Ciò si riflette nella creazione del Centro internazionale per la pace e l'armonia interreligiose (ICIPH) a Kaduna, sostenuto dal WCC e dal Royal Aal al-Bayt Institute for Islamic Thought (RABIIT).

Il WCC ha affermato che il centro è un hub per la cooperazione tra cristiani e musulmani nigeriani allo scopo di promuovere la pace e l'armonia tra persone di diverse religioni

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti