10.4 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Crisi in Bielorussia: alto funzionario delle Nazioni Unite preoccupato per le accuse di tortura

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Crisi in Bielorussia – Joanna Kazana-Wisniowiecki, coordinatrice residente delle Nazioni Unite, ha espresso seria preoccupazione per le accuse di tortura e altri maltrattamenti di persone, compresi i minori, che sono state detenute dopo le manifestazioni legate alle elezioni tenutesi il 9 agosto.

“Torture and other cruel, inhuman and degrading treatment are absolutely prohibited and can never be justified,” she said in a statement issued late last week.

Testimonianze "profondamente preoccupanti".

Pur accogliendo favorevolmente il rilascio di molti detenuti giovedì, la signora Kazana-Wisniowiecki ha affermato che le testimonianze sul loro trattamento in custodia sono "profondamente preoccupanti", aggiungendo che "se confermate, queste notizie indicherebbero problemi sistemici nella gestione e nella supervisione delle strutture di detenzione in Bielorussia".

Migliaia di persone sono state arrestate durante le proteste scoppiate in tutta la Bielorussia dopo che i risultati preliminari per le elezioni hanno mostrato che il presidente Alexander Lukashenko si era assicurato la maggioranza dei voti, dandogli un sesto mandato al potere.

Reazioni e raccomandazioni dell'ONU

Alti funzionari delle Nazioni Unite hanno monitorato la situazione in corso.

Venerdì l'ONU Segretario Generale António Guterres ha affermato che le accuse di tortura devono essere indagate, mentre l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, in precedenza ha condannato la risposta violenta alle manifestazioni.

Anche il Rappresentante speciale del Segretario generale per la violenza contro i bambini ha espresso profonda preoccupazione per le accuse di tortura e maltrattamento.

Najat Maalla M'jid ha raccontato a “particolarmente scioccante” caso in cui un ragazzo di 16 anni sarebbe stato picchiato durante la detenzione, provocando lesioni cerebrali. Secondo quanto riferito, l'adolescente è stato ricoverato in ospedale e messo in coma farmacologico, ma da allora ha ripreso conoscenza.

“Il rappresentante speciale Maalla M'jid accoglie con favore il rilascio di un gran numero di detenuti la notte del 13 agosto, ma ricorda che la detenzione di bambini dovrebbe essere utilizzata solo come misura di ultima istanza, per il più breve periodo possibile e che il supporto legale dovrebbe essere fornito a tutti i bambini in contatto con il sistema giudiziario”, secondo una dichiarazione rilasciata venerdì.

Assistenza e accesso

Il coordinatore residente delle Nazioni Unite ha chiesto un incontro urgente con il ministro dell'Interno bielorusso per discutere diritti umani preoccupazioni e di offrire un più ampio sostegno delle Nazioni Unite e altra assistenza, secondo la dichiarazione.

La signora Kazana-Wisniowiecki ha anche chiesto alle Nazioni Unite di visitare due strutture di detenzione nella capitale, Minsk, per vedere le condizioni lì.

Le autorità sono inoltre esortate ad adottare misure immediate per prevenire eventuali casi di tortura o altri maltrattamenti durante la detenzione.

Supporto e responsabilità

Nel frattempo, i detenuti e coloro che sono stati rilasciati dalla custodia dovrebbero ricevere cure mediche adeguate, compresa la riabilitazione e il supporto psicosociale, ha aggiunto.

Dovrebbero essere affrontate anche le esigenze specifiche dei bambini e dei giovani vittime di tortura o altri maltrattamenti, o che hanno assistito a violenze.

"Dato che riceviamo un numero crescente di segnalazioni di tortura e altri maltrattamenti, sarà importante garantire che, quando possibile, queste siano ben documentate, anche per consentire un'indagine tempestiva, approfondita e imparziale e la futura responsabilità di tali atti", disse la signora Kazana-Wisniowiecki.

“Le visite mediche tempestive saranno cruciali a questo proposito, insieme all'importante lavoro delle organizzazioni per i diritti umani che raccolgono informazioni su questi casi”.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti