9.3 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

I vescovi europei chiedono alla Bielorussia il ritorno del leader cattolico

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

CITTÀ DEL VATICANO, 3 settembre (Reuters) – I vescovi cattolici romani hanno esortato giovedì il leader bielorusso Alexander Lukashenko a far rientrare nel Paese il suo religioso più anziano.

L'arcivescovo di Minsk Tadeusz Kondrusiewicz, che ha fatto arrabbiare Lukashenko difendendo i diritti dei manifestanti anti-governativi, è stato fermato al confine lunedì mentre tornava a casa da una cerimonia nella vicina Polonia.

Lukashenko, che sta affrontando la sfida più grande ai suoi 26 anni di governo, ha detto ai giornalisti che il prelato era stato escluso perché aveva “trascinato i credenti cattolici” in politica. "Non ci interessa chi sia", ha detto Lukashenko.

In un comunicato, il Consiglio delle Conferenze episcopali di Europa (Ccee), ha chiesto giovedì il “ritorno immediato a casa” di Kondrusiewicz e l'impegno al dialogo per risolvere la crisi in Bielorussia.

Il giorno prima, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha scritto Twitter che Kondrusiewicz dovrebbe poter tornare a casa “in modo che possa occuparsi del suo gregge durante le proteste in corso”.

Kondrusiewicz, 74 anni, è il prelato cattolico più anziano della Bielorussia ed è cittadino dell'ex repubblica sovietica.

La scorsa settimana, l'arcivescovo ha rilasciato una dichiarazione in cui criticava la polizia antisommossa per aver impedito alle persone di cercare rifugio in una chiesa di Minsk. Il 19 agosto, ha pregato fuori da un centro di detenzione preventiva dove si tenevano manifestanti anti-governativi.

Lukashenko ha cercato di rafforzare la sua presa sul potere dopo settimane di proteste di massa e scioperi a seguito di elezioni contestate. Giovedì ha promosso i lealisti della linea dura ai primi posti nel suo apparato di sicurezza. Incolpa i disordini sull'aggressione straniera.

In un messaggio letto giovedì durante una funzione nella cattedrale di Minsk, Kondrusiewicz ha detto che stava pregando “per la soluzione della crisi socio-politica nel nostro Paese... e per il mio rapido ritorno in patria”.

Papa Francesco ha chiesto il rispetto della giustizia e il rifiuto della violenza in Bielorussia.

Il CCEE, con sede in Svizzera, rappresenta la Chiesa cattolica in 45 paesi europei. (Rapporto aggiuntivo di Matthias Williams a Kiev; Montaggio di Andrew Heavens)

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti