9.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

L'UE ribadirà il suo sostegno alla sovranità greca e cipriota al vertice Michel

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil
Juan Sanchez Gil - su The European Times News - Per lo più nelle retrovie. Reporting su questioni di etica aziendale, sociale e governativa in Europa ea livello internazionale, con enfasi sui diritti fondamentali. Dare voce anche a chi non è ascoltato dai media generalisti.

I leader dell'Unione europea decideranno un approccio "bastone e carota" alla Turchia quando si incontreranno il 24 e 25 settembre, ha affermato venerdì il loro presidente, proponendo una conferenza multipartitica per disinnescare le tensioni nel Mediterraneo orientale.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel che ha parlato con Reuters e anche altre cinque agenzie di stampa europee a Bruxelles hanno affermato che l'UE riaffermerà il suo sostegno alla sovranità greca e cipriota.

Il messaggio è stato inviato come una situazione di stallo sui giacimenti di petrolio e gas sobbolliti tra i membri dell'UE Cyprus e la Grecia da una parte e l'alleato a disagio del blocco NATO, la Turchia, dall'altra.

L' EU ha già imposto sanzioni minori contro Ankara sulla questione e i 27 leader dell'Ue lo affronteranno ancora presto a Bruxelles. Michel, che ospiterà l'incontro, ha affermato che l'UE riaffermerà il suo sostegno alla sovranità greca e cipriota.

"Identificheremo gli strumenti nella nostra politica esterna, un approccio bastoni e carote: quali strumenti utilizzare per migliorare la relazione e quali strumenti reagire (con) se non veniamo rispettati", ha affermato. “Vogliamo essere rispettati”.

Michel, che deve recarsi in Grecia, Cyprus e Malta prima del vertice, ha anche proposto una conferenza internazionale sul Mediterraneo orientale che coinvolga le parti chiave e la NATO.

"Potrebbe essere il modo migliore per ridurre l'escalation nella regione e offrire un canale di dialogo", ha detto, aggiungendo di aver già lanciato l'idea con Atene e Ankara. “Quello che sta succedendo, quello che è successo nelle ultime settimane, non può andare avanti”.

Michel ha affermato che il raduno potrebbe discutere la spinosa questione dei confini marittimi nel Mediterraneo orientale, dell'energia, della sicurezza e della migrazione. Lo scorso mese Turchia ha inviato una nave da ricognizione, scortata da fregate, per esplorare petrolio e gas nelle acque rivendicate dalla Grecia, una mossa che Atene ha ritenuto illegale.

Una collisione tra navi da guerra greche e turche che seguivano la nave da ricognizione il mese scorso ha evidenziato il rischio di un conflitto.

Michel ha rifiutato di discutere gli incentivi specifici o le misure punitive che il blocco potrebbe adottare nei confronti della Turchia.

Ankara ha cercato da tempo un aggiornamento della sua unione doganale con l'UE, un processo che si è arenato sull'ampia legislazione antiterrorismo del presidente Tayyip Erdogan che ha sostenuto le diffuse carceri degli oppositori a seguito di un colpo di stato militare fallito nel 2016.

La richiesta di lunga data della Turchia di aderire all'UE è quasi morta a causa del percepito autoritarismo di Erdogan.

Allo stesso tempo, il blocco fa affidamento sulla Turchia per impedire a milioni di siriani e altri rifugiati e migranti sul suo suolo di dirigersi verso l'UE, dove le faide migratorie hanno stimolato l'ascesa di partiti nazionalisti euroscettici negli ultimi anni.

L'UE ha già promesso 6 miliardi di euro per aiutare la Turchia ad ospitare i migranti, anche se Ankara lamenta da tempo che i soldi arrivino troppo lentamente. Il blocco potrebbe concordare più finanziamenti di questo tipo in un esempio di gesto positivo nei confronti della Turchia.

Soddisfare il desiderio della Turchia di viaggiare senza visto nel blocco, tuttavia, è stato a lungo controverso tra gli Stati membri dell'UE che si oppongono anche al track record di Erdogan su diritti umani e l'ampia repressione del dissenso post-colpo di stato.

Alla domanda sulle potenziali sanzioni dell'UE prima dei commenti di Michel, un portavoce del partito AK di Erdogan ha affermato che il blocco non può aspettarsi una cooperazione dalla Turchia se viene colpito con sanzioni nel Mediterraneo orientale.

(Reuters)

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti