9.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

I rifugiati in Italia sopportano il peso maggiore dell'angoscia per il coronavirus

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Lampedusa, Italia – È sabato mattina e Ahmed viene schiacciato su una piccola barca della guardia costiera italiana ormeggiata in uno dei porti di Lampedusa.

Ci sono circa 30 altri rifugiati e migranti a bordo. 

Gli ufficiali, coperti dalla testa ai piedi con indumenti protettivi bianchi, sono a terra, ronzando intorno alla barca per prepararla alla prossima tappa a poche miglia di distanza: il traghetto Rhapsody.

Lì, quasi 800 rifugiati e migranti entreranno in un periodo di quarantena di 14 giorni.

Come Ahmed, sono stati allontanati dal sovraffollato centro di accoglienza di Lampedusa per mancanza di spazio, e ora devono sottoporsi alle due settimane di quarantena a bordo del traghetto.

"Certo che sono felice", ha detto il 23enne ad Al Jazeera tramite messaggio di testo. “È sempre meglio che stare in centro.”

Sabato sarebbe stato il suo diciassettesimo giorno all'interno dell'unico centro di accoglienza di Lampedusa, in contrada Imbriacola. Un cosiddetto "hotspot", il centro è stato al centro di un acceso dibattito tra l'estrema destra, i leader politici al governo e la società civile.

È stato costruito per ospitare non più di 192 persone, ma la scorsa settimana sono state 1,500 poiché il numero di migranti e rifugiati che sbarcano sulle coste dell'isola è aumentato durante l'estate.

"Ci trattano come animali, direi peggio degli animali", ha detto Ahmed, arrivato il 19 agosto su un gommone della cittadina tunisina di Sfax. Ogni notte, lui e gli altri uscivano di nascosto solo per prendere qualcosa da mangiare.

“Spesso non c'è acqua né elettricità, dormi per terra o su un materasso sporco, se ne trovi uno. Non ci sono parole per descriverlo… Alcuni di loro [lo staff] continuano a insultarci. Mi sento trattato come se fossimo terroristi", ha detto.

Cosa accadrà ad Ahmed una volta terminato il periodo di quarantena dei traghetti?

La maggior parte dei tunisini sono considerati migranti economici, e quindi vengono rimpatriati in Tunisia – il governo italiano ha stabilito finora due carte per un totale di 80 rimpatri a settimana – o hanno concesso un periodo di finestra da sette a 30 giorni per tornare a casa con i propri mezzi. Spesso, una volta arrivati, tentano in ogni modo di lasciare l'Italia e raggiungere il nord Europa.

"Non mi interessa se mi manderanno indietro, tornerò ancora, e ancora, e ancora", ha detto Ahmed. "Per me [è] una domanda morire o arrivare".

È tra i 7,885 tunisini arrivati ​​in Sicilia quest'anno fino al 31 agosto, un numero quasi sei volte superiore rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Poiché la pandemia di coronavirus ha costretto i governi a chiudere i propri confini e interrompere le attività, anche la Tunisia sta pagando un prezzo pesante economia dovrebbe ridursi più di 4 per cento quest'anno, e il tasso di disoccupazione attualmente invariato 16 per cento.

Con l'hotspot di Lampedusa traboccante e la minaccia di turisti scoraggiati dal numero di richiedenti asilo, i politici di estrema destra stanno armando la pandemia nel tentativo di promuovere politiche anti-migranti.

Il 31 agosto, mentre oltre 360 ​​persone sono state soccorse in mare e portate a Lampedusa, un gruppo di manifestanti – coordinato da un esponente della Lega, il partito di estrema destra di Matteo Salvini – si è recato in porto per fermare lo sbarco.

La settimana precedente Salvini ha elogiato il governatore della Sicilia Nello Musumeci per aver ordinato la chiusura dei centri di accoglienza della regione. Nonostante sia stata immediatamente bloccata da un tribunale, la mossa ha notevolmente aumentato la popolarità del governatore.

b7f08094a3c44ee2ade2401f214dbc08 18 - I rifugiati in Italia subiscono il peso maggiore dell'angoscia per il coronavirus

Nel 2011 più di 50,000 tunisini hanno raggiunto Lampedusa mentre fuggivano dai disordini nel loro Paese durante la cosiddetta Primavera Araba [Antonio Parrinello/Reuters]

Gli isolani di Lampedusa sono abituati a rifugiati e migranti che sbarcano sulle loro coste. Una punta meridionale di Europa, l'isola è stata per decenni il primo punto di ingresso per coloro che attraversano il Mediterraneo.

Nel 2011 sono arrivati ​​più di 50,000 tunisini. 

"Li abbiamo accolti portando cibo caldo e aiutando a montare le tende in giro per la città", ha ricordato l'ex pescatore Calogero Partinico, 63 anni, seduto su una panchina a guardare i turisti, molti dei quali in giro senza maschere.

Come molti altri, Partinico ha tracciato un collegamento tra il numero crescente di rifugiati e migranti e la pandemia di coronavirus, nonostante i rifugiati rappresentino il 3-5% dei casi di COVID-19 nel Paese, rispetto al 25% rilevato tra i turisti, secondo l'Italia Istituto Superiore di Sanità.

“Gli isolani vivono con una paura ancestrale per la malattia – visto l'isolamento e la mancanza di ospedali sull'isola – e per la potenziale perdita della stagione estiva”, ha detto Marta Bernardini, operatrice umanitaria di Mediterranean Hope, un progetto della Federazione dei Protestanti Chiese in Italia con sede a Lampedusa. “Il coronavirus ha combinato i due, fomentando un atteggiamento più ostile nei confronti dei migranti”.

Ci sono anche crescenti preoccupazioni sull'uso dei traghetti per mettere in quarantena i migranti, un'operazione che finora è costata al governo almeno sei milioni di euro (7.1 milioni di dollari) per l'affitto di cinque navi.

“Nessuno li vuole”, ha detto ad Al Jazeera il sindaco di Lampedusa Toto' Martello, indicando il rifiuto di alcuni governatori regionali di accogliere rifugiati e migranti. “Perché da quando c'è il COVID-19, c'è stata una campagna mediatica contro i migranti dicendo che sono quelli che portano il virus”.

Approfondindo ulteriormente la crisi dei rifugiati in Italia, la capacità di accoglienza del Paese è stata recentemente dimezzata, ha affermato Sami Aidoudi, consulente legale e mediatore culturale dell'Associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione (ASGI).

"I decreti sulla sicurezza di Salvini hanno tagliato i fondi, quindi la maggior parte dei servizi è stata ridotta", ha detto, riferendosi alle politiche anti-migranti dell'ex primo ministro del 2018. 

Prima di tali sentenze, ad esempio, i servizi sociali ricevevano circa 35 euro (41 dollari) al giorno per migrante, un importo che è sceso a circa 19 euro (22 dollari). Con i cambiamenti alcune cooperative sono state costrette a chiudere, mentre la qualità dei servizi è diminuita in altre.

Nonostante la promessa di una sostanziale inversione di marcia dalla politica intransigente di Salvini sulla migrazione, l'attuale governo ha apportato poche modifiche.

"Stanno iniziando a creare centri di accoglienza galleggianti, il sogno della destra italiana", ha affermato Aidoudi. 

Confinare i migranti in mare, lontano dalla vista dei residenti, “significa assenza di informazioni per la società civile, per coloro che possono offrire consulenza legale e infine per gli stessi migranti”, ha affermato. “Non possiamo aiutarli”.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti