9.9 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Le chiese del mondo si uniscono alle Nazioni Unite nel condannare la brutale uccisione di 8 scolari in Camerun

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

(Foto: REUTERS / Bate Felix Tabi Tabe)I resti bruciati di una chiesa battista sono visti a Mabass, nel Camerun settentrionale vicino al confine con la Nigeria, il 16 febbraio 2015. Secondo l'esercito camerunese, i militanti di Boko Haram hanno rapito circa 80 persone dal villaggio.

Il capo ad interim del Consiglio Mondiale delle Chiese, il Rev. Ioan Sauca, si è unito ai cristiani del mondo e alle Nazioni Unite nell'esprimere orrore per il brutale attacco agli scolari a Cameron in cui gli assalitori hanno massacrato almeno otto studenti con armi da fuoco e machete.

I bambini sono stati uccisi presso la Mother Francisca International Academy di Kumba, in Camerun, il 24 ottobre.

Uomini armati non identificati hanno ucciso almeno otto bambini nella loro classe con pistole e machete, mentre altri 12 sono rimasti feriti.

“Il WCC si unisce alle chiese e a tutte le persone di buona volontà del Camerun e di tutto il mondo nel condannare questo atto aberrante, nel commiserarsi con le famiglie e le comunità colpite e nel pregare per la guarigione dei bambini feriti”, ha affermato Sauca.

I leader della chiesa camerunese hanno reagito al recente spargimento di sangue con indignazione e richieste di azione.

Nella stessa dichiarazione, il vescovo Agapitus Nfon della diocesi cattolica romana di Kumba ha lamentato la perdita delle giovani vite.

'SANGUE DEI NOSTRI FIGLI'

“Quanto del sangue dei nostri figli ha bisogno di essere versato prima che si faccia qualcosa di concreto e immediato? Per quanto tempo staranno e aspetteranno le potenze capaci di riportare la pace e la tranquillità nelle afflitte regioni del Nord Ovest e del Sud Ovest?”

L'aggredito è stato condannato duramente all'ONU a Ginevra da un portavoce dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per Diritti umani, Ravina Shamdasani.

Ha detto che la popolazione continua a pagare un prezzo pesante nella crisi in corso nelle regioni nord-occidentali e sud-occidentali del Camerun e ha descritto l'attacco come "vile".

"Continuano a essere segnalate gravi violazioni e abusi dei diritti umani, che coinvolgono sia le forze di sicurezza e di difesa che i gruppi armati separatisti nel mezzo della pandemia di COVID-19", ha affermato Shandasani.

"L'uccisione e la mutilazione di bambini, così come gli attacchi alle strutture educative, costituiscono gravi violazioni del diritto internazionale e gli autori devono essere ritenuti responsabili nel dovuto rispetto degli standard internazionali in materia di diritti umani".

Ha anche affermato che le autorità camerunesi hanno l'obbligo di proteggere l'accesso all'istruzione.

Nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità anche se le autorità locali hanno accusato i combattenti separatisti di aver preso di mira la scuola, CNN segnalato.

Le persone hanno sensibilizzato sull'incidente sui social media con l'hashtag #EndAnglophoneCrisis.

CRISI LINGUISTICA

Questo era un riferimento ai movimenti in corso che sostengono una separazione tra il Camerun anglofono e la parte francofona del paese. I separatisti nelle regioni anglofone combattono da diversi anni con le forze governative e le milizie sostenute dal governo.

Entrambe le parti hanno affrontato accuse di violenza contro i civili, iniziate nel 2016 dopo che i residenti nelle province anglofone del paese, dove vive il 20% della popolazione del Camerun, hanno protestato contro il governo guidato da francofoni.

Il conflitto anglofono ha provocato lo sfollamento interno di oltre 670,000 persone nelle aree colpite, mentre 60,000 camerunesi sono fuggiti dall'intensificarsi delle violenze nella vicina Nigeria, secondo le stime delle Nazioni Unite a febbraio.

Il 25 ottobre il Moderatore della Chiesa Presbiteriana in Camerun, il Rev. Fonki Samuel Forba, ha pregato per la giustizia per le vittime e per la responsabilità dei responsabili.

“Possano coloro che sono dietro queste orribili uccisioni dei figli di Dio essere imprigionati dal giudice della coscienza umana prima ancora di essere scoperti, perseguiti e condannati”, ha detto.

Il WCC ha fatto appello a rinnovati sforzi per un dialogo globale e più inclusivo per affrontare le attuali sfide in materia di sicurezza, umanitarie e diritti umani nelle regioni colpite.

“Il WCC è solidale e offre il suo sostegno e accompagnamento alle chiese del Camerun mentre cercano di svolgere il loro ministero essenziale per la giustizia, la pace, la dignità ei diritti umani”, ha affermato il consiglio.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti