10.4 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

La prima storia della stampa bengalese

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Sig. Siddiq KhanOctober 12, 2020

Il seguente resoconto riguarda la stampa bengalese prima del 1800, concentrandosi sul periodo successivo alla battaglia di Plassey nel 1757, quando la Compagnia britannica delle Indie orientali stabilì il controllo della provincia.

Antefatti storici 

Sebbene alcune prove indichino i primi tentativi dei nativi di utilizzare i metodi xilografici cinesi di stampa in India, l'introduzione della stampa con caratteri mobili in metallo fu un prodotto dei colonizzatori e dei missionari europei. I gesuiti fondarono una stamperia nella colonia portoghese di Goa nel 1556 e successivamente stamparono anche in altri centri portoghesi. Dopo aver iniziato con lavori sulla dottrina cristiana in portoghese, nel 1578 i gesuiti di Quilon stamparono un libro in lingua tamil con caratteri tamil. Anche altri centri europei in India hanno mostrato un certo interesse per la stampa e alcuni indiani potrebbero persino averla adottata. Secondo alcuni documenti, Bhimjee Parekh con l'aiuto della Compagnia britannica delle Indie orientali fondò una stampa a Bombay nel 1674-75, ma nessun libro sopravvive da essa. Bartolomeo Ziegenbalg, un missionario danese [nato a Pulsnitz, in Sassonia], fondò una rotativa a Tranquebar intorno al 1712, che stampava con caratteri tamil. Un po 'più tardi a Roma la Società per la Propagazione della Fede aveva caratteri sanscriti (Deva Nagari) e Malabar (Tamil e Malayalam) di tipo cast nel 1771 e nel 1772.

I portoghesi nel Bengala

Dopo che i portoghesi consolidarono i loro insediamenti commerciali e politici sulla costa occidentale dell'India, commercianti e missionari si ramificarono in altre parti del paese. Persero poco tempo a costruire un legame con il Bengala, poiché la sua fama di terra ricca e amena con una numerosa popolazione si era diffusa anche nei secoli precedenti dai resoconti dei viaggiatori arabi ed europei. Nuno da Cunha, governatore dal 1529 al 38, inviò una spedizione di cinque navi a Chittagong (Porto Grande) nel 1533. Dopo il 1581 una nave mercantile portoghese visitò ogni anno quel porto marittimo del Bengala orientale.

Sorsero colonie commerciali e avamposti missionari, incluso uno a Nagori, associato alla stampa dei primi tre libri bengalesi.

Diversi documenti illustrano l'interesse dei missionari portoghesi per i libri bengalesi. Il 3 gennaio 1683, padre Marcos Antonio Santucci, superiore della missione portoghese operante tra i bengalesi convertiti al cristianesimo, scriveva da Nolua Cot al provinciale di Goa: «I padri [Ignatius Gomes, Manoel Surayva e lui stesso] non hanno fallito nel loro dovere; hanno imparato bene la lingua, hanno composto vocabolari, una grammatica, un confessionario e preghiere; hanno tradotto la Dottrina Cristiana, ecc. nulla di cui esisteva fino ad ora”. Francisco Fernandes scrisse da Sripur nel Bengala orientale al suo superiore gesuita a Goa della sua compilazione di un opuscolo che esponeva i fondamenti della dottrina cristiana e di un libro di catechismi. Sembra che il suo compagno missionario, Dominic de Souza, abbia tradotto quei due libri in bengalese. Già nel 1723 si parla di un piccolo catechismo in bengalese di padre Barbier.

Nessuno dei libri sopra menzionati è esistente e non è noto se siano stati stampati o meno. Poco dopo, tuttavia, alcuni libri furono stampati in bengalese al di fuori dell'India. I più notevoli di questi furono tre libri attribuiti a padre Manoel de Assumpsao, un agostiniano, venuto nel Bengala intorno al 1734. Come rettore della Missione di San Nicola da Tolentino fu addetto alla chiesa cattolica di Nagori vicino a Bhowal nel distretto di Dacca intorno al 1742. Scrisse libri “per una più facile istruzione dei neofiti”.

Un secondo libro di padre Manoel è stato Compendio dei misteri da fe, stampato a Lisbona da Da Silva nel 1743. Bengali sui versi, stampato ancora in caratteri romani, fronte portoghese sui rectos. Questo lavoro è anche conosciuto come il Cathecismo da doutrinaa ordinando por modo de dialogo em idiome bengalle e portuguez. È diventato famoso con il suo titolo bengalese, Crepar Xaxtrer Orth bhed (“Il significato del Vangelo della Misericordia”).

Un terzo libro Vocabulario em idioma bengalla e portoghese diviso em duas partes, fu stampato da Da Silva a Lisbona nel 1743. In due parti, include un vocabolario bengalese-portoghese e un portoghese-bengalese. Un compendio di grammatica bengalese precede quest'ultimo. Il libro è stampato interamente in caratteri latini.

Altri due libri bengalesi furono composti da Bento de Selvestre (o De Souza), un ex missionario cattolico convertito al protestantesimo. Fu pubblicata la sua traduzione di parti del Libro della preghiera comune e un catechismo a Londra as Prartanamala e Prasinottarmala. Entrambi sono stati stampati in caratteri romani.

Questa pubblicazione missionaria ha portato a uno sviluppo poco percepibile della letteratura indigena. In primo luogo, tale pubblicazione religiosa e confessionale ha avuto scarso appeal presso il grande pubblico. In secondo luogo, i bengalesi di quel tempo non avevano l'istruzione e il tipo di organizzazione sociale necessari per realizzare il potenziale beneficio della stampa sulla loro lingua e letteratura. Infine, un'atmosfera di futilità e negazione sembrava influenzare il clima letterario bengalese.

Osservatori indipendenti e competenti come Nathaniel Brassey Halhed (1749-1830) e William Carey (1761-1834), alla ricerca di libri bengalesi tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo, ne registrarono una spaventosa mancanza. Halhed, quando

compilare il suo monumentale Grammatica della lingua bengalese, si lamentò del fatto che, nonostante la sua familiarità con le opere degli autori bengalesi, poteva rintracciare solo sei libri esistenti nel 1778. Questi includevano i grandi poemi epici religiosi, il Ramayana e  Mahabharata. Tutti e sei, ovviamente, erano manoscritti. Quando in seguito il grande missionario William Carey, eminente studioso di bengalese e sanscrito, visitò Nabadwip, il centro culturale e religioso del Bengala, poté portare alla luce dopo un'ardua ricerca solo quaranta opere bengalesi scritte a mano.

La Compagnia delle Indie Orientali

Su questa scena letteraria e bibliografica colpita dalla povertà, si stavano preparando le basi per una più ampia produzione di libri bengalesi. I fattori che promuovevano questo avanzamento erano principalmente politici. Nella battaglia di Plassey nel 1757 la Compagnia britannica delle Indie orientali ottenne il controllo della ricca provincia del Bengala. Nel 1772, la Compagnia aveva abilmente impiegato la spada, la diplomazia e l'intrigo per assumere il governo del Bengala dal suo popolo, dai nobili faziosi e dal debole Nawab. Successivamente, per consolidare la sua presa sulla provincia, la Compagnia promosse la lingua bengalese. Questo non rappresentava un amore intrinseco per la lingua e la letteratura bengalese. Mirava invece a distruggere i modelli tradizionali di autorità soppiantando la lingua persiana che era stata la lingua ufficiale sin dai tempi dei grandi Mogol. Tuttavia, di conseguenza, il bengalese fiorì.

Strumentale nel progresso della stampa bengalese è stata la politica adottata dalla Compagnia di insegnare il bengalese ai suoi dipendenti. Notevoli orientalisti inglesi - Halhed, Carey e Nathaniel Pitts Forster, ad esempio, promossero strenuamente l'insegnamento del bengalese nella sua pura forma sanscritizzata. Le lingue islamiche, compreso il bengalese musulmano, erano sotto attacco. Gli sforzi incessanti dei campioni inglesi del puro bengalese, sostenuti dall'intero apparato amministrativo della Compagnia delle Indie Orientali, culminarono nell'approvazione di uno statuto nel 1838 in base al quale l'uso dell'arabo e del persiano era proibito nei tribunali stabiliti sotto la giurisdizione del l'azienda.

I progressi nella scrittura di lingue indigene non islamiche, tuttavia, furono rapidi. Dopo il 1755, nei bazar indiani furono affissi avvisi pubblici in vernacoli nativi. Warren Hastings, governatore del Bengala nel 1772 e governatore generale dal 1773 al 1785, mostrò un vivo interesse nell'addestrare giovani civili inglesi, o "scrittori", a rendere giustizia ai loro doveri tra i sudditi indiani della Compagnia. L'apprendimento delle lingue indiane era un requisito essenziale e questo veniva sottolineato nel curriculum dei college di Fort William e Haileybury. Un attivo mecenate di studiosi indiani come Halhed, Wilkins, Gladwin, Jones e altri, Hastings ha insistito sul fatto che producessero abbastanza libri nelle lingue indiane per tali studenti.

L'obiettivo di incoraggiare gli studiosi europei (e poi indiani) a studiare le lingue indiane ea produrre libri in esse doveva essere ulteriormente esteso. William Wilberforce, il filantropo e politico inglese, propose in Parlamento nel 1793, durante il governatore generale di Lord Cornwallis in India, che la Compagnia delle Indie Orientali fornisse maggiori e migliori strutture per l'istruzione dei suoi sudditi nativi. Ciò indusse missionari europei e gentiluomini illuminati a fondare macchine da stampa. Sebbene stabilite principalmente per la propagazione della fede cristiana e per produrre una classe migliore di civili europei in India, queste presse miravano in parte a migliorare il livello di istruzione generale. Inizialmente, indirettamente, furono alla fine determinanti nello sviluppo della lingua e della letteratura bengalese e nella diffusione generale dell'istruzione nel Bengala.

Due grandi punti di riferimento nella storia della stampa in Bengala furono l'istituzione della Missione di Serampore nel 1799 e la fondazione del Fort William College, con l'obiettivo di "trasferire la conoscenza dei volgari ai giovani civili", da parte di Lord Wellesley nel 1800. Nel 1816 , con il sostegno del marchese di Hastings (allora governatore generale), Butterworth Bailey, William Carey e altri, fu fondata la Calcutta Book Society.

La stampa nel Bengala

La prima macchina da stampa del Bengala fu quella di un certo Andrews a Hooghly nel 1778. La grammatica di Halhed fu stampata qui. Di questo sappiamo poco di più. Nel 1780, James Augustus Hickey fondò la Bengal Gazette Press, editore della diffamatoria Bengal Gazette, nota popolarmente come Hickey's Gazette. Nel 1784 Francis Gladwin fondò la Calcutta Gazette Press, che pubblicava la gazzetta ufficiale del governo e si occupava di buona parte della stampa della Compagnia delle Indie Orientali. Poco dopo il governo ha anche istituito una propria tipografia con l'assistenza - e per qualche tempo la supervisione - di Charles Wilkins, padre della tipografia bengalese. Altre stampe apparentemente stabilite negli ultimi decenni del diciottesimo secolo furono la Calcutta Chronicle Press, la Post Press, Ferris and Company e Rozario and Company.

Un periodo di censura e restrizioni iniziò nel 1799. Come misura in tempo di guerra, il marchese di Wellesley ridusse gravemente la libertà di stampa imponendo restrizioni alla stampa e all'editoria a Calcutta e imponendo la cessazione della stampa al di fuori di quella città.

Questo stato di cose continuò fino al 1818, quando il marchese di Hastings ripristinò la libertà di stampa. Successivamente furono istituite un numero maggiore di macchine da stampa, comprese alcune di proprietà di indiani. Nel 1825-26 c'erano una quarantina di macchine da stampa nella sola Calcutta. Oltre alle principali testate precedenti già citate, queste includevano la stampa di Lavandier a Bow Bazaar, la stampa di Pearce a Entally e la stampa Unitaria di Ram Mohan Roy su Dhurrumtollah. Sanskrit Yantra di Baburam a Kidderpore, fondata a Kidderpore nel 1806-7, si specializzò nella stampa di libri in hindi e sanscrito in caratteri Deva Nagari. Altre stampe erano la Mohammadi Press di Munshi Hedayetullah a Mirzapore, la Hindustanee Press e la College Press.

I primi fondatori di lettere bengalesi 

I primi tipi di alfabeto bengalese, come quelli per la maggior parte delle altre scritture indiane, furono tagliati all'estero. Il primo alfabeto bengalese stampato è apparso in un'opera dei padri gesuiti, Jean de Fontenay, Guy Tachard, Etienne Noel e Claude de Beze. Portare il titolo Osservazioni fisiche e matematiche per servir a l'histoire naturelle …, fu pubblicato a Parigi nel 1692. Un secondo alfabeto bengalese fu incluso in un'opera latina scritta da Georg Jacob Kehr, Aurenk Szeb, stampato a Lipsia nel 1725. Questo mostrava i numeri bengalesi da 1 a 11, così come le consonanti bengalesi e una traslitterazione bengalese del nome tedesco, il sergente Wolfgang Meyer. Questi personaggi furono copiati da Johann Friedrich Fritz nel suo Orientalischer und occidentalischer Sprachmeister, stampato a Lipsia nel 1748.

Una grammatica Hindustani di Joannes Joshua Ketelaer è apparsa in Varie Orientali, pubblicato a Leida nel 1743. Questo riproduceva quasi l'intero alfabeto bengalese, chiamandolo alfabeto grammaticale, comprese sia le consonanti che le vocali. Non si sa nulla del casting di questi tipi ed erano basati su modelli di calligrafia non troppo buoni.

Fondatori inglesi del tipo bengalese

In linea con gli interessi inglesi in India, i fondatori del tipo inglese affrontarono il problema del tipo bengalese. Tra i fondatori impegnati in questo lavoro c'era Joseph Jackson. Nato come caucciù nella fonderia Caslon di Londra, Jackson è salito alla posizione esaltata di tagliatore di pugni, abilità appresa di sua iniziativa di fronte all'opposizione dei Caslon. Fondando la propria fonderia, ha prodotto vari tipi orientali. Un inventario del 1773 elencava i tipi ebraici, persiani e bengalesi nel suo stock. Il bengalese era chiamato "sanscrito moderno" e spiegato come "una corruzione dei caratteri più antichi degli indù, gli antichi abitanti del Bengala". Secondo Rowe Mores, Jackson ha ricevuto un ordine per il tipo bengalese da Willem Bolts, l'avventuriero olandese al servizio della Compagnia delle Indie Orientali, che era "giudice della corte del sindaco di Calcutta".

Come parte del loro programma per rendere popolare lo studio delle lingue orientali, la Compagnia delle Indie Orientali aveva incaricato Bolts di preparare una grammatica della lingua bengalese. Ma sebbene Bolts, che era un uomo di grande intraprendenza e ingegno, si fosse rappresentato come un grande orientalista, incontrò difficoltà con la Compagnia dal 1766 al 1768 che culminò con la sua deportazione dall'India. Era ovviamente tutto in mare per quanto riguarda il taglio dei caratteri nella scrittura bengalese.

La grammatica di Charles Wilkins e Halhed 

Il primo significativo passo avanti nella tipografia, nella stampa e nella pubblicazione bengalese fu fatto nel 1778 con la comparsa di Una grammatica della lingua del Bengala di Halhed. Questo volume storico è stato stampato dalla stampa di un certo signor Andrews a Hooghly, una cittadina a circa quindici miglia da Calcutta. L'enorme risultato tipografico fu reso possibile dagli strenui e incessanti sforzi pionieristici di Charles Wilkins (1749? -1836), soprannominato il Caxton del Bengala.

All'età di circa ventuno anni, Wilkins prese servizio come "scrittore" nella Compagnia delle Indie Orientali e salpò per il Bengala. Come altri civili inglesi in India, studiò diligentemente il sanscrito e il persiano. Inoltre ha sperimentato la produzione di caratteri per la stampa di quei linguaggi. A quel tempo Warren Hastings era governatore generale. Nonostante la sua carriera piuttosto travagliata come amministratore, era un mecenate della cultura, sia orientale che occidentale. Aveva ispirato Halhed a comporre il trattato sulla legge indù e le teorie di governo, pubblicato come Il Codice di Gentoo Law. Incoraggiato da quel successo, Halhed aveva continuato a compilare Una grammatica della lingua del Bengala.

Quando Halhed ebbe il suo manoscritto pronto per la stampa, scoprì che non erano disponibili font di tipo bengalese. Il carattere bengalese di Jackson era incompleto e insoddisfacente. In questa situazione si rivolse a Hastings e probabilmente suggerì Wilkins, fortunatamente assegnato alla fabbrica Hooghly della Società come fondatore di tipo. Il risultato è stato il carattere bengalese di Wilkins. «Il consiglio e persino la sollecitazione del Governatore Generale hanno convinto il signor Wilkins... a intraprendere una serie di tipi del Bengala. Lo ha fatto e il suo successo ha superato ogni soddisfazione. In un paese così lontano da ogni legame con gli artisti europei, è stato obbligato a farsi carico di tutte le varie occupazioni del metallurgista, dell'incisore, del fondatore e dello stampatore. "Ha superato così bene tutti i suoi ostacoli, a forza di personale lavoro, che è stato salutato come un uomo in grado di portare la perfezione da solo a quel tipo di lavoro che di solito richiede decenni e la collaborazione di molti uomini.

Nel valutare la natura del successo di Wilkins, dobbiamo renderci conto che, in contrasto con il minor numero di caratteri in un font di tipo romano, la scrittura indiana media ha oltre seicento lettere, inclusi segni vocalici, combinazioni, ecc. Lavora su tale il carattere è più arduo e dispendioso in termini di tempo e richiede una maggiore abilità. Anche lo stoccaggio di una sala di composizione è più costoso. Secondo Norman A. Ellis, "La digitazione manuale di un doppio caso di caratteri romani può fare il lavoro per il lavoro sui libri, ma sono necessari fino a sette casi di dimensioni simili per una sceneggiatura indiana".

Una grammatica della lingua del Bengala era un'opera a grandezza naturale che utilizzava copiosi estratti dai principali libri bengalesi allora esistenti. Wilkins ha dovuto risolvere la maggior parte dei problemi della tipografia bengalese per tagliare i caratteri. Ha continuato il suo lavoro nel taglio di caratteri bengalesi a Hooghly fino al 1786 e successivamente alla stampa della Compagnia a Calcutta. Quest'ultima stampa ha pubblicizzato la sua capacità di stampare libri in bengalese. Esempi di libri bengalesi emessi da questa stampa sono stati la traduzione di Jonathan Duncan di Il regolamento per l'amministrazione della giustizia nei tribunali di Dewanee Adaulat nel 1785 e la traduzione del Bengala di NB Edmonstone Regolamento per l'amministrazione della giustizia nei tribunali di Fouzdarry o penale in 1791.

M. Siddiq Khan (1910 – 1978) è stato il bibliotecario della Biblioteca Centrale dell'Università di Dhaka e il fondatore del Dipartimento di Scienze Biblioteche dell'Università. Nel marzo 2004, il governo del Bangladesh gli ha conferito postumo l'Independence Day Award, la più alta onorificenza civile del paese.

Questo è un estratto dell'articolo intitolato "The Early History of Bengali Printing" originariamente pubblicato in Il trimestrale della biblioteca nel numero di gennaio 1962.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti