9.1 C
Bruxelles
Sabato, Febbraio 4, 2023

Con l'escalation del conflitto in Etiopia, l'Onu avverte della crisi umanitaria – Vatican News

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Notizie dal Vaticano

Il primo ministro etiope Abiy Ahmed sta portando avanti una campagna militare che ha annunciato mercoledì contro la regione settentrionale del Tigray. La comunità internazionale chiede il dialogo tra il governo federale dell'Etiopia e il Fronte di liberazione popolare del Tigray (TPLF). 

Venerdì il Primo Ministro ha promesso che gli attacchi aerei nel Tigray sarebbero continuati. Gli attacchi iniziali hanno preso di mira depositi di armi e siti militari. 

Sostegno umanitario interrotto

Circa 600,000 persone nel Tigray dipendono dagli aiuti alimentari per sopravvivere, mentre un altro milione riceve altre forme di sostegno, tutte interrotte, ha affermato l'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) in un rapporto pubblicato sabato.

Secondo il rapporto, gli scontri tra le truppe federali e le forze del Tigrino erano scoppiati in otto località della regione.

Sei combattenti sono stati uccisi e più di 60 feriti nei combattimenti vicino al confine tra le regioni del Tigray e dell'Amhara, ha detto una fonte umanitaria Reuters di domenica. Entrambe le parti hanno subito vittime e alcuni dei feriti sono stati portati in ospedali dentro e vicino alla città di Gondar, ha detto la fonte.

Anche gli sforzi per combattere un'infestazione di locuste sono stati messi a repentaglio

Un'infestazione di locuste del deserto nell'Africa orientale ha colpito il Tigray in modo particolarmente duro e si teme che gli sforzi per combattere gli sciami di insetti si siano fermati a causa del conflitto, rischiando ulteriori danni ai raccolti, si legge nel rapporto delle Nazioni Unite.

disse Abiy Twitter sabato che la sua campagna militare "mira a porre fine all'impunità che ha prevalso per troppo tempo", ha detto.

L'ostilità tra Abiy ei suoi ex alleati è cresciuta costantemente dal 2018. I tigrini si lamentano della persecuzione sotto Abiy, un'etnia oromo, che ha ordinato l'arresto di dozzine di ex alti funzionari militari e politici del TPLF in una repressione della corruzione. L'anno scorso, Abiy ha riorganizzato la coalizione di governo in un unico partito a cui il TPLF ha rifiutato di aderire.

Offerte di mediazione

Esperti e diplomatici lanciano allarmi di una potenziale guerra civile che potrebbe destabilizzare il Paese di 110 milioni di persone nella regione strategica del Corno d'Africa.

Il più grande comando dell'esercito federale, e la maggior parte delle sue armi pesanti, sono di stanza nel Tigray. Uno dei maggiori rischi è che l'esercito possa dividersi lungo linee etniche, con i tigrini che disertano per le forze della loro regione. 

Le forze del Tigrano contano fino a 250,000 uomini e hanno le proprie scorte significative di equipaggiamento militare, affermano gli esperti.

"La frammentazione dell'Etiopia sarebbe il più grande collasso statale nella storia moderna", ha affermato giovedì un gruppo di ex diplomatici statunitensi in una dichiarazione pubblicata dall'Istituto per la pace degli Stati Uniti. L'escalation del conflitto ucciderebbe anche le speranze rimaste per le riforme democratiche che Abiy ha promesso, si legge nel comunicato.

Abiy ha parlato sabato con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che "ha offerto i suoi buoni uffici". Il capo delle Nazioni Unite ha parlato sabato anche al presidente della Commissione dell'Unione africana, Moussa Faki Mahamat, e al ministro sudanese Abdalla Hamdok nella sua qualità di presidente del gruppo regionale africano IGAD.

(Reuters)

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti