9.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Gli Stati Uniti mettono la Nigeria nella lista nera della libertà religiosa con Cina e Arabia Saudita

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

(Foto: REUTERS / Joe Penney)Una chiesa è sorvegliata da soldati dietro i sacchi di sabbia, a Maiduguri, Nigeria, 23 maggio 2014. Le case di culto cristiane sono sorvegliate da soldati militari in ogni momento a Maiduguri.

Gli Stati Uniti hanno incluso la Nigeria in una lista nera di nazioni in cui "violazioni sistematiche, continue ed eclatanti della libertà religiosa" sono motivo di preoccupazione.


La mossa potrebbe aprire la strada a potenziali sanzioni in futuro, Onda tedesca segnalati.

Il 7 dicembre il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato che la nazione dell'Africa occidentale, alleata degli Stati Uniti, era tra i "paesi preoccupanti ai sensi dell'International Religious Freedom Act del 1998".

“Gli Stati Uniti sono incrollabili nel loro impegno per la libertà religiosa. A nessun paese o entità dovrebbe essere consentito perseguitare impunemente le persone a causa delle loro convinzioni", ha affermato Pompeo in un tweet.

"Queste designazioni annuali mostrano che quando la libertà religiosa viene attaccata, agiremo".

Pompeo non ha approfondito le ragioni dell'inclusione della Nigeria, che ha un delicato equilibrio tra musulmani e cristiani, Voce dell'America segnalati.

Pompeo in particolare non ha incluso l'India, che ha una relazione crescente con Washington, ha affermato VOA.

Il Segretario di Stato americano era infuriato per la raccomandazione della Commissione sulla libertà religiosa internazionale di includere la nazione laica ma a maggioranza indù in quella che ha definito una brusca svolta al ribasso sotto il primo ministro Narendra Modi.

“Gli Stati Uniti designano Birmania, Cina, Eritrea, Iran, Nigeria, RPDC (Corea del Nord), Pakistan, Arabia Saudita, Tagikistan e Turkmenistan come Paesi di particolare interesse ai sensi dell'International Religious Freedom Act del 1998, come modificato, per commettendo o tollerando 'violazioni sistematiche, continue ed eclatanti della libertà religiosa'”.

La Nigeria è stata designata per la prima volta come PCC nel 2019 dal Dipartimento di Stato a causa del trattamento riservato al leader della comunità sciita Ibrahim ZakZaky. ZakZaky è in detenzione dal 2015, nonostante un tribunale ne abbia ordinato il rilascio, Preoccupazione cristiana internazionale International segnalati.

Tuttavia, la nazione dell'Africa occidentale ha negato tutte le accuse di violazione della libertà religiosa.

Lai Mohammed, il suo ministro dell'Informazione e della Cultura, ha rilasciato una dichiarazione ad Abuja l'8 dicembre in cui affermava che l'elenco era una divergenza di opinioni tra le due nazioni.

Ha detto: “La Nigeria non è coinvolta nella violazione della libertà religiosa, né ha una politica di persecuzione religiosa. Le vittime dell'insicurezza e del terrorismo nel Paese sono aderenti al cristianesimo, all'Islam e ad altre religioni”.

La Nigeria è la nazione più popolosa dell'Africa con circa 214 milioni di persone, di cui poco più del 50% si pensa siano musulmani e circa il 46% cristiani.

La legge statunitense afferma che le nazioni nella lista nera devono apportare miglioramenti o affrontare sanzioni, comprese le perdite di assistenza del governo statunitense.

Tuttavia, l'amministrazione può rinunciare a tali azioni.

Il Dipartimento di Stato americano ha rilevato che otto persone su 10 in tutto il mondo devono affrontare restrizioni alla libertà religiosa.

“Dove la libertà religiosa è assente, il terrorismo e la violenza inaspriscono. La nostra difesa delle comunità religiose all'estero aiuta a garantire la protezione e la prosperità degli americani in patria", ha affermato il Dipartimento di Stato in una nota.

Sebbene le designazioni si riferiscano ad azioni del governo, il Dipartimento di Stato aveva già elencato il Boko Haram nigeriano come un gruppo terroristico, Segnalato dall'AFP.

I militanti hanno iniziato un'insurrezione nel 2009 nel nord-est della Nigeria che da allora si è diffusa nei paesi vicini, uccidendo più di 36,000 persone e costringendo 3 milioni a fuggire dalle loro case, secondo le Nazioni Unite.

Secondo la legge statunitense, le nazioni nella lista nera devono apportare miglioramenti o affrontare sanzioni, inclusa la perdita dell'assistenza del governo statunitense, sebbene l'amministrazione possa rinunciare ad agire.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti