-1.6% C
Bruxelles
Martedì, febbraio 7, 2023

Boris Johnson e il capo dell'UE sono pessimisti sulle possibilità di raggiungere un accordo commerciale sulla Brexit

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Il primo ministro britannico Boris Johnson e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sembrano entrambi pessimisti sulle possibilità che un accordo commerciale sulla Brexit venga raggiunto prima che il Regno Unito lasci ufficialmente alla fine dell'anno.

Secondo un funzionario dell'Unione europea, la presidente della commissione Ursula von der Leyen ha detto ai 27 leader nazionali del blocco che la Gran Bretagna aveva maggiori probabilità di lasciare l'UE alla fine dell'anno senza un accordo commerciale che con uno.

"La probabilità di un no deal è superiore a quella di un accordo", ha affermato il funzionario, parlando a condizione di anonimato sul messaggio che la von der Leyen ha rivolto ai leader in un vertice dell'UE a Bruxelles.

Il Regno Unito ha lasciato l'UE a gennaio ma rimane un membro informale fino al 31 dicembre quando lascerà finalmente l'orbita del blocco dopo 48 anni.

"Sembra molto, molto probabile che dovremo cercare una soluzione [dove] ... saremo in grado di fare esattamente ciò che vogliamo dal 1 gennaio, sarà ovviamente diverso da quello che ci siamo prefissati di ottenere", Mr. Johnson ha detto ai giornalisti.

"Ma non ho dubbi che questo paese possa prepararsi e, come ho detto, uscire alle condizioni del commercio mondiale".

Ciò è avvenuto il giorno dopo aver affermato che c'era "una forte possibilità" che un accordo non sarebbe stato raggiunto, suggerendo la relazione con Europa potrebbe essere più simile al legame dell'Australia con il continente.

"Penso che dobbiamo essere molto molto chiari, ora c'è una forte possibilità, una forte possibilità, che avremo una soluzione che assomigli molto di più a una relazione australiana con l'UE", ha detto giovedì Johnson.

"Ciò non significa che sia una brutta cosa", ha aggiunto, sostenendo il paese a "prosperare" se le cose fossero andate così.

L'Australia non ha un accordo di libero scambio con l'UE a 27 nazioni ma fa affari con il blocco, anche se in misura minore rispetto al Regno Unito, principalmente a causa della geografia.

Former prime minister Malcolm Turnbull told the BBC that Australia’s trade relationship with Europa was not considered “satisfactory”.

Entrambe le parti del dibattito sulla Brexit affermano di volere un accordo commerciale, ma i negoziati sono bloccati.

I negoziatori britannici e dell'UE che cercano un nuovo accordo su quasi mille miliardi di dollari di scambi annuali sono rimasti bloccati su due questioni principali per settimane: quanto pesce le barche dell'UE possono prendere dalle acque britanniche e fino a che punto l'UE può legare la Gran Bretagna alle sue regole in futuro.

I camion diretti al porto inglese di Dover sono stati accatastati per miglia questa settimana.

Il sig. Johnson e la sig.ra von der Leyen hanno concesso ai negoziatori fino a domenica sera (ora locale) per rompere l'impasse sui diritti di pesca e consentire alla Gran Bretagna di essere punita se dovesse divergere dalle regole del blocco in futuro.

Il funzionario dell'UE ha riassunto il messaggio della sig.ra von der Leyen, dicendo che "i principali ostacoli rimangono".

La sterlina britannica è crollata, le azioni sono scese e la volatilità implicita è aumentata mentre gli investitori hanno iniziato a scontare il rischio di un finale caotico della crisi quinquennale della Brexit.

Un accordo no-trade Brexit danneggerebbe le economie del nord Europa, manderebbe onde d'urto attraverso i mercati finanziari, insidierebbe i confini e seminerebbe il caos attraverso le delicate catene di approvvigionamento che si estendono in tutta Europa e oltre.

Alcuni diplomatici dell'UE hanno suggerito che le affermazioni degli inglesi siano teatrali intese a strappare un accordo all'ultimo minuto, ma i funzionari a Londra hanno affermato di non poter accettare le attuali richieste dell'UE.

Il segretario alla cultura britannico Oliver Dowden, che ha votato per rimanere nell'UE nel referendum sulla Brexit del 2016, ha detto a Sky News che c'era ancora "una possibilità significativa che potessimo ottenere quell'accordo", ma "quell'accordo non può arrivare a nessun prezzo".

Il signor Johnson si è detto "sempre fiducioso" che i negoziatori britannici a Bruxelles raggiungessero una sorta di accordo.

"Se c'è una grande offerta, un grande cambiamento in quello che stanno dicendo, allora devo dire che devo ancora vederlo", ha detto.

ABC / Reuters

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti