7.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

L'autrice di bestseller Christine Shields Corrigan si apre sul libro 

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

È una sopravvissuta al cancro per due volte, moglie e mamma. Dà voce al bello ordinario nei suoi saggi lirici e pratici. Il suo lavoro su famiglia, malattia, scrittura e sopravvivenza resiliente.

Inoltre, si è laureata al Manhattan College e alla Fordham University School of Law. Insegna scrittura creativa di saggistica per un programma di educazione degli adulti, offre seminari di scrittura per gruppi di supporto al cancro e funge da presidente del comitato di programmazione del Festival of Books di Morristown.

"Ancora: sopravvivere al cancro due volte con amore e liste" è una lettura avvincente e un libro tanto necessario. Cosa ti ha spinto a scrivere la tua storia e poi a condividerla con il mondo?

Ho scritto "Ancora una volta: sopravvivere al cancro due volte con amore e liste" per diversi motivi, sia esterni che interni. Il motivo esterno più semplice è che ho scritto di nuovo perché il mio navigatore infermiera chirurgica mi ha chiesto di scrivere una "lista" di suggerimenti o trucchi utili che ho imparato durante il trattamento del cancro al seno che avrebbe potuto condividere con altre pazienti. Voleva davvero una lista. Ma, una volta che ho iniziato a scrivere, non riuscivo a smettere e tre mesi dopo avevo più di una lista. Avevo dieci saggi per lei. Quei saggi sono diventati il ​​punto di partenza per Again.

Un altro motivo per cui ho scritto di nuovo è che quando mi è stato diagnosticato per la prima volta un cancro al seno, ho cercato un libro che servisse da mappa del percorso, per così dire, per guidarmi attraverso l'esperienza. Nella mia ricerca, ho trovato molti libri scritti da professionisti del settore medico sul cancro, la sua diagnosi e il trattamento. Ho trovato storie di celebrità sul cancro. Ho trovato bellissime memorie sul significato della vita scritte da persone che sono morte di cancro. Ho trovato un sacco di guide e diari rosa e di ispirazione. Non ho trovato utili quei libri. Così ho deciso di scrivere la mia nella speranza che quando altre persone sentiranno: "Mi dispiace, hai il cancro", alcune delle mie esperienze possono risuonare e aiutarli.

La risposta interiore più complessa è che sapevo che non sarei mai guarito emotivamente e psicologicamente se non avessi scritto di nuovo. Quando ero un adolescente, non parlavo dei miei sentimenti o delle mie paure. La mia capacità patologica di compartimentalizzare, organizzare ed evitare ha funzionato bene per trentacinque anni. Allora non è successo. I miei sistemi si sono bloccati, bruciati e mandati in frantumi molti di coloro che ritengo più preziosi. Questo libro mi ha dato la grazia di lasciar andare vecchie ferite e paure e di perdonare.

Ciò ha richiesto molto scavare in profondità e venire a patti con alcuni ricordi spiacevoli, ma ha creato una storia più completa e riconoscibile come un'e-mail di un giovane sopravvissuto che aveva il linfoma di Hodgkin da adolescente mi è stata chiarita. Lei scrisse:

Ho vissuto nella paura per anni… anticipando che un giorno avrei affrontato un cancro secondario legato alle cure che mi erano state somministrate. Ciò ha portato a molte discussioni con il mio team di assistenza per aiutarmi a pianificare la possibilità.

Tuttavia, non potevo scrollarmi di dosso la paura di dover affrontare di nuovo l'esperienza del cancro. Cioè, finché non leggo le tue parole. Le tue parole, il tuo libro, mi hanno aiutato a capire che la mia paura più grande è qualcosa che può essere gestita se entra nella mia vita.

Non sarebbe facile, come sono sicuro che la tua esperienza non lo è stata. Ma sarebbe possibile". Ecco perché ho scritto di nuovo.

Nel tuo libro, il consiglio tempestivo di un vicino cambia il corso delle cose per te, puoi raccontarne un po' ai nostri lettori e cosa ha significato per te?

Quando ripenso alle mie esperienze di cancro, vedo ora come certi momenti mi hanno trasformato. Il mio incontro con il mio vicino è stato uno di questi. Sono sempre stato un agente, quello che si è offerto volontario per rimanere fino a tardi per pulire dopo un incontro di nuoto o un evento scolastico, per accompagnare a casa uno degli amici dei miei figli dall'allenamento o per preparare un pasto per qualcuno che ne aveva bisogno, così tanto che i miei figli mi prendevano in giro per il mio volontariato quando erano piccoli e infastiditi dal fatto che la padella dei brownies sul fornello fosse per una vendita di dolci, non loro. E sì, ho fatto anche loro i loro brownies.

Naturalmente, c'è grazia nel dare e nel servizio alla comunità. Ma, ed ecco la cosa che non ho imparato fino a quel momento, c'è una grazia potente, davvero umiliante, nel ricevere, nel permettere agli altri di aiutare. Nel momento in cui ho realizzato questa realtà apparentemente semplice ed ovvia e ho iniziato a dire di sì agli altri, più supporto io e la mia famiglia abbiamo ricevuto. È arrivato sotto forma di biglietti, preghiere, pasti, coperte, fiori e un rosario benedetto da Papa Francesco, tra le altre cose. Ho imparato il potere della comunità come risultato di quella conversazione: a volte, abbiamo bisogno di ricevere con un cuore aperto.

Quando hai fatto la lettura finale di "Ancora una volta: sopravvivere al cancro due volte con amore e liste", qual è la parte che ti ha toccato di più e perché?

Quando stavo scrivendo di nuovo, ho lottato con il capitolo 6, "Come non dire ai tuoi figli che hai il cancro", poiché ho dovuto confrontare i miei ideali su come volevo essere genitore e comunicare con i miei figli e la realtà non così carina di ciò che effettivamente successo. Tuttavia, nell'ultima lettura, ho pianto nonostante il capitolo 18, "Stai bene", che condivide come mi mancava il fatto che mio figlio maggiore avesse iniziato a soffrire di depressione durante il mio anno di trattamento. Fino ad oggi, il dolore che gli ho causato perché ero così preso dalle mie stesse cose mi ha spezzato il cuore. Non è quello che dovrebbero fare le mamme; dovremmo prendere dei nostri figli. Per oltre un anno, mio ​​figlio non ha condiviso quanto si sentisse male perché voleva proteggermi. È qualcosa di cui soffrirò sempre.

Se potessi in qualche modo tornare indietro e parlare con te stesso, quale consiglio le daresti e perché?

Direi al mio io più giovane di non avere così paura di fallire o di cambiare strada. La vita è una lunga strada maestra e all'età di 54 anni non avrei mai immaginato di pubblicare un libro. Quando mi sono laureato, avevo un piano: andare a giurisprudenza, sposarmi, avere una carriera, avere figli e un giorno andare in pensione. Anche se ho fatto molte di queste cose, i piani cambiano. Ricordo spesso ai miei figli di ricordare che nulla è fisso o permanente. Se non gli piace il percorso che stanno seguendo o il lavoro in cui si trovano o la specializzazione che hanno scelto, va bene cambiare.

Abbiamo così paura del cambiamento e dell'ignoto e di cadere gloriosamente sui nostri volti. Eppure, l'ho scoperto, è in quei momenti o esperienze in cui ho imparato di più e sono cresciuto di più, anche quando quelle esperienze sono dure, spaventose ed egocentriche. Quindi vivi senza paura e continua ad andare avanti. "Siamo solo amministratori su questo pianeta glorioso e imperfetto."

Hai un altro libro, o un evento in lavorazione di cui puoi parlarci?

Sono molto entusiasta di partecipare a un altro progetto chiamato: "(Her)oics: Women's Lived Experiences during the COVID-19 Pandemic", che sarà pubblicato a marzo 2021 da Pact Press. L'antologia raccoglie le storie di cinquantadue donne negli Stati Uniti durante la pandemia, tra cui Not Back To, But Forward, il mio saggio su come le mie esperienze di cancro mi hanno aiutato a far fronte al COVID-19.

Ho visto molte somiglianze tra la diagnosi e il trattamento del cancro e l'esperienza della pandemia di COVID-19, in particolare in quei primi mesi: la paura, la preoccupazione per la propria mortalità, l'isolamento e come un singolo momento nel tempo può alterare irrevocabilmente tutto ciò che è a venire e ho scoperto che potevo affrontare l'incertezza della pandemia perché avevo imparato a convivere con l'incertezza a causa delle mie esperienze di cancro. Quello che ho scoperto più volte è che la sofferenza della vita non è mai la storia vera o più vera; piuttosto, come ci ha trasformato quella sofferenza. E quelle trasformazioni ci permettono di andare avanti con speranza, anche nei giorni bui.

Più immediatamente, parteciperò allo Starstyle Radio Show con Cynthia Brian il 3 febbraio 2021 e apparirò con l'autrice Laraine Herring per un discorso virtuale sull'autore — The Life Beyond: A Conversation about Grief and Cancer — per Book Passage il 4 febbraio , 2021.

Mi piacerebbe anche produrre "Ancora" come audiolibro e continuare a fare discorsi con gli autori e creare connessioni con gli altri.

Il suo libro è disponibile su Amazon da cliccando qui.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti