9.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Migliaia di operatori sanitari dell'UE nel Regno Unito rischiano di perdere lo status di immigrazione

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.
Migliaia di operatori sanitari nel Regno Unito rischiano di essere criminalizzati e di perdere il diritto al lavoro durante la notte, secondo un nuovo rapporto che mette in guardia contro la mancanza di conoscenza del EU schema di liquidazione.
Il Consiglio congiunto per il benessere degli immigrati (JCWI) avverte che il settore dell'assistenza rischia di essere "devastato" in un momento in cui è già stato messo in ginocchio dalla pandemia di coronavirus, poiché un'ampia coorte della sua forza lavoro non è consapevole di aver bisogno per richiedere lo status di stabile.
Il regime di insediamento dell'UE consente ai cittadini dell'UE e ai loro familiari che vivono in Gran Bretagna di presentare domanda per un nuovo postoBrexit stato di immigrazione. Hanno tempo fino alla fine di giugno 2021 per presentare domanda e, in caso contrario, perderanno il diritto legale di risiedere nel Regno Unito e diventeranno passibili di rimozione.
Nearly 4.9 million people have so far applied under the scheme, but the total number of EU nationals in Britain is unknown so the Home Office will never know if all those who are eligible to apply have done so. The report warns that even a small fraction of people do not apply, tens or hundreds of thousands of people could lose their immigration status.
La ricerca, che si basa su un sondaggio online e interviste di persona con 295 operatori sanitari dell'UE, rivela che uno su sette intervistato online non sapeva o non era sicuro di quale fosse lo schema di liquidazione dell'UE e che uno su tre non era a conoscenza del termine.
Le cifre per gli intervistati di persona erano più nette, con uno su tre ignaro del programma e oltre il 50% non sapeva quando fosse la scadenza.
Il settore dell'assistenza, che ha subito gravi tagli negli ultimi anni, impiega circa 250,000 cittadini non britannici che costituiscono il 16% della forza lavoro, di cui 113,000 cittadini dell'UE.
Gli attivisti hanno affermato che la mancanza di consapevolezza circa il programma di insediamento dell'UE derivava da una serie di fattori, tra cui la mancanza di lavoro di sensibilizzazione da parte del Ministero dell'Interno e la carenza di supporto per aiutare le persone a presentare domanda, che è stata ulteriormente ridotta dalla perdita di contatti diretti -contatto facciale durante la pandemia.

Susana Auger, un'operaia portoghese che vive a Chippenham, che ha chiesto e ottenuto lo status di stabile, ha detto The Independent che mentre è stata fortunata ad aver avuto le capacità e il supporto per farlo, molti dei suoi colleghi no.

La 49enne, che è in Gran Bretagna dal 2013 e vive con il marito britannico, ha affermato di non essere rimasta sorpresa dai risultati del rapporto, citando le scarse conoscenze della lingua inglese, la mancanza di supporto e l'impossibilità di accedere a uno smartphone come barriere alla operatori sanitari che si candidano al regime.

“Ci sono molte agenzie di assistenza là fuori che vogliono solo il profitto. Non aiuteranno gli assistenti a fare domanda per l'insediamento, sono lì per fare soldi e gli assistenti devono risolvere i propri problemi”, ha detto.

“Ci sono piccole reti di supporto qua e là, ma molte persone non le conoscono. Molte persone del settore non parlano inglese, il che presenta un'altra barriera. E molte delle case in cui vivono e lavorano i prestatori di assistenza non hanno la banda larga, quindi non possono accedere a Internet, soprattutto ora che la maggior parte delle biblioteche, dei caffè e dei pub sono chiusi".

La signora Auger ha invitato i ministri a migliorare il supporto di sensibilizzazione per gli operatori sanitari per garantire che le persone facciano domanda, aggiungendo: “Potrebbero farlo se lo volessero e penso che vorranno che gli operatori sanitari continuino a lavorare qui. Non ci sono abbastanza badanti qui così com'è".

Il Ministero dell'Interno ha fornito fino a 17 milioni di sterline a 72 enti di beneficenza in tutto il Regno Unito per sostenere le persone che fanno domanda per il programma, ma il JCWI ha affermato che ciò era "inadeguato" e insufficiente per soddisfare la necessità, aggiungendo che la dipendenza da enti di beneficenza e datori di lavoro per "riempire the gaps” era “irrealistico e pericoloso”.

Nove operatori sanitari su 10 intervistati di persona per il rapporto non sapevano dove trovare assistenza con il processo di richiesta e, di coloro che avevano ricevuto aiuto per presentare domanda, il 77% ha affermato che questo supporto era un "abbastanza" o "molto" importante parte del processo.

Karolina Gerlich, direttrice esecutiva della Care Workers' Charity, ha sottolineato che la crisi del Covid-19 significava che il settore dell'assistenza aveva poco tempo per supportare e informare i dipendenti sul programma e che i lavoratori stessi avevano poco tempo per pensarci.

“This kind of thing isn’t at the forefront of people’s minds. Care workers are working beyond their capacity all the time at the moment because there’s just so much to do. Brexit on top of Covid is already very bad timing, so capacity is particularly low at the moment,” she said.

"Lo schema dovrebbe essere esteso perché dobbiamo dare alle persone il tempo di poter fare tutto".

Sotto il nuovo sistema di immigrazione post-Brexit del governo, c'è un requisito obbligatorio per i richiedenti il ​​visto di avere un'offerta di lavoro in un elenco di occupazioni idonee, con un requisito di stipendio minimo di £ 20,480, il che significa che la maggior parte degli operatori sanitari stranieri non è ammissibile.

Il rapporto invita il governo a prorogare la scadenza oltre giugno al fine di garantire che gli operatori sanitari non perdano il loro status giuridico e i loro diritti e raccomanda che ogni cittadino dell'UE e familiare residente nel Regno Unito prima della fine di dicembre 2020 riceva automaticamente stato stabilito.

Prosegue avvertendo che i problemi non riguardano solo gli operatori sanitari, ma riguarderanno i cittadini dell'UE di tutti i ceti sociali, in particolare coloro che sono vulnerabili, compresi gli anziani e i disabili, le vittime di abusi domestici, i bambini assistiti, i senzatetto e Comunità Rom.

Caitlin Boswell, autrice del rapporto e responsabile del progetto dei cittadini dell'UE presso JCWI, ha affermato che con la scadenza del programma a meno di sei mesi e il Regno Unito ancora nel mezzo di una pandemia, i ministri devono "agire ora" per impedire ai cittadini dell'UE di perdere la loro diritto di vivere nel Regno Unito e "fornire i servizi su cui ci affidiamo".  

Ha aggiunto: “Questo include migliaia di operatori sanitari e altri che hanno lavorato instancabilmente durante l'ultimo anno, mettendo in gioco le loro vite e quelle delle loro famiglie per farci superare questa crisi.  

“La finestra di tempo per i cittadini dell'UE per candidarsi al regime era già estremamente breve e ora il Covid ne ha consumato circa la metà. Non potrebbe essere più urgente che il governo revochi la scadenza, altrimenti decine di migliaia di cittadini dell'UE rischiano di perdere il diritto di rimanere a giugno".

Caroline Abrahams, direttrice di beneficenza di Age UK, ha affermato che i risultati sono "preoccupanti" e dovrebbero fungere da "campanello d'allarme" per il Ministero dell'Interno, avvertendo che la mancata proroga della scadenza e il rinnovo dei suoi sforzi per sensibilizzare le agenzie di assistenza e il personale “rischierebbe di peggiorare una situazione già molto difficile dell'assistenza sociale”.

“Il nostro sistema di assistenza era in cattive condizioni prima dell'arrivo della pandemia e ha subito un terribile martellamento negli ultimi dieci mesi. E con oltre centomila posti vacanti nella forza lavoro assistenziale, i contributi degli operatori sanitari europei sono vitali: abbiamo bisogno di ogni buon professionista dell'assistenza che possiamo trovare", ha aggiunto.

 Il ministro per i confini futuri e l'immigrazione Kevin Foster ha dichiarato: "Questo rapporto presenta un quadro incredibilmente fuorviante dello schema di regolamento dell'UE che dipinge, dato che si basa su un piccolo sondaggio condotto un anno fa su meno di 300 persone, da allora milioni di domande sono state ricevute dal sistema".

“Ora abbiamo ricevuto quasi 4.9 milioni di domande per lo schema di regolamento UE di enorme successo, che è una notizia formidabile. Mancano meno di sei mesi alla scadenza del 30 giugno 2021 e incoraggerei tutti coloro che sono idonei a presentare domanda per garantire i propri diritti ai sensi della legge del Regno Unito.

"Un'ampia gamma di supporto è disponibile online e per telefono se ne hai bisogno e stiamo finanziando 72 organizzazioni in tutto il Regno Unito per garantire che nessuno rimanga indietro".

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti