10.7 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Deputati: porre un prezzo del carbonio su alcune importazioni dell'UE per aumentare l'ambizione globale sul clima

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

  • Tutti i prodotti nell'ambito del sistema di scambio di quote di emissione dell'UE dovrebbero essere inclusi
  • Entrate da utilizzare per rafforzare il sostegno dell'UE agli obiettivi del Green Deal
  • Il meccanismo non deve essere utilizzato in modo improprio per promuovere il protezionismo commerciale

Per aumentare l'ambizione climatica globale e prevenire la "rilocalizzazione delle emissioni di carbonio", il EU deve fissare un prezzo del carbonio su determinate importazioni da paesi meno ambiziosi dal punto di vista climatico, affermano i deputati.

Mercoledì il Parlamento ha adottato una risoluzione su un meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere dell'UE (CBAM) compatibile con l'OMC con 444 voti favorevoli, 70 contrari e 181 astensioni.

La risoluzione sottolinea che la maggiore ambizione dell'UE sul cambiamento climatico non deve portare a una "rilocalizzazione delle emissioni di carbonio" poiché gli sforzi globali per il clima non trarranno beneficio se la produzione dell'UE verrà spostata solo in paesi non UE che hanno norme sulle emissioni meno ambiziose.

Gli eurodeputati sono quindi favorevoli a stabilire un prezzo del carbonio su determinati beni importati da paesi extra UE, se questi paesi non sono abbastanza ambiziosi riguardo al cambiamento climatico. Ciò creerebbe condizioni di parità a livello mondiale e un incentivo per le industrie dell'UE e non UE a decarbonizzare in linea con il Accordo di Parigi obiettivi.

I deputati sottolineano che dovrebbe essere compatibile con l'OMC e non essere utilizzato in modo improprio come strumento per rafforzare il protezionismo. Deve quindi essere progettato specificamente per soddisfare gli obiettivi climatici. Le entrate generate dovrebbero essere utilizzate come parte di un paniere di entrate proprie per aumentare il sostegno agli obiettivi del Green Deal nell'ambito del bilancio dell'UE, aggiungono.

Meccanismo da collegare a un sistema di scambio di quote di emissione (ETS) dell'UE riformato

Il nuovo meccanismo dovrebbe far parte di una più ampia strategia industriale dell'UE e coprire tutte le importazioni di prodotti e merci contemplate dall'ETS dell'UE. I deputati aggiungono che già entro il 2023, e a seguito di una valutazione d'impatto, dovrebbe coprire il settore energetico e i settori industriali ad alta intensità energetica come cemento, acciaio, alluminio, raffineria di petrolio, carta, vetro, prodotti chimici e fertilizzanti, che continuano a ricevere cospicui stanziamenti gratuiti e rappresentano ancora il 94 % delle emissioni industriali dell'UE.

Aggiungono che collegando il prezzo del carbonio nell'ambito del CBAM al prezzo delle quote dell'UE nell'ambito del ETS dell'UE contribuirà a combattere la rilocalizzazione delle emissioni di carbonio, ma sottolinea che il nuovo meccanismo non deve portare a una doppia protezione per gli impianti dell'UE.

Potete guardare un video del dibattito in plenaria qui.

Quote

Dopo la votazione, relatore del Parlamento Yannick Jadot (Verdi/ALE, FR) ha dichiarato:

“Il CBAM è una grande opportunità per conciliare le questioni relative a clima, industria, occupazione, resilienza, sovranità e ricollocazione. Dobbiamo smettere di essere ingenui e imporre lo stesso prezzo del carbonio ai prodotti, siano essi prodotti all'interno o all'esterno dell'UE, per garantire che anche i settori più inquinanti partecipino alla lotta ai cambiamenti climatici e innovino verso lo zero carbon. Questa è la nostra migliore possibilità di rimanere al di sotto del limite di riscaldamento di 1.5°C, spingendo anche i nostri partner commerciali a essere ugualmente ambiziosi per entrare nel mercato dell'UE.

Prossimi passi

La Commissione dovrebbe presentare a proposta legislativa su un CBAM nel secondo trimestre 2021 nell'ambito del Green Deal europeo nonché una proposta su come includere le entrate generate per finanziare parte del bilancio dell'UE.

sfondo

Il Parlamento ha svolto un ruolo importante nel promuovere una legislazione dell'UE sul clima più ambiziosa. Ha dichiarato a emergenza climatica il 28 novembre 2019 e vuole che l'UE e i suoi Stati membri diventino climaticamente neutrali nel 2050 e riducano le emissioni di gas serra del 60% entro il 2030.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti