1.3 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 28, 2024
EuropaCovid-19: l'Unione Europea affronta AstraZeneca in tribunale per le consegne di vaccini

Covid-19: l'Unione Europea affronta AstraZeneca in tribunale per le consegne di vaccini

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.
Virginia Mayo/AP

Gli avvocati della Commissione Europea, a sinistra, e AstraZeneca a destra, preparano le argomentazioni durante un'udienza, Commissione Europea vs AstraZeneca, presso il tribunale principale di Bruxelles.

L'Unione Europea ha assunto il produttore di vaccini AstraZeneca mercoledì in un tribunale di Bruxelles con la richiesta urgente che la società ha bisogno di effettuare una consegna immediata di colpi di Covid-19 che il blocco insiste che fosse già dovuto.

Il contratto di AstraZeneca firmato con la Commissione Europea, braccio esecutivo dell'Ue, per conto degli Stati membri prevedeva inizialmente 300 milioni di dosi da distribuire tra tutti i 27 Paesi, con un'opzione per ulteriori 100 milioni.

Le dosi avrebbero dovuto essere consegnate per tutto il 2021. Ma nel primo trimestre ne sono state inviate solo 30 milioni.

Da allora le consegne sono leggermente aumentate ma, secondo la Commissione Europea, l'azienda dovrebbe fornire solo 70 milioni di dosi nel secondo trimestre. Aveva promesso 180 milioni.

LEGGI DI PIÙ:
* I turisti statunitensi saranno presto accolti in Europa
* "Discussione sulla semantica": l'Australia aumenta la posta in gioco nella guerra dei vaccini con l'Europa
* Pianifica di aumentare la produzione di vaccini nel Regno Unito tra le minacce dell'UE
* 'Siamo nella crisi del secolo': l'Europa minaccia di sequestrare gli stabilimenti di AstraZeneca
* L'autorità di regolamentazione dell'UE "convinta" che il vantaggio di AstraZeneca superi il rischio
* Covid-19: il regolatore Ue autorizza il vaccino AstraZeneca per tutti gli adulti

L'avvocato dell'UE Rafael Jafferali ha detto alla corte che la società ora prevede di fornire il numero totale di dosi entro la fine di dicembre, ma ha aggiunto che "con un ritardo di sei mesi, è ovviamente un fallimento".

La sua argomentazione principale è che AstraZeneca avrebbe dovuto utilizzare i siti di produzione nel blocco e nel Regno Unito per le forniture dell'UE come parte della clausola del "miglior sforzo ragionevole" nel contratto.

Ha affermato che 50 milioni di dosi che avrebbero dovuto essere consegnate all'UE sono andate invece a paesi terzi, "in violazione" del loro contratto.

Virginia Mayo/AP

Gli avvocati della Commissione Europea da sinistra, Rafael Jafferali, Charles Edouard Lambert e Alain Foriers portano i documenti mentre arrivano per un'udienza.

Jafferali ha affermato che l'azienda dovrebbe utilizzare tutti e quattro gli impianti elencati nel contratto per le consegne nell'UE.

Ha inoltre accusato l'azienda di aver fuorviato la Commissione Europea fornendo dati poco chiari sui ritardi di consegna.

"Le informazioni fornite da AstraZeneca non ci hanno permesso di comprendere appieno la situazione prima della metà di marzo 2021", ha affermato.

L'UE ha insistito che le sue lamentele con l'azienda riguardano solo le consegne e ha ripetutamente affermato di non avere problemi con la sicurezza o la qualità del vaccino stesso.

I colpi sono stati approvati dall'Agenzia europea per i medicinali, l'autorità di regolamentazione dei farmaci dell'UE.

Mentre il blocco insiste che AstraZeneca abbia violato i suoi obblighi contrattuali, la società afferma di aver pienamente rispettato l'accordo, sostenendo che i vaccini sono difficili da produrre e ha fatto del suo meglio per consegnarli in tempo.

Virginia Mayo/AP

L'avvocato di AstraZeneca Hakim Boularbah parla con i media prima di un'udienza.

Gli avvocati della società si rivolgeranno al tribunale più tardi mercoledì (ora locale).

Nell'ambito di un accordo di acquisto avanzato con le aziende produttrici di vaccini, l'UE ha dichiarato di aver investito 2.7 miliardi di euro (4.53 miliardi di dollari neozelandesi), di cui 336 milioni di euro, per finanziare la produzione del siero di AstraZeneca in quattro stabilimenti.

La disputa di lunga data ha attirato l'attenzione dei media per settimane all'inizio di quest'anno in mezzo a un'ondata mortale di infezioni da coronavirus Europa, quando i ritardi nella produzione e nelle consegne dei vaccini hanno ostacolato la campagna di vaccinazione dell'UE.

Più economico e più facile da usare rispetto ai vaccini concorrenti di Pfizer-BioNTech, il vaccino AstraZeneca sviluppato con l'Università di Oxford è stato un pilastro del lancio del vaccino dell'UE. Ma la partnership dell'UE con l'azienda si è rapidamente deteriorata a causa delle accuse di favorire i suoi rapporti con le autorità britanniche.

Mentre il Regno Unito ha compiuto rapidi progressi nella sua campagna di vaccinazione grazie ai colpi di AstraZeneca, l'UE ha dovuto affrontare lamentele e critiche imbarazzanti per il suo inizio lento.

Le preoccupazioni per il ritmo del lancio in tutta l'UE sono aumentate dopo che AstraZeneca ha affermato di non poter fornire ai membri dell'UE tutte le dosi originariamente previste a causa dei limiti della capacità di produzione.

La situazione sanitaria in Europa è notevolmente migliorata nelle ultime settimane, con il numero di ricoveri e decessi per Covid-19 in forte calo con la ripresa delle vaccinazioni.

In Europa sono state erogate circa 300 milioni di dosi di vaccino, una regione con circa 450 milioni di abitanti, di cui circa 245 milioni già somministrati.

Circa il 46% della popolazione dell'UE ha assunto almeno una dose.

In totale, la Commissione europea si è assicurata oltre 2.5 miliardi di dosi di vaccino con vari produttori. Di recente ha siglato un altro importante ordine con Pfizer e BioNTech fino al 2023 per ulteriori 1.8 miliardi di dosi del loro vaccino Covid-19 da condividere tra i paesi del blocco.

Dopo l'udienza di mercoledì, una seconda udienza è prevista per venerdì, con sentenza da pronunciare in data da destinarsi. Oltre all'azione d'urgenza, la Commissione Europea ha avviato un'azione nel merito della causa risarcitoria per la quale non è stata ancora fissata l'udienza da parte del giudice.

AP

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -