7.9 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 1, 2023

Far funzionare la transizione digitale per tutte le PMI

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

​​​​​​​​Il webinar ha esaminato lo stato della trasformazione digitale nelle regioni europee, facendo il punto sulle ultime ricerche che mostrano un divario digitale crescente tra le regioni europee e le comunità urbano-rurali. I relatori invitati hanno condiviso le loro opinioni su come le autorità pubbliche a tutti i livelli possono facilitare la transizione digitale delle piccole e medie imprese (PMI), presentando alcune migliori pratiche e iniziative di collaborazione delle regioni imprenditoriali europee.

Nella seduta di apertura il sig Ivan Štefanec, Membro del Parlamento Europeo e Presidente di PMI Europa, ha individuato tre temi cruciali per accelerare la transizione digitale delle PMI: la necessità di lavorare sull'infrastruttura digitale, le competenze digitali e il quadro giuridico per l'economia digitale.

Ms Fuori Slotboom dalla DG GROW della Commissione europea ha fornito alcuni fatti e cifre che spiegano perché le piccole imprese tendono a rimanere indietro nella transizione digitale. Ha indicato che i programmi e gli strumenti dell'UE devono essere progettati in modo da soddisfare le diverse esigenze delle PMI, rivolgendosi alle aziende avanzate con soluzioni digitali più sofisticate e, d'altra parte, fornendo forme di supporto più basilari per le aziende tradizionali.

Mr Eddy Van Hijum, membro del CdR e relatore sulla strategia per le PMI, lo ha affermato I programmi europei dovrebbero trovare un equilibrio tra il sostegno alla ricerca e sviluppo e all'innovazione dei leader nelle tecnologie avanzate e il sostegno più convenzionale all'applicazione di tecnologie digitali comprovate nelle piccole imprese e nelle imprese familiari in vari settori. Il sig. Van Hijum ha sottolineato l'importanza di coinvolgere gli enti locali e regionali nello sviluppo e nell'attuazione dei piani nazionali di risanamento, anche nelle loro parti legate alla digitalizzazione.

L' prima sessione del panel del webinar è stato dedicato alla presentazione dei risultati preliminari dello studio condotto dalla commissione ECON del Comitato Europeo delle Regioni "Lo stato della trasformazione digitale a livello regionale e il COVID-19 hanno indotto cambiamenti nell'economia e nei modelli di business e le loro conseguenze per le regioni". I rappresentanti della Fondazione Form (MsSimone Cavallini) ed Eurochambres (Sig Cristoph Riedmann) ha rivelato preoccupazioni per il crescente divario digitale territoriale in Europa. La relazione finale, la cui pubblicazione è prevista per metà luglio, propone un quadro per misurare la preparazione digitale nelle regioni, individua le condizioni contestuali specifiche necessarie per favorire la trasformazione digitale delle PMI e analizza il tipo di sostegno che gli enti locali e regionali possono fornire . Lo studio si basa su un sondaggio a cui hanno risposto 87 enti (LRA, camere di commercio, ecc.) di 21 paesi dell'UE e ulteriori illustrazioni attraverso 8 studi di casi approfonditi.

Reagendo ai risultati dello studio, il sig Dan Dalton di Allied for Start-ups, ha affermato che la pandemia ha sottolineato l'importanza della digitalizzazione nell'economia e ha creato nuove opportunità di mercato per le start-up in tutta Europa. Ha sottolineato l'importanza del finanziamento pubblico da utilizzare come quadro per sbloccare gli investimenti privati ​​e per affrontare i fallimenti del mercato, come le infrastrutture digitali nelle zone rurali.

L' seconda sessione del panel ha offerto l'opportunità di esaminare più in dettaglio gli strumenti regionali a sostegno della digitalizzazione delle PMI, basandosi sulla collaborazione e sulle migliori pratiche nelle regioni imprenditoriali europee (EER).

La sessione è iniziata con una presentazione della Sig Anne-Marie Sassen dalla DG CONNECT della Commissione europea, incentrato sui modi in cui strumenti dell'UE come i Digital Innovation Hub (DIH), i cluster e le alleanze industriali possono favorire la transizione digitale delle PMI. La sig.ra Sassen ha evidenziato in particolare l'in corso processo di preselezione per EDIH , spiegando il valore aggiunto della promozione del collegamento in rete di EDIH, cluster e uffici di Europe Enterprise Network per offrire un servizio continuo alle PMI sul campo.

Mr Vincent Duchene dell'Idea Consult, partner del progetto di collaborazione in corso delle regioni EER, ha presentato un quadro della collaborazione delle regioni EER nell'area della transizione digitale. L'obiettivo principale della cooperazione in questo settore è attualmente sulla futura collaborazione tra EDIH.

Ulteriori presentazioni dei rappresentanti del Brabante Settentrionale (EER 2013), Bassa Austria (EER 2017) e Slesia (EER 2021-22) ha fornito una panoramica di alcune migliori pratiche per sostenere le PMI da parte delle autorità regionali, utilizzando i programmi dell'UE disponibili. I relatori hanno evidenziato gli obiettivi chiave ei vantaggi derivanti dalla cooperazione interregionale sulla digitalizzazione.

Nella conclusione il sig Michael Murphy, presidente della commissione ECON del CdR, ha affermato cheal fine di raggiungere gli obiettivi del decennio digitale europeo, le autorità pubbliche nell'UE hanno bisogno di a approccio multilivello, collaborativo e inclusivo per promuovere la transizione digitale e la coesione digitale nell'UE, utilizzando saggiamente le risorse del QFP e del dispositivo per la ripresa e la resilienza . Murphy ha affermato che l'adozione digitale e il recupero delle PMI esistenti dovrebbero essere tra le priorità principali dei nuovi programmi digitali dell'UE.
​​​​​​​​​La relazione finale del CdR/Eurochambres on "Lo stato della trasformazione digitale a livello regionale e il COVID-19 hanno indotto cambiamenti nell'economia e nei modelli di business e le loro conseguenze per le regioni" sarà pubblicato entro metà luglio e riceverai un link via e-mail.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti