9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Il Vecchio Mondo e la selezione di chi non ha i diritti alla libertà e alla sicurezza della persona

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

La Convenzione europea dei diritti dell'uomo è stata redatta da gruppi ed esperti all'interno del Consiglio d'Europa in formazione nel 1949-1950, sulla base di una precedente bozza prodotta dal Movimento europeo.

Dopo lunghi dibattiti, l'Assemblea del Consiglio d'Europa ha inviato la sua proposta per una Carta dei diritti umani, che era stata redatta da più di 100 parlamentari nell'estate del 1949, all'organo decisionale del Consiglio, il Comitato dei ministri.

Le bozze del Movimento europeo, dalle quali l'Assemblea consultiva del Consiglio d'Europa fu notevolmente influenzata, prevedevano la garanzia della “libertà dall'arresto arbitrario, dalla detenzione e dall'esilio, e altre misure, a norma degli articoli 9, 10 e 11 del Dichiarazione universale delle Nazioni Unite sui diritti umani”.

Questo testo non ha dato luogo ad alcuna discussione in Assemblea ed è stato riprodotto senza modifiche nella Raccomandazione dell'Assemblea dell'8 settembre 1949.

Il Comitato di Esperti redige il nuovo testo della Convenzione

Il Comitato dei Ministri del Consiglio di Europa si riunì nel novembre 1949, e dopo una revisione rifiutò di accettare il progetto di Convenzione preparato dall'Assemblea. Una delle principali preoccupazioni era che i diritti da garantire fossero semplicemente enumerati e che il controllo delle restrizioni sui diritti fosse contenuto in forma generale.

Il Comitato dei Ministri ha quindi chiesto l'istituzione di un comitato di esperti legali per elaborare un progetto di Convenzione che serva come base per future discussioni. Hanno fornito la Raccomandazione dell'Assemblea per a Diritti umani Carta al neocostituito Comitato di esperti sui diritti umani. Al Comitato è stato affidato il compito di determinare se i diritti debbano essere definiti con maggiore precisione, ad esempio per allinearli alla normativa e alle condizioni vigenti, o lasciati come enunciati generali di principi.

Il mandato del Comitato di esperti ha affermato che: “dovrebbe essere prestata la dovuta attenzione ai progressi compiuti in questa materia dagli organi competenti delle Nazioni Unite”.

Il progetto internazionale Patto sui Diritti Umani preparato dalla Commissione delle Nazioni Unite sui diritti umani a metà del 1949, includeva un articolo sulla sicurezza della persona, che affermava:

"1. Nessuno può essere sottoposto ad arresto o detenzione arbitraria.

2. Nessuno può essere privato della libertà se non per i motivi e secondo la procedura stabilita dalla legge."

Il Comitato di Esperti ha proceduto nella direzione di una riduzione dei diritti in formulazioni di diritto positivo che sembra essere servita allo scopo di salvaguardare gli interessi dello Stato piuttosto che quelli dell'individuo. Lo stato doveva godere della sicurezza legale contro altri stati, questo era il punto di vista prevalente.

Al Comitato di esperti sui diritti umani del Consiglio d'Europa sono stati forniti "commenti del governo del Regno Unito ricevuti dal Segretario generale" il 4 gennaio 1950. In questi commenti il ​​governo del Regno Unito, tra gli altri, ha suggerito emendamenti all'articolo sulla sicurezza dei persona che lo limita per determinate persone. Hanno definito questo come "la legittima detenzione di persone incapaci di intendere e di volere o di minori, per ordine legittimo, ai fini della sorveglianza educativa".

Il governo del Regno Unito era già stato parte in una presentazione con lo stesso contenuto alla Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite in merito alla bozza di metà del 1949 dell'International Patto sui Diritti Umani. Si basava sulla preoccupazione che il testo redatto sui diritti umani cercasse di attuare i diritti umani universali anche per le persone con disturbi mentali (disabilità psicosociali), che era in conflitto con la legislazione e la politica sociale in vigore nel Regno Unito e in altri paesi.

Nella sua prima riunione, tenutasi nel febbraio 1950, il Comitato di esperti sui diritti umani esaminò le proposte avviate da molti dei suoi membri. Il membro svedese, il giudice Torsten Salén ha sottolineato che dovrebbe essere possibile per lo stato adottare "misure necessarie" per combattere il vagabondaggio e l'alcolismo.

Sir Oscar Dowson (Regno Unito) ha ripetuto la proposta del suo governo in particolare l'articolo sulla libertà e la sicurezza della persona rivolto principalmente alle persone con disturbi mentali (in altre parole persone con disabilità psicosociali).

Il progetto preliminare di Convenzione, infine, concordato dal Comitato di esperti al termine della sua prima riunione, ha ripetuto parola per parola gli articoli della Dichiarazione universale sui diritti alla vita e che: “Nessuno può essere soggetto ad arresto, detenzione o esilio arbitrari. "

I britannici in seguito hanno fornito un nuovo emendamento con una leggera modifica del testo, ma con lo stesso contenuto della loro proposta precedente, per la prossima riunione del Comitato di redazione. Il comitato era composto da Sir Oscar Dowson (che ha presentato la proposta), Martin Le Quesne (diplomatico del servizio estero del Regno Unito), Birger Dons-Møller (diplomatico del Ministero degli affari esteri della Danimarca) e il giudice Torsten Salén (Svezia).

Questa volta il Comitato di quattro membri – due dei quali provenivano dal Regno Unito, uno dalla Danimarca (che aveva sostenuto la proposta originaria del Regno Unito) e uno dalla Svezia – ha incluso gli emendamenti proposti sia dal Regno Unito che dalla Svezia nella Convenzione. Con tale emendamento l'articolo sulla sicurezza della persona ha individuato nella popolazione generale le “persone insane di mente, alcolisti, tossicodipendenti o vagabondi”.

Testo modificato 1024x1009 - Il Vecchio Mondo e la selezione di chi non ha i diritti alla libertà e alla sicurezza della persona

Finalizzazione della Convenzione

Il progetto di Convenzione, infine, presentato al Comitato dei Ministri dal Comitato di esperti, conteneva due articoli corrispondenti all'attuale articolo 5, sulla libertà e la sicurezza della persona.

Versione B 841x1024 - Il Vecchio Mondo e la selezione di chi non ha i diritti alla libertà e alla sicurezza della persona

Questa bozza di Convenzione è stata rivista da una Conferenza di Alti Funzionari, che si è riunita nel giugno 1950. Avevano molte questioni da discutere, ma per ragioni sconosciute non hanno ripristinato il testo dell'articolo sulla libertà e la sicurezza delle persone. Il Rapporto e la bozza di Convenzione adottati dalla Conferenza degli Alti Funzionari furono presentati al Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa nell'agosto 1950. Il 7 agosto 1950, il Comitato dei Ministri concordò la bozza della “Convenzione per la protezione dei diritti umani e Libertà fondamentali”.

Il 3 novembre 1950 un Comitato di Giuristi esaminò per l'ultima volta il testo della Convenzione e introdusse una serie di correzioni di forma e di traduzione. In tale occasione, l'articolo 5 è stato oggetto di alcune lievi modifiche, nessuna delle quali relativa alle esenzioni specifiche delle "persone incapaci di intendere e di volere, alcolisti o tossicodipendenti o vagabondi". La Convenzione ha così ricevuto la sua forma definitiva. Il giorno successivo è stata firmata la Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

La Convenzione Europea autorizza la privazione della libertà per “pazzia”

L'articolo 5 della Convenzione sul diritto alla libertà e alla sicurezza della persona attraverso l'opera dei rappresentanti del Regno Unito, Danmark e la Svezia, come indicato dai loro superiori nei rispettivi ministeri degli affari esteri, hanno quindi incluso un linguaggio specifico che consente la legittima detenzione del concetto molto ampio e indefinito di "persone incapaci di intendere e di volere" unicamente per il motivo che hanno o credono di avere disabilità psicosociali. In altre parole, è scritto nella Convenzione europea dei diritti dell'uomo che gli impegni psichiatrici involontari e inoltre che le privazioni della libertà di alcolisti e vagabondi sono conformi allo standard europeo dei diritti umani purché siano effettuati in base a una legge nazionale.

Questo paragrafo della Convenzione non è stato modificato da allora ed è tuttora in vigore.

Logo European Human Rights Series 1024x524 - Il Vecchio Mondo e la selezione di coloro che non hanno i diritti alla libertà e alla sicurezza della persona
- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti