7.9 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

La Convenzione europea dei diritti dell'uomo progettata per autorizzare l'eugenetica ha causato la legislazione

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Diritti umani Secondo le Nazioni Unite, sono diritti che abbiamo semplicemente perché esistiamo come esseri umani – non sono concessi da nessuno stato. Questi diritti universali sono inerenti a tutti noi, indipendentemente da nazionalità, sesso, origine nazionale o etnica, colore, religione, lingua o qualsiasi altro status. Si va dai più fondamentali – il diritto alla vita – a quelli che rendono la vita degna di essere vissuta, come i diritti al cibo, all'istruzione, al lavoro, alla salute e alla libertà. In Europa non tutti hanno questi diritti, se ci si affida solo alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Il Convenzione europea include un articolo che limita questo per le persone con disabilità psicosociali. È venuto da qualcuno e da qualche parte, e per una ragione. Questa è la storia di ciò che c'era dietro.

L' Convenzione europea dei diritti dell'uomo redatti nel 1949 e nel 1950 nella sua sezione sul diritto alla libertà e alla sicurezza della persona hanno notato l'eccezione delle "persone instabili, alcolisti o tossicodipendenti o vagabondi". L'eccezione è stata formulata dal rappresentante del Regno Unito, della Danimarca e della Svezia, guidato dagli inglesi. Si basava sulla preoccupazione che i testi sui diritti umani allora redatti cercassero di attuare i diritti umani universali anche per le persone con disabilità psicosociali, che erano in conflitto con la legislazione e la politica sociale in vigore in questi paesi.

Movimento eugenetico

Alla fine del XIX secolo, il movimento eugenetico del nostro tempo è emerso nel Regno Unito. L'eugenetica è stata resa popolare e dalla prima parte del 19, persone provenienti da attraverso lo spettro politico adottato idee eugenetiche. Di conseguenza, molti paesi tra cui Stati Uniti, Canada, Australia e la maggior parte dei paesi europei, tra cui Danimarca, Germania e Svezia, sono stati coinvolti in politiche eugenetiche, volte a "migliorare la qualità del patrimonio genetico delle loro popolazioni".

I programmi di eugenetica includevano sia misure cosiddette positive, che incoraggiavano le persone ritenute particolarmente "adatte" alla riproduzione, sia misure negative, come il divieto di matrimonio e la sterilizzazione forzata di persone ritenute non idonee alla riproduzione, o semplicemente l'isolamento di tali persone dalla società . Quelli ritenuti "non idonei alla riproduzione" includevano spesso persone con disabilità mentali o fisiche, persone che non hanno ottenuto buoni risultati nei test del QI, criminali, alcolisti e "devianti" e membri di gruppi di minoranza disapprovati.

Nel Regno Unito, l'Eugenics Education Society nei primi anni del 1900 ha avuto una crescente attenzione alla "cura" di una serie di condizioni o tratti sociali e fisici tra i poveri. Includevano alcolismo, criminalità abituale, dipendenza dal welfare, prostituzione, malattie come la sifilide e la tubercolosi; disturbi neurologici come l'epilessia; condizioni mentali come la pazzia, compresa l'isteria e la malinconia; e "debolezza mentale" - un termine generico per chiunque si ritenesse privo di capacità mentale e giudizio morale.

La Società non è mai stata molto grande, ma era molto eloquente e la sua propaganda rifletteva e promuoveva punti di vista che erano tenuti in tutti i livelli superiori della società, incluso il governo.

La Società organizzò il Primo Congresso Internazionale di Eugenetica nel 1912, presso l'Università di Londra, per promuovere l'eugenetica. I vicepresidenti britannici del congresso includevano il ministro degli Interni, Reginald McKenna.

Articolo sul First Int Eugenics Congress 1912 956x1024 - La Convenzione europea dei diritti umani progettata per autorizzare la legislazione causata dall'eugenetica
Ritagli di stampa che riportano il Primo Congresso Internazionale di Eugenetica, 1912
© Collezione Benvenuta. Attribuzione-Non commerciale 4.0 Internazionale (CC BY-NC 4.0)

L'Atto sulla Deficienza Mentale

Dopo il congresso, Reginald McKenna, più tardi nel 1912 per conto del governo, lanciò un disegno di legge basato sull'eugenetica che includeva la sterilizzazione forzata. È stato progettato per impedire ai "deboli di mente" di diventare genitori. Il disegno di legge ha incontrato una forte resistenza ed è diventato oggetto di notevoli discussioni. Il disegno di legge in forma modificata è stato approvato l'anno successivo come il Legge sulla carenza mentale del 1913. La legge in parte a causa dell'opposizione ha respinto la sterilizzazione, ma l'ha resa legalmente possibile segregare i “deficienti mentali” nei manicomi.

Con questo atto una persona considerata idiota o imbecille potrebbe essere posta in un istituto o sotto tutela se il genitore o tutore ne facesse richiesta, così come una persona di una qualsiasi delle quattro categorie a) Imbecilli, b) Imbecilli, c) Deboli persone di mentalità, e d) Imbecilli morali, sotto i 21 anni. Comprendeva anche persone di qualsiasi categoria che erano state abbandonate, trascurate, colpevoli di un crimine, in un'istituzione statale, abitualmente ubriache o impossibilitate a ricevere un'istruzione.

Decine di migliaia di persone sono state rinchiuse negli istituti. Secondo uno studio, 65,000 persone sono state collocate in "colonie" o in altri contesti istituzionali, al culmine dell'operatività del Mental Deficiency Act del 1913.

Il signor Bevan, il ministro della Sanità, ha informato il Parlamento che in base alle leggi sulla follia e sul trattamento mentale più di 20.000 sono stati detenuti negli istituti all'inizio del 1945. E ha aggiunto che "Una parte considerevole di questi pazienti richiede solo di essere guardata dopo; ma chi ha bisogno di cure le riceve dai medici ufficiali dell'istituto”.

Il disegno di legge e tutti i suoi regolamenti erano in pieno vigore all'epoca delle Nazioni Unite e del Consiglio di Europa ha introdotto leggi internazionali sui diritti umani.

Eugenetica in Danimarca

Dall'altra parte del Mare del Nord, la Danimarca, primo paese in Europa, ha promulgato una legislazione sulla sterilizzazione basata sull'eugenetica, come legge pilota nel 1929. La legge è stata attuata dal governo socialdemocratico, con KK Steincke, ministro della giustizia e poi degli affari sociali , guidando lo sforzo.

La credenza e il concetto eugenetici andavano oltre la sterilizzazione coercitiva. Ha influenzato molti aspetti della politica sociale. Negli anni '1920 e '1930, quando l'eugenetica divenne un prerequisito e parte integrante del modello di sviluppo sociale in Danimarca, sempre più autori espressero il desiderio che anche le persone con disturbi mentali non pericolosi in alcuni casi fossero ricoverate con la forza in un ospedale psichiatrico ( asilo).

La forza trainante di questa idea non era una preoccupazione per l'individuo, ma una preoccupazione per la società. Il noto procuratore della Corte Suprema, Otto Schlegel, ha osservato in un articolo sul Weekly Journal of the Judiciary, che tutti gli autori, tranne uno, pensavano che “la possibilità del ricovero obbligatorio dovrebbe essere aperta in una certa misura anche alle persone che sono probabilmente non pericolosi ma che non possono agire nel mondo esterno, i pazzi fastidiosi il cui comportamento minaccia di distruggere o scandalizzare i loro parenti. Si è pensato anche a considerazioni curative per giustificare l'ospedalizzazione obbligatoria in alcuni casi”.

Pertanto, la legge danese sull'infermità mentale del 1938 introdusse la possibilità di detenere i pazzi non pericolosi. Non è stata una preoccupazione compassionevole o un'idea di aiutare le persone bisognose che ha portato all'introduzione di questa possibilità nella legislazione, ma un'idea di una società in cui alcuni elementi mentalmente disordinati e "fastidiosi" non avevano posto.

Politiche eugenetiche esentate dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo

È alla luce di questa diffusa accettazione dell'eugenetica come parte integrante della politica sociale per il controllo demografico che vanno visti gli sforzi dei rappresentanti di Regno Unito, Danimarca e Svezia nel processo di formulazione della Convenzione europea di Diritti umani processo di redazione suggeriva e includeva una clausola di esenzione, che autorizzasse la politica del governo a segregare e rinchiudere “persone instabili, alcolisti o tossicodipendenti e vagabondi”.

Logo della serie europea sui diritti umani 1024x524 - La Convenzione europea dei diritti umani progettata per autorizzare la legislazione causata dall'eugenetica
pulsante della serie sulla salute mentale - La Convenzione europea dei diritti dell'uomo progettata per autorizzare la legislazione causata dall'eugenetica
- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti