9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Il problema dei diritti umani del Consiglio d'Europa

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Il testo doveva originariamente essere completato nel 2013, ma presto si è scoperto che c'erano maggiori complicazioni legali ad esso legate, in quanto contraddice una convenzione internazionale sui diritti umani ratificata da 46 dei 47 Stati membri del Consiglio d'Europa. Il Comitato ha comunque proceduto aprendosi al contributo di varie parti interessate.

Ha ricevuto dozzine di parti qualificate in una consultazione pubblica, come l'Agenzia per i diritti fondamentali dell'Unione europea (FRA), il meccanismo per i diritti umani delle Nazioni Unite e una serie di organizzazioni internazionali di persone con disabilità psicosociali. Il Comitato ha ascoltato e consentito agli stakeholder di partecipare alle sue riunioni e ha pubblicato sul proprio sito web informazioni selezionate sui lavori. Ma la direzione nella prospettiva grande non è cambiata. Ciò è continuato fino a giugno 2021, quando è stata pianificata la discussione e il voto finali.

Rinviare il voto

L'organo esecutivo del Comitato, chiamato l'Ufficio di presidenza, prima della riunione del Comitato di giugno, ha tuttavia raccomandato di “rinviare il voto sulla bozza di Protocollo aggiuntivo alla 19a riunione plenaria (novembre 2021)”. Ai 47 membri del Comitato è stata presentata questa raccomandazione del suo Ufficio di presidenza e senza discussione è stato chiesto di votare sul rinvio. 23 hanno votato a favore mentre un numero si è astenuto o ha votato contro, il risultato è stato che è stato rinviato. L'ultima ampia revisione e discussione, prima della votazione sulla validità del testo, era quindi prevista nella riunione del 2 novembre.

Dopo la riunione di giugno, il Segretario del Comitato per la Bioetica, Laurence Lwoff, ha presentato la decisione di rinviare la votazione al suo organo direttivo più diretto, il Comitato direttivo per Diritti umani. Ha menzionato in dettaglio lo stato dei lavori relativi alla bozza del Protocollo. A questo proposito, ha preso atto della decisione del Comitato per la Bioetica di rinviare il voto sulla bozza del Protocollo alla prossima riunione di novembre.

Il Comitato Direttivo per i Diritti Umani è stato inoltre informato che era ancora pendente il parere consultivo richiesto alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo su questioni giuridiche concernenti l'interpretazione di alcune disposizioni della Convenzione sulla Biomedicina (nota anche come Convenzione di Oviedo).

Tale richiesta di parere consultivo per il Comitato “potrebbe riguardare l'interpretazione di alcune disposizioni della Convenzione di Oviedo, in particolare in materia di trattamento involontario (articolo 7 della Convenzione di Oviedo) e le condizioni per l'applicazione di eventuali restrizioni all'esercizio dei diritti e le disposizioni di protezione contenute nella presente Convenzione (articolo 26).”

La Corte europea è l'organo giudiziario che vigila e fa rispettare la Convenzione europea dei diritti dell'uomo. La Convenzione che è il testo di riferimento della Convenzione sulla biomedicina, e in particolare la sua Articolo 5, paragrafo 1 (e) su cui si basa l'articolo 7 della Convenzione di Oviedo.

La Corte europea dei diritti dell'uomo a settembre ha emesso una decisione definitiva che avrebbe non accettare la richiesta di parere consultivo presentata dalla commissione per la bioetica perché le questioni sollevate non rientravano nella competenza della Corte. La commissione per la bioetica con questo rifiuto è ora sola nella sua posizione difendendo la necessità di un nuovo strumento giuridico sull'uso delle misure coercitive in psichiatria. Una posizione che il meccanismo delle Nazioni Unite per i diritti umani ha chiaramente affermato viola le Nazioni Unite' Convenzione sui diritti delle persone con disabilità (CRPD).

“L'impegno involontario delle persone con disabilità per motivi di assistenza sanitaria contraddice il divieto assoluto di privazione della libertà sulla base di menomazioni (articolo 14, paragrafo 1, lettera b)) e il principio del consenso libero e informato dell'interessato all'assistenza sanitaria ( articolo 25).”

Comitato delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, Dichiarazione al Comitato per la bioetica del Consiglio d'Europa, pubblicata in DH-BIO/INF (2015) 20

Incontro decisivo

Nella riunione del Comitato di Bioetica del 2 novembre tale informativa non è stata fornita ai suoi membri. Ai membri sono state semplicemente fornite indicazioni sulla votazione e sulla sua procedura. L'obiettivo dichiarato del voto è stato formulato come una decisione se il comitato dovesse "presentare il progetto di protocollo aggiuntivo al Comitato dei ministri in vista di una decisione".

Le delegazioni presenti e gli altri partecipanti non hanno avuto l'opportunità di parlare o discutere il protocollo redatto prima del voto, l'intenzione era chiaramente che non ci fosse alcuna discussione prima del voto. I partecipanti includevano rappresentanti di portatori di interessi significativi come il European Disability Forum, Mental Health Europee Rete europea per (ex) utenti e sopravvissuti alla psichiatria. La votazione è tutta sulla questione se la bozza del protocollo debba essere consegnata al Comitato dei ministri.

Membro dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, la sig.ra Reina de Bruijn-Wezeman, che è stata relatrice della relazione parlamentare "La fine della coercizione nella salute mentale: la necessità di un approccio basato sui diritti umani" per la commissione per gli affari sociali dell'Assemblea, Salute e Sviluppo Sostenibile ha comunque chiesto di poter rilasciare una dichiarazione, soprattutto in considerazione della sua competenza, che è stata poi concessa. La relazione su cui era stata relatrice era sfociata in una Raccomandazione dell'Assemblea Parlamentare e in una Risoluzione, che trattavano specificamente la questione oggetto del Protocollo redatto.

La sig.ra Reina de Bruijn-Wezeman ha ricordato ai membri del Comitato di Bioetica, che dovevano votare per presentare la bozza del Protocollo al Comitato dei Ministri, l'incompatibilità della bozza del Protocollo con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità e in generale l'incompatibilità con il concetto di diritti umani.

La votazione ha avuto luogo e, in particolare, con un numero significativo di problemi tecnici, almeno uno dei membri del Comitato ha affermato di poter votare due volte, alcuni che il loro voto non è stato conteggiato dal sistema e altri che il sistema non ha riconosciuto loro come elettori. Dei 47 membri del Comitato solo 20 hanno potuto votare tramite il sistema elettronico, il resto ha dovuto votare inviando una mail alla Segreteria. Il risultato finale è stato che la decisione è stata approvata con 28 voti favorevoli, 7 astenuti e 1 contrario.

A seguito del voto, Finlandia, Svizzera, Danimarca e Belgio hanno rilasciato dichiarazioni spiegando che il loro voto riguardava esclusivamente la decisione procedurale di trasmettere il progetto al Comitato dei ministri e non indicava la posizione del loro paese sul contenuto del progetto di protocollo.

La Finlandia ha presentato una proposta per raccomandazioni future sulla fine della coercizione in psichiatria.

La signora Reina de Bruijn-Wezeman è rimasta sorpresa dal fatto che alcuni paesi abbiano affermato che si trattava solo di una votazione procedurale. Lei disse Il tempo europeo, “La vedo diversa, che la Bioetica sia responsabile della loro consulenza al Comitato dei ministri. Sono responsabili di ciò per cui hanno votato. È troppo facile dire che è solo una votazione procedurale ed è ora una questione politica, e il Comitato dei ministri deve decidere sul Protocollo aggiuntivo”.

Un'opinione che è stata condivisa da altri partecipanti tra le organizzazioni di persone con disabilità psicosociali.

Il Segretario del Comitato per la Bioetica, a nome del Comitato, ha rifiutato di fornire una dichiarazione sull'incontro, facendo riferimento alle decisioni formali del Comitato, che saranno adottate al termine della riunione e quindi pubblicate.

European Human Rights Series logo 1024x524 - Il problema dei diritti umani del Consiglio d'Europa

Questo articolo è stato referenziato da EDF

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti