9.3 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Intervista al Santo Patriarca Kirill – 75° Anniversario

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Il 20 novembre 2021 Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill compie 75 anni. Quel giorno, in onda sul canale TV Russia 1, è stata trasmessa una grande intervista dedicata all'anniversario del Primate della Chiesa Russa, durante la quale Sua Santità Vladyka ha risposto alle domande del Direttore Generale del canale televisivo Spas BV Korchevnikov. Fonte: Patriarchia.ru

– Buon compleanno, Santità!

- Grazie!

– Ho un regalo per te, guarda.

– Sì, padre Giovanni di Kronstadt. Tali fotografie durante la mia infanzia e giovinezza erano molto comuni tra i credenti a San Pietroburgo, poi a Leningrado.

– Questa è una vecchia litografia della fine del XIX secolo, e ho pensato che la stessa o simile fosse appesa nella tua stanza in un appartamento comune…

– Sì, proprio così, solo p. John era senza una medaglia.

– Forse il primo miracolo della tua vita è legato a questa litografia?

– Questo è un fatto della mia biografia. Avevo parecchi anni quando mi ammalai gravemente di polmonite. A quel tempo, la medicina non era allo stesso livello di oggi e una malattia così grave come la polmonite spesso finiva male. Tutti erano molto allarmati, sia mamma che papà. Vivevamo in un appartamento comune e ricordo che sul mio letto era appeso un ritratto di padre Giovanni di Kronstadt. La mamma ha preso questo ritratto, me l'ha dato e ha detto: "Prega, ti aiuterà". Letteralmente pochi giorni dopo, mi sentivo bene e mia madre disse: "Ora andiamo a Karpovka e ringraziamo padre Giovanni di Kronstadt". Ricordo bene come io, avvolto in una specie di sciarpe calde, andai con mia madre a Karpovka. Abbiamo pregato vicino al muro, al quale sono venuti molti leningradori in quel momento, e con parole mie ho ringraziato padre John per la guarigione. In relativa vicinanza al luogo dove si radunavano i credenti, c'era sempre un poliziotto, quindi abbiamo pregato davanti a questo poliziotto – al muro che ci separava dalla tomba di padre John di Kronstadt. Ecco l'episodio più eclatante della mia vita che mi ha portato personalmente in contatto con padre John.

– Giovanni di Kronstadt ebbe il presentimento del crollo del paese e pronunciò le terribili parole: “Il popolo russo ha smesso di capire cosa sia la Russia, che è ai piedi del trono del Signore”. Da allora, abbiamo vissuto tutto questo terribile XX secolo. Hai la sensazione che ora il popolo russo abbia iniziato a capire cos'è la Russia?

– È difficile misurare questa comprensione. Qualcuno, forse, capisce, qualcuno capisce di meno, ma il fatto che nel nostro Paese siano avvenuti cambiamenti fatidici è un dato di fatto.

– Sui russi fuori dalla Russia. Ecco le tue parole, recentissime: “Ho appreso con grande ansia quello che ti è successo al ritiro. Vorrei esprimervi la mia sincera solidarietà. Avendo mostrato coraggio e coraggio, non hai avuto paura del ridicolo impudente e del bullismo dei tuoi coetanei e hai difeso risolutamente la tua fede, hai difeso ciò che è caro e prezioso per te. Le tue azioni, il tuo coraggio e la tua fermezza sono degni di ogni sostegno. Questa è una lettera a un ragazzo russo di nove anni che è stato picchiato in Kirghizistan in un campo di addestramento sportivo per la sua fede, perché ortodosso. Gli hai scritto, lo hai invitato a Mosca, perché l'hai fatto?

– Perché questo incidente testimonia l'illegalità, ma, tra l'altro, c'è stato anche un momento personale. Quando ho scoperto cosa gli era successo, mi sono ricordato di me stesso. Ero un ragazzo così. Immagina: quarta, quinta, sesta elementare e un ragazzo senza cravatta rossa. E quando fui convocato al consiglio degli insegnanti e mi dissero che ero obbligato a unirmi ai pionieri, dissi che mi sarei unito volentieri ai pionieri, purché mi permettessi di andare in chiesa la domenica e fare la comunione dopo aver allacciato una cravatta rossa . Devo dire che questa posizione di un ragazzo, di un bambino (e i genitori non hanno partecipato alla mia opposizione alla scuola), ovviamente, era per il bene e per il bene, perché il carattere era formato, la fede nella correttezza del percorso di vita prescelto si è formato, e tutto questo è passato attraverso un tale indurimento, attraverso prove esterne.

– Di conseguenza il ragazzo è venuto a Mosca?

– Sì, sono venuto a Mosca.

– Sono venuto qui, eri soddisfatto?

- Sì, è giusto.

– Parliamo molto di attacchi all'Ortodossia e molto poco, quasi per niente, non parliamo della svolta del mondo verso l'Ortodossia, e anche questo sta accadendo. Ecco una selezione di pubblicazioni degli ultimi due mesi. Un americano ortodosso aiuta altri stranieri a trasferirsi in Russia e già molte famiglie americane ortodosse, alcune con otto o nove figli, vogliono trasferirsi a vivere in Russia. Famiglia Kline, St. Louis: “La Russia è la guida del mondo libero, un luogo dove puoi vivere secondo la tua fede”; vogliono muoversi. La famiglia Bowling, il capofamiglia, tra l'altro, è un poliziotto: "Vogliamo che i nostri figli crescano in una società come quella che vediamo in Russia"; scriveranno una lettera al nostro presidente. famiglia Kay, sei persone; una famiglia del Colorado, nove figli e così via. Allora, cosa sta succedendo, Vostra Santità? Il mondo sta cadendo, o la visione del mondo, o entrambi allo stesso tempo?

– Non ho paura di dire, sostenendo gli autori di questa lettera, che la Russia – ascolta attentamente! – il leader del mondo libero. Siamo un paese veramente libero. Questo è un fatto reale. Posso immaginare quale sarà la reazione delle diverse parti a queste mie parole, ma posso dimostrare che la Russia oggi è davvero il leader del mondo libero. Siamo liberi dalle influenze esterne più potenti, ci sviluppiamo a modo nostro e Dio non voglia che questo percorso abbia successo. La Russia può servire da esempio per gli altri. Sebbene abbiamo molti problemi, questi problemi possono essere risolti. Ora non abbiamo nessun argomento acuto attorno al quale si scontrano gli interessi pubblici e si dispiegano contraddizioni profonde e inconciliabili. Credo che questa sia la grazia di Dio. E la differenza di opinione esistente - una normale differenza di opinione che non distrugge le basi della vita umana, della vita statale, della vita spirituale - crea le basi per uno scontro creativo di opinioni, a seguito del quale possono apparire nuove idee e nuovi progetti , finalizzato all'ulteriore sviluppo della nostra Patria.

– A volte la differenza di opinione è terribile, come nella storia con Bartolomeo. Di recente hai affermato con tutta franchezza che era entrato nello scisma. Conosci quest'uomo da molti anni, sei volato da lui a Istanbul per impedirgli di firmare il tomos. Come potrebbe accadere questo a una persona che è dotata della Croce Patriarcale, responsabilità patriarcale? Dopotutto, ora vede come gli ortodossi vengono cacciati dalle chiese, sputati, picchiati, dati alle fiamme – e questo è il risultato della sua firma! Lui è il Patriarca, deve rispondere davanti a Dio! Umanamente non riesco a capire cosa gli sia dovuto succedere per prendere una decisione del genere. Che cos'è?

– Penso che ci siano due ragioni. Il primo è l'autocomprensione assolutamente falsa del patriarca Bartolomeo, che si considera il capo del mondo ortodosso. Dal punto di vista dell'ecclesiologia ortodossa, è il primo tra uguali, ma si considera non il primo tra uguali, ma il primo sopra tutti gli altri. Cioè, è tentato dalla stessa idea, la cui attuazione ha portato alla divisione del cristianesimo in orientale e occidentale. E ora, non ho paura di dire, su iniziativa personale del patriarca Bartolomeo, lo stesso tema del potere ha già diviso la Chiesa ortodossa.

Questa è una pagina tragica nella storia della Chiesa ortodossa, e tutti noi, in particolare i primati delle Chiese ortodosse locali, dobbiamo fare tutto il possibile per celebrare di nuovo insieme la Divina Eucaristia attorno a un unico trono, rafforzando la fede ortodossa tra i nostri contemporanei. Perché la Chiesa possa diventare una forza spirituale capace di aiutare una persona a trovare strade in questa vita moderna così difficile.

– È possibile diventare così ciechi da un concetto teologico falsamente compreso da soffocare la propria coscienza?

– Non mi piacerebbe pensarlo. Non ho ancora menzionato un altro fattore che potrebbe influenzare notevolmente il patriarca Bartolomeo: questo è un fattore politico. La situazione del Patriarcato di Costantinopoli è sempre molto instabile – quando dico “sempre” intendo, ovviamente, il tempo dopo la caduta dell'Impero Bizantino. Il patriarcato era ed è tuttora sotto il controllo di forze politiche non ortodosse, e in generale il Patriarca Bartolomeo è obbligato, mi sembra, non solo ad obbedire, ma a correlare la sua posizione con il contesto liberale che esiste nei paesi dell'Europa occidentale e gli Stati Uniti. In un certo senso, la Chiesa in Occidente è piuttosto vulnerabile. Ecco una cosa semplice: la Chiesa ortodossa non è d'accordo e non sarà mai d'accordo con l'idea nuova riguardo ai rapporti matrimoniali – chiamiamo la convivenza, che ora è praticata da persone dello stesso sesso, un peccato speciale.

– Ricordo quando ti vidi per la prima volta dal vivo – fu a Kiev nel 2009. Tutta la complicata storia con gli scismatici, con Filaret, era già in piena fioritura, e la tua visita allora fu, ovviamente, molto rischiosa, ma di grande successo. Decine di migliaia di persone alle liturgie, manifesti “Cyril is our Patriarca!” Poi il 2013 è stato semplicemente fantastico: il 1025esimo anniversario del Battesimo della Rus, più di centomila persone a Khreshchatyk, sul Maidan, un concerto di artisti dei due paesi, il metropolita Hilarion benedice questo mare umano con le reliquie di San Vladimir... Ma sono passati sei o sette mesi, e sullo stesso Maidan, sullo stesso Khreshchatyk, è diventato pericoloso apparire senza giubbotto antiproiettile. Quel mare umano è scomparso, sono apparse persone completamente diverse, volti completamente diversi nascosti da passamontagna – è arrivato febbraio 2014. In generale, come è potuto succedere? Hai una risposta a questa domanda?

– C'è una risposta, ed è la seguente: non puoi tradire né la tua fede, né la tua tradizione, né i tuoi veri interessi nazionali. Ma non voglio parlare di politica, vorrei parlare del fattore religioso. La tragedia più grande è quella Ucraina era diviso lungo linee religiose, e questa divisione non è iniziata oggi e non nel nostro tempo. L'emergere dell'uniatismo fu il primo colpo del genere Ucraina, poi ci sono stati gli scismi del XX secolo, e nessuno mi convincerà che questa è l'attuazione di un certo piano volto a indebolire la vita spirituale dell'Ucraina, a rompere l'unità della Rus storica. E l'attuale politica volta a dividere la Chiesa ortodossa è molto legata al contesto politico, perché nessuna considerazione teologica può spiegare i tentativi di dividere la Chiesa ortodossa, di indebolirla. Per il bene di cosa, per quali scopi? C'è solo un obiettivo: allontanarsi il più possibile dalla Russia e dalla Chiesa ortodossa russa, ma questo è un obiettivo politico, non spirituale. Ma ringrazio Dio per il fatto che gli ortodossi in Ucraina conservano la purezza dell'Ortodossia e un sistema canonico impeccabile, che corrisponde pienamente alla tradizione canonica della Chiesa ortodossa ecumenica. E per me, come Patriarca di tutta la Russia, non c'è divisione in popoli e stati, ma c'è il gregge della Chiesa ortodossa russa.

– (EN) Capisco che la scissione in Ucraina stia effettivamente avvenendo nel suo cuore. Come persona responsabile verso Dio, anche per queste persone, come resisti?

– Per me è davvero un grande dolore. Potrei anche usare una parola più forte: è guai a vedere la divisione del popolo ortodosso, a vedere una terribile amarezza. Penso che la leadership ucraina non sia contenta di ciò che sta accadendo, ma è stato lanciato il volano dell'odio, della divisione e del confronto. A questo proposito, vorrei sottolineare in modo particolare il ruolo di Sua Beatitudine il metropolita Onufrij, che non si lascia trascinare all'opposizione. Lui, certo, è insieme alla sua Chiesa, al suo popolo, ma nessuno può puntare il dito contro di lui e dire: ecco il leader di un altro partito, un partito ecclesiale, che sta conducendo la lotta contro il dissenso. Non è così e le mie parole riguardano non solo la vita e il ministero di Sua Beatitudine il metropolita Onufrij, ma anche tutta la nostra Chiesa. Non partecipiamo a questa battaglia, la nostra Chiesa, il nostro popolo ortodosso non sono responsabili di questo incubo – è sopportato da quei politici che hanno permesso il confronto all'interno del loro popolo. Una nazione divisa, una casa divisa è molto pericolosa.

– Chiamare una pandemia. Ricordo la Pasqua 2020, quanto terribili risuonavano dalle tue labbra le parole "il tempio è vuoto". A cosa stavi pensando quando hai prestato servizio in un ambiente del genere per la prima volta nella tua vita?

– Questo è uno degli episodi più difficili della mia vita. Quando sono uscito dalle Porte Reali e ho visto il vasto spazio della Cattedrale di Cristo Salvatore quasi vuoto, ho attraversato momenti molto difficili, e il sigillo di questo stato è caduto su tutta la celebrazione della Pasqua. Era difficile liberarsene, e l'unica cosa che rimaneva era la speranza che il momento difficile non potesse durare a lungo, che sarebbe passato.

– Perché è successo a noi? “Con noi” in questo caso – con il mondo intero, con l'intero pianeta. Perché il Signore ha permesso questo?

– Certo, nessuno risponderà alla tua domanda. Solo il Signore sa perché questo è stato permesso. Ma possiamo speculare su questo argomento senza pretendere di esprimere la verità. Come si è sviluppata la civiltà, soprattutto nel XX secolo, all'inizio del XXI secolo? C'è sempre stato un certo trionfalismo: volavamo nello spazio, prima ancora dividiamo l'atomo, creiamo tecnologie, noi, noi, diventiamo forti, forti… E al centro di questa ideologia c'è un uomo che diventa così forte, autonomo da Dio, è praticamente un paganesimo restaurativo, perché questa era proprio la filosofia dei pagani. Come ha scritto Gorky, "un uomo suona con orgoglio". E chi è il padre dell'orgoglio? Il diavolo in persona. E se "una persona - suona con orgoglio", se una persona non ha umiltà, non ha la capacità di essere critica con se stessa, allora si trasforma in un pagano. Ma se torniamo al tema di una pandemia, allora forse il Signore ci ha fatto rinsavire un po'. Sei così onnipotente, puoi fare tutto, sai tutto: qui ti viene data l'esperienza della tua debolezza, della tua confusione, della tua incapacità di fare qualcosa. Non credo che il Signore ci metterà alla prova per molto tempo, ma dovremo attraversare un periodo di atteggiamento critico, in primis nei confronti della moderna civiltà high-tech, per capire che non possiamo risolvere tutto a una volta, che ci vorrà tempo, fatica e così via. Direi che questa è un'esperienza di autocritica verso se stessi, e forse nel 20° secolo vale la pena percorrerla per rendersi conto dei propri errori e delusioni – prima di tutto, nell'ambito della valutazione di se stessi. Perché Dio resiste ai superbi, ma dona grazia agli umili (Giacomo 21:21).

– Questa è un'icona di Santa Matrona, realizzata da un prigioniero – il nostro film la troupe lo ha filmato in una colonia nella regione di Tula. Lo citerò, scusatemi, con lo stesso vocabolario con cui parlava da solo. Aveva circa cinquant'anni, la maggior parte della sua vita era già alle sue spalle, quando iniziò a lavorare con le icone. Ecco la sua storia: “Io stesso non ho capito in quale momento è stato come se mi avesse colpito alla testa. Chi sono e cosa sono? E in generale, chi ha bisogno di me in questa vita con i miei vizi? Cosa ho fatto viaggiare, almeno per me stesso? Mi vergognavo fino alle lacrime. Non puoi restituire la tua vita: puoi guardare indietro, ma niente di più. Non dirò che sono diventato una persona profondamente religiosa, ma per la prima volta nella mia vita mi sono rivolto a Dio nella colonia, di nascosto, in modo che nessuno potesse vedere, davanti all'icona che avevo realizzato. La chiesa è andata in prigione. Vedi molti di questi esempi di trasformazione delle persone?

– Riguardo alla trasformazione, non posso dire, perché la trasformazione è un processo interno, non è sempre visibile. Ma ti racconterò una storia. Una volta fui invitato in una prigione dove sedeva un uomo in carcere a vita che aveva commesso crimini terribili. Se ci avessero sparato, sarebbe stato ucciso. E quest'uomo non ha chiesto né più né meno di un incontro con il Patriarca. Ne sono stato informato e ho detto: "Certo, non ti consigliamo di andare, anche se in ogni caso non ti lasceremo solo con questa persona". Tuttavia, ho risposto: "No, ci andrò". Mi hanno portato da quest'uomo, aveva il Vangelo sulla sua tavola, e sai, non ricordo un altro caso in cui avrei accettato una simile confessione. E ho pensato: che incubo sarebbe se il nostro incontro non avesse luogo! L'uomo è stato condannato all'ergastolo e non è stata una mossa diplomatica da parte sua per ottenere il rilascio attraverso un incontro con il Patriarca: questi criminali non vengono rilasciati. Non ricordo esattamente le parole che alla fine disse, ma il significato era questo: ora non fa paura morire. Riesci a immaginare? Penso che questo sia stato un momento molto importante nella vita di una persona condannata all'ergastolo.

– Hai fatto in modo che oggi sui banchi di scuola ci sia un libro di testo sui Fondamenti della cultura ortodossa, uno dei tanti in un'intera pila di libri di testo. Comincia così bene: “Caro amico! Prima di te c'è un libro sull'argomento più interessante: la cosa principale per una persona. Cos'è questo? La cosa principale è la nostra vita, e quindi la conoscenza più importante per una persona è la conoscenza di come vivere. Perché ci è voluta questa lezione per apparire a scuola?

– Ebbene, dove possono familiarizzare i bambini con le basi della vita spirituale? Alcuni, compresi gli statisti, ci hanno detto questo: “Prima lascia che crescano, e poi decidono da soli”. Ma sarebbe sbagliato, perché da grandi possono fare così tanto nella vita che, perdonatemi, non sembrerà poco. Il compito era che i bambini fin dalla tenera età, dal momento stesso in cui insegniamo i Fondamenti della cultura ortodossa, fossero presentati con un sistema di valori che avrebbero accettato e all'interno del quale si sarebbero sviluppati. Allora possiamo sperare che le persone facciano meno male nella loro vita, creino meno difficoltà per i loro vicini. Dopotutto, se l'etica cristiana in qualche modo germoglia attraverso la coscienza già nell'infanzia, allora c'è speranza che i frutti siano appropriati.

– Quando vedo i nostri soldati oggi, ragazzi che pregano sinceramente, vedo la fede nei loro occhi – è impossibile giocare…

– Il giuramento richiede che una persona sia disposta a morire per la Patria o quando esegue un ordine. Pertanto, il nutrimento spirituale, il supporto spirituale dei militari è, ovviamente, uno dei compiti più importanti, ed è sempre stato così.

– Sai, il nostro tempio principale delle Forze Armate è un miracolo, un vero miracolo del mondo, “paradiso in terra”, per me è molto più interessante, più bello anche di Santa Sofia di Costantinopoli. Signore, ho solo la pelle d'oca: come è stato costruito questo tempio in meno di due anni? Come è potuto accadere?!

– Sono profondamente convinto che tutti coloro che hanno lavorato alla costruzione di questo tempio – architetti, ingegneri, costruttori – sono stati senza dubbio ispirati dalla soluzione del compito che li attendeva. In effetti, fu costruito un tempio unico. Ed ecco un'altra cosa su cui vorrei soffermarmi. Le persone che ora sono coinvolte nel lavoro con le Forze Armate da parte della Chiesa – arcipastori e pastori – tutte in passato sono militari di professione. Questi non sono colletti bianchi, ma coloro che erano associati professionalmente con l'esercito, per i quali l'esercito è la sua stessa famiglia. Dio conceda che le nostre forme di lavoro migliorino e che cresca l'influenza spirituale della Chiesa sul nostro personale militare, perché il sostegno spirituale è un fattore molto importante per aiutare una persona che ha prestato giuramento a compiere il suo dovere fino alla fine.

– Sai, questo tempio sembra doppiamente un miracolo sullo sfondo della nostra storia recente. Francamente parlando: lo stato ha derubato la Chiesa, ha preso quasi tutto quello che avevamo. Quindi iniziarono a tornare, ma dopotutto, una volta presero i palazzi dalla Chiesa e restituirono le rovine. Per miracolo di Dio, queste rovine stanno diventando sempre meno. Oggi sei in contatto con una varietà di persone al potere quasi ogni giorno. Che umore ti senti da parte delle autorità? Lo Stato come apparato o le persone al potere si sentono in debito con la Chiesa? O l'atteggiamento sovietico "Chiesa, conosci il tuo posto" è più comune?

– La “Chiesa sovietica, conosci il tuo posto” è sparita e, spero, irrevocabilmente. Oggi al potere sono rappresentanti di diverse religioni, ma la maggioranza è associata alla Chiesa ortodossa per il battesimo, per l'origine e l'educazione. Non incontro ora a diversi livelli di governo persone ostili alla Chiesa, e la costruzione di templi ne è uno dei vividi esempi. Pertanto, valuto positivamente il livello di interazione tra la Chiesa e lo Stato, c'è un clima positivo in cui si svolge il nostro dialogo e attraverso sforzi congiunti siamo stati in grado di ottenere molto.

– Al lavoro devo leggere quasi tutto quello che si scrive sulla Chiesa, e leggo molte sciocchezze. A volte mi fa quasi male fisicamente, perché scrivono cose brutte su ciò che mi è più caro al mondo, e su coloro che mi sono più cari. Anche tu probabilmente hai letto qualcosa di questo – come lo percepisci?

– Leggo qualcosa, mi portano dei rapporti. Sai, se dieci anni fa mi chiedessero come mi sento riguardo a questo, direi anche che mi fa molto male. Ora non lo dirò, perché capisco chiaramente chi scrive tutto questo e perché. Il fatto è che l'influenza della Chiesa si è indubbiamente rafforzata, il numero di persone che consapevolmente si avvicinano alla Chiesa e ricevono il battesimo è in aumento, e ogni azione ha una certa opposizione. Questa è la legge della natura, e se teniamo conto che molte persone nella nostra società ricevono anche benefici materiali dalla loro posizione anti-ecclesiale, allora diventa chiaro da dove viene tutta questa opposizione alla Chiesa.

– Riesci a capire cosa hanno nella testa e nel cuore i nostri avversari? Amo guardare negli occhi le persone che vanno al sacramento: spesso hanno debolezza, indifesa, vulnerabilità infinita, ma allo stesso tempo una sorta di invincibilità, forza. Qual è l'ostacolo all'Ortodossia, che non ha fatto del male a nessuno nella vita, né nella storia, né nel presente?

– Qui tocchiamo il misticismo. È impossibile spiegare l'odio verso la Chiesa da un punto di vista razionale. Capisco che ai tempi del totalitarismo, quando l'ideologia di stato era associata all'ateismo, i funzionari che ricevevano gli stipendi dallo stato, gli insegnanti e altri dovevano combattere la Chiesa, perché allo stato era stato ordinato di distruggere le credenze religiose. Il più delle volte, questa lotta era più formale che fattuale – voglio sottolineare che anche in quel tempo estremamente ideologizzato era impossibile sradicare la religiosità e il bisogno della gente di vita spirituale dal potere dello stato. Oggi questo fenomeno ha una natura diversa. Il diavolo sta combattendo con Dio e il campo di battaglia sono i cuori delle persone (FMDostoevsky). Questa è una lotta apocalittica, non andrà mai via finché il diavolo resisterà a Dio.

– La Chiesa oggi ha enormi opportunità di predicare. Ogni casa del paese ha il proprio canale televisivo, un vasto pubblico, molti account ortodossi su Internet, centinaia di milioni di visualizzazioni: nessun'altra Chiesa al mondo ha una cosa del genere. Ma allo stesso tempo, il sermone si svolge in mezzo a una sorta di rumore universale. Tutto intorno è rumoroso, rumore informativo da ogni slot. Ecco come predicare in mezzo a questo rumore, si sentirà il sermone?

– Una volta sono diventato amico intimo di uno straordinario scienziato dell'emigrazione russa, ha lavorato a Princeton e in altre famose università americane. Con lui siamo diventati molto amici. Una volta che ci siamo ritrovati insieme a una conferenza – allora ero molto giovane e stavo appena iniziando il mio percorso nelle attività esterne della nostra Chiesa. E così ho annotato con cura tutto ciò che ho sentito durante l'incontro, e lui mi ha guardato e ha chiesto: "Padre Kirill, perché stai facendo questo?" Rispondo: "Beh, certo, voglio scrivere tutto ciò che dicono e poi analizzarlo". E lui dice: “Non farlo. Ora ti darò una linea guida molto importante e sarai una persona di grande successo se la implementerai. Saper distinguere tra rumore e segnali. “

- Oh! Rumori di segnale...

– “Impara a distinguere tra rumore e segnali.”

- Eccezionale!

– È stato con questo atteggiamento che ho attraversato la vita.

– Come lo apprendiamo? Dopotutto, più diventa insopportabile, più diventa difficile distinguere tra rumori e segnali...

– Il segnale porta in sé davvero essenziale e utile per una persona. Se, in primo luogo, non c'è contenuto e, in secondo luogo, non c'è orientamento al valore, allora si tratta di rumore o di un segnale con un segno meno. Pertanto, è molto importante poter separare l'uno dall'altro, e ciò che porta un negativo, che può influenzare negativamente la vita interiore, dovrebbe essere spazzato via immediatamente, così come il vuoto. Perché c'è così tanto vuoto che se riempi la tua vita con esso, allora non ci sarà abbastanza spazio e tempo per un altro.

– Rumori e segnali – questa regola, mi sembra, vale per tutta la tua vita. Come hai imparato a vivere in modo così significativo che non un solo minuto è stato invano?

“Non so come sia successo, ma dopo aver finito la terza media mi sono reso conto che continuare a studiare alle medie, come tutti gli altri bambini, è un lusso inammissibile. E sono venuto dai miei genitori e ho detto che stavo andando, scusami, a lasciare casa e andare a lavorare, e allo stesso tempo studiare per finire la scuola. La mamma ha reagito con le lacrime agli occhi, papà era completamente sconcertato, ma ho promosso con insistenza la mia idea, e poi i miei pii genitori sono andati al monastero di Pskov-Pechersky. C'era un meraviglioso vecchio Afinogen, un uomo di vita spirituale, perspicace. Sono venuti da lui e hanno detto: "Il nostro ragazzo vuole dirigere i suoi passi nella vita lungo un percorso tale che temiamo". L'anziano si fermò e disse: "Non posso dirti niente ora, vieni da me tra due giorni". Vennero da lui due giorni dopo, salirono i gradini del portico fino alla casa dove abitava. E così, come raccontarono papà e mamma, il vecchio raggiante uscì loro incontro e disse: "Come ha detto questo ragazzo, fatelo". E chiuse la porta. La mamma era, ovviamente, terribilmente rattristata - immagina, un ragazzo di quindici anni vuole uscire di casa. E papà ha detto: "No, se l'anziano ha parlato con tanta sicurezza e fermezza, facciamo come ha detto". Mi hanno lasciato andare e dall'età di quindici anni ho vissuto da solo. Guadagnavo soldi, molto piccoli – il mio primo stipendio mi permetteva di spendere un rublo al giorno. Per questo rublo bisognava fare colazione, pranzo, cena; 6 copechi per tram, 3 copechi in ogni direzione, e ho anche comprato un giornale: ecco come ho distribuito il mio budget.

– Perché ti sei messo in tali condizioni?

– Non lo so, mi sembrava solo che fosse ora di iniziare una vita indipendente. Ho sentito la forza e la volontà di vivere in modo indipendente, di essere responsabile di me stesso e davanti a Dio, e davanti ai miei genitori, e davanti agli altri. Non so spiegare. Razionalmente, tutto era un po' sbagliato, ma in realtà tutto è andato per il verso giusto.

– Perdonerai che te ne parlerò ora. Mi sono ricordato di come una volta mi sono confessato con te, e conservo ancora nella mia memoria le tue parole sulla lotta con un certo peccato. Sei un sacerdote che ancora si confessa, e le confessioni riflettono sempre le malattie di una persona e della società. Se parliamo delle principali malattie della persona di oggi, allora quali sono?

«Temo di non essere in grado di rispondere a monosillabi. In generale, la vita di ogni persona è unica e ognuno ha le proprie malattie. Ci sono, ovviamente, malattie di tutta la nostra società: questo è un declino della moralità, questa è vulnerabilità dal lato dell'informazione e della propaganda di massa, questi sono stereotipi di comportamento imposti. Il problema principale è che una persona perde la libertà senza nemmeno accorgersene. Penso che di tanto in tanto sia necessario prendere le distanze da ciò con cui si entra in contatto ogni giorno, per non essere schiavizzati dalle circostanze. Sappiamo dalla storia della Chiesa come in passato le persone, comprese quelle istruite, che occupavano una posizione elevata, si ritiravano nell'isolamento, nel deserto. Allora dove avevano bisogno di andare nel deserto per essere soli con se stessi e con Dio, e questo in un'epoca in cui l'influenza della società su una persona era incommensurabilmente più debole di quanto lo sia ora? Quindi dovremmo essere in grado di andare nel deserto senza lasciare questo mondo, ovviamente, soprattutto se si tratta di un padre di famiglia che lavora da qualche parte. Ma dovrebbe anche avere tempo per la concentrazione interiore, la solitudine e l'introspezione. È molto importante che questa solitudine sia accompagnata dalla preghiera, perché poi il Signore aiuta una persona a prendere forza e vedere a cosa dovrebbe prestare attenzione.

– Riesci, con il tuo programma di vita, ad andare in questo deserto almeno qualche volta?

– Il programma di vita del Patriarca è qualcosa di speciale. La maggior parte del mio tempo la dedico al lavoro. Francamente, l'unica cosa che mi aiuta è che dall'enorme numero di documenti che devo elaborare ogni giorno, dal gran numero di riunioni che sono presenti nel mio programma di lavoro, ci sono tali documenti e tali riunioni che mi aiutano fare qualcosa capire, anche da un punto di vista spirituale.

– Ti farò una domanda così personale, perdonami. Quando tu, dopo aver terminato le preghiere della sera, riponi il libro di preghiere e inizi a pregare con parole tue, cosa chiedi più spesso a Dio?

– Certo, è difficile parlarne, e permettetemi, non parlerò di tutto ciò con cui mi rivolgo al Signore. Ma prego sempre per la nostra gente. Prego sempre per il presidente. Prego per il nostro Paese. Ma, naturalmente, prima di tutto prego per la nostra Chiesa che il Signore ci protegga dagli scismi, dalle divisioni, da tutto ciò che indebolisce l'organismo ecclesiale. Questa preghiera è presente con me ogni giorno.

– Santità, lei così spesso nelle sue prediche degli ultimi anni parla, se non degli ultimi tempi, dell'ultimo atto della storia. Vedete davvero qualche segno della fine? Quali sono?

– È impossibile dire se questi sono segni della fine della storia o se è ancora molto lontana da essa, ma il fatto che ci siano segni di un certo degrado morale spirituale su scala planetaria è un dato di fatto. È un fatto che lo spazio della vita spirituale e morale si sta restringendo. Anche il fatto che vi sia confusione tra i concetti di bene e di male è un dato di fatto. E tutti questi sono sintomi negativi, quindi un credente ha bisogno soprattutto di non perdere la vista spirituale e cercare di penetrare nell'essenza di ciò che ci circonda oggi, nell'essenza dei problemi che affrontiamo, per non perdere l'orientamento in questo molto complesso spazio della civiltà del 21° secolo…

– Grazie, Santità! Buon compleanno!

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti