9.2 C
Bruxelles
Sabato, Febbraio 4, 2023

Patriarca Teofilo di Gerusalemme: Il vaccino è la risposta alle nostre preghiere e ringrazio Dio per questa tecnologia salvavita

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Il quotidiano in lingua russa Izvestia ha pubblicato un'intervista di Sofia Devyatova con Sua Beatitudine il Patriarca Teofilo III sulle minacce affrontate dai cristiani in Terra Santa, sul loro atteggiamento nei confronti della vaccinazione e sulle prospettive del culto cristiano a Gerusalemme quest'anno.

– Sua Beatitudine, ha recentemente parlato delle minacce alla presenza cristiana a Gerusalemme e in tutta la Terra Santa. Quanto è grande il pericolo di un cambiamento nello stato della proprietà? Si può trovare un compromesso che soddisfi tutte le parti?

– Oggi siamo di fronte a un chiaro pericolo. I cristiani di tutto il mondo devono preoccuparsi della situazione dei loro fratelli e sorelle in Terra Santa. La minaccia che saremo espulsi è reale. Negli ultimi decenni, purtroppo, ci siamo abituati ai gruppi estremisti israeliani che si impossessano delle proprietà delle famiglie cristiane e delle istituzioni ecclesiastiche con metodi disonesti. Oggi, la loro offensiva minaccia di andare ancora oltre.

Se questi gruppi radicali occupano i luoghi strategici dei pellegrini cristiani alla Porta di Giaffa, allora ancora più cristiani lasceranno Gerusalemme e milioni di pellegrini in tutto il mondo non potranno compiere un viaggio spirituale completo. Inoltre, la scomparsa della comunità cristiana – una comunità che fornisce istruzione, assistenza sanitaria, sostegno umanitario a persone di tutte le fedi nella regione – avrà conseguenze devastanti per i più vulnerabili. Inoltre offuscherà tragicamente la reputazione di Gerusalemme come capitale religiosa del mondo.

I cristiani di tutto il mondo fanno parte della comunità della Resurrezione. Quelli di noi che adorano nel luogo della morte e risurrezione di Cristo sono portatori di questa idea. Ecco perché ci sforziamo di lavorare insieme ai nostri vicini per trovare una soluzione che protegga il pannello multireligioso e multiculturale della città santa.

– La Chiesa ortodossa russa parla spesso dell'inammissibilità delle manifestazioni di radicalismo e bigottismo nelle relazioni interreligiose. Stiamo davvero entrando in una nuova era di confronto e con cosa pensi che questo abbia a che fare?

– Purtroppo, vediamo come il numero di persone che soffrono a causa delle loro convinzioni religiose aumenta ogni anno che passa. Più dell'80% dei perseguitati nel mondo sono cristiani. Al contrario, Gerusalemme dimostra la possibilità dell'armonia religiosa. Abbiamo vissuto con i nostri vicini ebrei e musulmani per molti secoli. La nostra presenza nella Città Vecchia non pone interrogativi né dallo Stato, né dalle istituzioni religiose, né dalla stragrande maggioranza dei cittadini che vivono in pace e prosperità.

Eppure il nostro futuro è minacciato da piccoli gruppi di estremisti israeliani ben finanziati che stanno conducendo una guerra estenuante contro una comunità indifesa che cerca solo di amare e servire i suoi vicini. Attualmente siamo meno dell'1% della popolazione e il nostro numero è in calo. Il mondo deve agire finché non è troppo tardi.

– Nel 2019 hai incontrato il presidente russo Vladimir Putin. Ha parlato del tema della protezione dei cristiani in una situazione molto difficile in connessione con gli eventi in Medio Oriente. Il leader russo ha poi osservato che era estremamente importante stabilire relazioni amichevoli con le denominazioni musulmane. Cosa puoi dire di lavorare con i rappresentanti dell'Islam in questa direzione?

– Dobbiamo rendere omaggio al Presidente Putin per i suoi sforzi a sostegno della comunità cristiana nel mondo. Siamo profondamente entusiasti e grati per il suo supporto. Ha anche ragione a parlare della necessità di relazioni più strette tra cristiani e musulmani. Da parte nostra, i cristiani sono chiamati da Gesù Cristo a tendere ad aiutare tutti e ad amare il prossimo come se stessi.

A Gerusalemme, le chiese hanno mantenuto buoni rapporti con i nostri fratelli e sorelle musulmani per più di mille anni. Incontro regolarmente i leader musulmani della Terra Santa e di tutto il mondo. Sono particolarmente grato per l'amicizia con Sua Maestà il Re Abdullah di Giordania, che, in quanto custode dei luoghi santi cristiani e musulmani in Terra Santa, è instancabile nei suoi sforzi per proteggere i cristiani qui e in tutto il Medio Oriente. Senza essere presuntuoso, penso che possiamo insegnare al mondo come costruire buone relazioni tra musulmani e cristiani.

– Come valuta la situazione dei cristiani in Kazakistan sullo sfondo di proteste di massa, rivolte e crescita del sentimento radicale in questo Paese?

– (EN) La situazione in Kazakistan è motivo di grande preoccupazione per tutti noi. Gesù Cristo insegnò ai Suoi seguaci a pregare ea lavorare per la pace a Gerusalemme. Chiediamo ai cristiani di tutto il mondo di pregare per la pace in Kazakistan e invitiamo i nostri fratelli e sorelle in Kazakistan a fare tutto il possibile per raggiungere la pace e la riconciliazione in quel paese.

– Tre anni fa, lei ha proposto un incontro dei capi delle Chiese ortodosse sul tema del superamento dello scisma causato dall'emissione del Tomos per l'autocefalia della “Chiesa ortodossa di Ucraina“. Questo modo di risolvere il problema è ancora possibile? Come valuta fino a che punto è arrivato lo scisma?

– Poche questioni sono paragonabili per importanza alla questione dell'unità della Chiesa. Poche ore prima del Suo arresto, Gesù Cristo stava pregando qui nel Giardino del Getsemani a Gerusalemme. In questi minuti preziosi ha pregato per i suoi discepoli, per la Chiesa e per tutti i suoi seguaci. Soprattutto, essere uno.

Nel 2019 ho avuto l'onore di ricevere dalle mani di Sua Santità il Patriarca Cirillo il Premio Patriarca Alessio II per i miei sforzi volti a rafforzare l'unità dei popoli ortodossi. Poi ho detto che anche le famiglie più coese attraversano momenti di prove e conflitti. Come la Chiesa primitiva, le nostre Chiese ortodosse sono benedette dalla presenza di patriarchi, arcivescovi e vescovi, ognuno dei quali vive con la Chiesa ed è determinato a condurre una vita retta e guidare gli altri nelle diverse comunità e nei momenti difficili. Non c'è da stupirsi che sorgono conflitti.

Ho creduto a lungo che la comunicazione fornisse la migliore soluzione ai nostri più grandi problemi. Nelle Chiese ortodosse è fondamentale continuare a incontrarci nello spirito dell'amore e della fratellanza cristiani e discutere questioni che ci dividono fin troppo facilmente. Vivendo in modo ospitale e condividendo tutto ciò che abbiamo, invitiamo lo Spirito Santo ad unirci. Ero molto entusiasta della volontà dei leader di incontrarsi e non vedo l'ora di nuove opportunità per condividere i miei pensieri con loro nei prossimi mesi.

– Sul prossimo incontro tra il Patriarca Cirillo e Papa Francesco: quali questioni secondo lei dovrebbero essere sollevate?

– Sono lieto che il Patriarca Kirill si incontri con il Papa. Per mia esperienza posso dire che incontrare Papa Francesco è sempre un grande piacere. È un leader stimolante e un amico fedele per molti di noi in tutto il mondo. È anche un fulgido esempio di vera leadership cristiana in un mondo diverso e diviso. Pregherò perché il loro incontro sia benedetto e che le sue discussioni siano fruttuose. E ci emozionano anche le parole del messaggio di Natale del patriarca Cirillo, che sicuramente sarà ascoltato ancora nei suoi vari incontri, che ci sostiene nei problemi che dobbiamo affrontare.

– L'età del coronavirus ha diviso in due la società sul tema della vaccinazione. Dal punto di vista della Chiesa, come valuterebbe le azioni degli oppositori della vaccinazione, che hanno trovato seguaci e conducono con insistenza un'agitazione di massa?

– Primo, il mio lavoro è amare le persone, non giudicarle. In secondo luogo, tenendo conto delle sue precedenti domande, è fondamentale prendere sul serio le libertà personali delle persone. Terzo, io, come molti altri leader cristiani in tutto il mondo, sono stato felice di essere vaccinato contro il coronavirus. Il vaccino è la risposta alle nostre preghiere e ringrazio Dio per questa tecnologia salvifica. Protegge le persone dalla morte e da malattie gravi, riduce la probabilità di infettare gli altri. In breve, la vaccinazione è un modo molto pratico per mostrare amore per il prossimo.

– Il culto può essere eseguito in una pandemia e cosa pensi che sarà quest'anno? In che modo la cristianità celebrerà la Pasqua?

– La pandemia di coronavirus ha cambiato molte cose nel nostro mondo. In Terra Santa piangiamo la mancanza di fedeli. È nostro sacro dovere accogliere persone da tutto il mondo in questi luoghi santi. Quest'anno speriamo di accogliere più pellegrini, ma comprendiamo comunque che il numero totale degli ospiti rimarrà probabilmente relativamente modesto.

Esorto tutti a ricordare che il culto può aver luogo ovunque. Ci sono tanti viaggi che possiamo fare: fisicamente, spiritualmente, all'estero e all'interno della nostra stessa comunità. Ci sono molti posti in cui possiamo andare e diversi tipi di esperienze che possiamo acquisire per avvicinarci a Cristo. A Pasqua celebriamo la risurrezione di Cristo, ea Pentecoste confessiamo che Egli è presente ovunque vi sia una comunità ecclesiale, per opera dello Spirito Santo.

Ecco perché invito tutti i miei fratelli e sorelle del mondo a cercare i luoghi santi nelle proprie comunità; per trasformare le loro città e chiese in un luogo di culto e per vivere ancora una volta l'amore sconfinato e infinito di Dio, che diventa nostro a Pasqua. Se riusciamo a raggiungere questo obiettivo, credo che lo Spirito Santo aggiungerà Gesù Cristo alla nostra vita e alle nostre comunità in un modo nuovo.

Traduzione: P. Gramatikov

Fonte: quotidiano Izvestia

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti