5.1 C
Bruxelles
Martedì, febbraio 7, 2023

Le minacce della Russia contro l'Ucraina sono un campanello d'allarme per l'Europa, affermano i deputati

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

In un dibattito sulle relazioni UE-Russia, sulla sicurezza europea e sulla minaccia militare della Russia contro l'Ucraina, i deputati hanno chiesto una risposta unita e hanno espresso sostegno all'Ucraina.

Mercoledì mattina, i deputati hanno fatto il punto sugli ultimi sviluppi relativi alle minacce militari della Russia contro l'Ucraina in un dibattito in plenaria con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il capo della politica estera dell'UE Josep Borrell.

Aprendo il dibattito, La Presidente del Parlamento Roberta Metsola ha sottolineato come il Parlamento europeo abbia ripetutamente espresso solidarietà al popolo ucraino mentre continua a far fronte all'incertezza e alle minacce dell'aggressione militare russa.

"Quello a cui stiamo assistendo qui è anche una minaccia alla pace in Europa", ha aggiunto, sottolineando che il Parlamento più tardi oggi voterà anche per approvare 1.2 miliardi di euro di assistenza finanziaria all'Ucraina. Ha ringraziato la Commissione europea per la sua “proposta tempestiva per sostenere la stabilità finanziaria e la resilienza dell'Ucraina nelle attuali difficili circostanze”.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha sottolineato come il recente e senza precedenti potenziamento militare russo lungo il confine ucraino può essere visto solo come un comportamento aggressivo e minaccioso. Ha sottolineato come queste tattiche bellicose non solo minaccino la stabilità e l'integrità dell'Ucraina, ma anche la pace e la sicurezza in Europa e il sistema internazionale basato su regole.

Michel ha sottolineato che l'UE sta lavorando continuamente con i suoi partner internazionali e alleati per allentare le tensioni, in primo luogo attraverso la diplomazia, ma anche per preparare solide sanzioni contro la Russia se continua l'aggressione militare contro l'Ucraina. Ha inoltre annunciato un'iniziativa, nell'ambito di uno stretto coordinamento tra l'UE e l'Ucraina, di una conferenza dei donatori per sostenere ulteriormente l'Ucraina economia.

“L'idea di sfere di influenza non appartiene al 21° secolo”, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. La diplomazia non ha ancora pronunciato l'ultima parola, ma ora i fatti devono seguire, ha detto, riferendosi agli ultimi segnali provenienti dal Cremlino. La NATO non ha ancora visto una riduzione delle truppe russe in Ucraina, ha sottolineato.

Il presidente della Commissione ha anche avvertito la Russia di non armare la “questione energetica”. Poiché l'UE sta rafforzando altre fonti di energia, "ora siamo al sicuro per questo inverno", ha sottolineato, aggiungendo che la principale lezione appresa per l'UE è che deve diversificare le sue fonti di energia per non dipendere dalla Russia gas. Il futuro europeo risiede nelle energie rinnovabili, ha concluso.

"Quello che potrebbe accadere in Ucraina segnerà il futuro dell'umanità", ha avvertito l'alto rappresentante dell'UE Josep Borrell. “Se prevalesse la legge del più forte, sarebbe un passo indietro”, ha aggiunto. Borrell ha anche sottolineato come l'UE e i suoi Stati membri stiano affrontando la possibilità di un'aggressione militare russa in completa unità e ha ritenuto che “questa sia una delle conseguenze positive di questa crisi”. Ha chiarito che l'UE è pronta a negoziare una soluzione diplomatica, ma anche pronta ad agire, con sanzioni, se necessario.

Molti eurodeputati hanno evidenziato come le attuali tensioni siano un campanello d'allarme per l'Unione europea, che deve sviluppare ulteriormente la sua forza di potere per gestire le pressioni esterne e garantire una forte risposta alle minacce esterne, pur mantenendo la pace e la democrazia come valori fondamentali e scopo essenziale . Pertanto, hanno notato come le attuali sfide russe creino un'opportunità per rafforzare l'unità europea.

Pur esprimendo il loro continuo sostegno e ammirazione per il popolo ucraino, di fronte alla minaccia dell'aggressione russa da anni, molti deputati hanno ribadito la necessità sia di mantenere la diplomazia nei confronti di Mosca sia di preparare dure sanzioni contro la Russia. C'è molto da fare sul tavolo delle sanzioni, incluso il gasdotto dalla Russia alla Germania Nord Stream 2, hanno detto alcuni.

I deputati hanno anche sottolineato che la ragione dell'aggressività della Russia non è l'espansione della NATO, ma piuttosto il potere dei valori e l'attrattiva delle società democratiche, che sta spaventando il presidente russo Vladimir Putin e il Cremlino. In un'altra nota, alcuni eurodeputati hanno anche criticato l'UE per essere stata troppo ambigua nella sua risposta alla Russia, mentre altri hanno sottolineato che l'Europa deve seguire le sue parole con l'azione per respingere l'aggressione russa.

Potete rivedere il dibattito in plenaria qui (16.02.2022)

 

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti