6.3 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 1, 2023

Violenta mancanza di rispetto per le tombe dei musulmani Ahmadiyya nel distretto di Hafizabad in Pakistan

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Comitato Internazionale per i Diritti Umani e PAC Libertà di coscienza due ONG internazionali denunciano da anni le persecuzioni subite dalla comunità Ahmadyya nel mondo e più in particolare in Pakistan.

È nauseante far sapere al mondo che il governo e le forze di polizia in Pakistan sono caduti in atti umilianti come la profanazione delle tombe dei musulmani ahmadi. La persecuzione degli ahmadi sponsorizzata dal governo è dilagante e la vita degli ahmadi diventa un inferno negando loro tutti i loro diritti civili e umani fondamentali. Il governo non lascerebbe soli gli ahmadi anche dopo la loro sepoltura.

Il 4 e 5 febbraio 2022, su richiesta non etica degli oppositori, la polizia ha profanato 45 lapidi delle tombe di Ahmadiyya nel cimitero di Ahmadiyya a Premkot, nel distretto di Hafizabad. Di seguito sono riportate le immagini di alcune lapidi e tombe profanate.

La persecuzione perpetrata contro la Comunità Ahmadiyya in Pakistan non si limita solo a coloro che sono vivi, ma anche gli Ahmadi che sono morti non sono al sicuro nelle loro tombe.

L'atto illegale compiuto dalla polizia di Hafizabad DPO contro la comunità Ahmadiyya in Pakistan non è solo un atto di violazione Diritti umani, ma è anche un atto che ha offuscato ulteriormente il volto del nostro amato Paese Pakistan agli occhi della Comunità Internazionale.

La comunità mondiale deve prendere seriamente in considerazione questi dolorosi atti di comportamento delinquente contro l'umanità. Questi devono essere fermati. Questi sono inaccettabili.

Il 13 luglio 2021, esperti delle Nazioni Unite in materia di diritti umani hanno espresso profonda preoccupazione per la mancanza di attenzione alle gravi violazioni dei diritti umani perpetrate contro la comunità Ahmadiyya in tutto il mondo e hanno invitato la comunità internazionale a intensificare gli sforzi per porre fine alle continue persecuzione degli ahmadi.

IHRC e CAP LC esortano vivamente la comunità internazionale a imporre al governo del Pakistan di onorare la sua responsabilità di fornire protezione effettiva e libertà di pratica religiosa agli ahmadi e che gli autori di tali attacchi feroci dovrebbero essere assicurati alla giustizia, per portare le sue leggi e pratiche in conformità con gli standard internazionali come ordinato dall'articolo 20 e dalle Nazioni Unite Universal.

Per maggiori informazioni :

Politica nazionale e nota informativa del Ministero dell'Interno del Regno Unito Pakistan Ahmadi

Dichiarazione congiunta dei tre SR delle Nazioni Unite rilasciata il 13 luglio 2021 sulla persecuzione di Ahmadiyya nel mondo

Scheda informativa sulla persecuzione di Ahmadiyya USCIRF 2021

Violazioni dell'ICJ del diritto alla libertà di religione o di credo in Pakistan

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti