10.7 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Commissione parlamentare del Consiglio d'Europa: intensificare la deistituzionalizzazione delle persone con disabilità

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

La commissione per gli affari sociali, la salute e lo sviluppo sostenibile dell'Assemblea parlamentare ha adottato all'unanimità un progetto di risoluzione, nonché un progetto di raccomandazione ai governi europei in linea con i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale, e l'ha esortata a ispirarsi al lavoro dell'ONU Convenzione per le persone con disabilità.

Il comitato ha sottolineato che l'ONU è chiaramente passata a un approccio alla disabilità basato sui diritti umani che sottolinea l'uguaglianza e l'inclusione. Basato su una relazione dal suo relatore, la sig.ra Reina de Bruijn-Wezeman, il comitato ha formulato una serie di raccomandazioni rivolte specificamente alla scena nei paesi europei.

Il comitato ha proposto che le leggi che autorizzano l'istituzionalizzazione delle persone con disabilità siano progressivamente abrogate, così come legislazione sulla salute mentale che consente il trattamento senza consenso e la detenzione per menomazione, al fine di porre fine alla coercizione nella salute mentale. I governi dovrebbero sviluppare strategie adeguatamente finanziate, con tempi e parametri di riferimento chiari, per un'autentica transizione verso una vita indipendente per le persone con disabilità.

“Spesso si presume che le persone con disabilità non siano in grado di vivere in modo indipendente. Ciò è radicato in idee sbagliate diffuse, tra cui che le persone con disabilità non hanno la capacità di prendere decisioni sane da sole e che hanno bisogno di "cure specializzate" fornite nelle istituzioni", ha sottolineato il comitato.

“In molti casi, anche le credenze culturali e religiose possono alimentare tale stigma, così come l'influenza storica del movimento eugenetico. Per troppo tempo queste argomentazioni sono state utilizzate per privare ingiustamente le persone con disabilità della loro libertà e segregarle dal resto della comunità, inserendole nelle istituzioni”, hanno aggiunto i parlamentari.

Più di un milione di europei colpiti

Nella sua risoluzione, il Comitato ha osservato che: “Il collocamento nelle istituzioni incide sulla vita di più di un milione di europei ed è una violazione pervasiva del diritto sancito dall'articolo 19 dell'ONU Convenzione sui diritti delle persone con disabilità (CRPD), che richiede un fermo impegno per la deistituzionalizzazione”.

Ha spiegato la sig.ra Reina de Bruijn-Wezeman il Times Europeo che ci sono alcune differenze tra gli stati europei, ad esempio in un paese c'è stato un tasso molto alto di istituzionalizzazione dei bambini.

Ha osservato che in questo paese è stato avviato un processo di riforma, nonché un impegno per la trasformazione del suo sistema sanitario nazionale, a seguito di pressioni di lunga data. La sig.ra Reina de Bruijn-Wezeman ha tuttavia aggiunto che con ciò è emersa un'altra preoccupazione per il fatto che le istituzioni siano state chiuse senza che vi siano alternative adeguate basate sulla comunità. Una sfida fondamentale consiste nel garantire che il processo di deistituzionalizzazione stesso si svolga in modo tale diritti umani conforme.

La sig.ra Reina de Bruijn-Wezeman ha sottolineato che gli Stati europei devono stanziare risorse adeguate per servizi di supporto che consentano alle persone con disabilità di vivere nelle loro comunità. Ciò richiede, tra l'altro, una ridistribuzione dei fondi pubblici dalle istituzioni per rafforzare, creare e mantenere i servizi basati sulla comunità.

In tal senso, il Comitato nella sua risoluzione ha sottolineato che “occorre adottare misure per combattere questa cultura dell'istituzionalizzazione che porta all'isolamento sociale e alla segregazione delle persone con disabilità, anche a casa o in famiglia, impedendo loro di interagire nella società e di essere inclusi nella comunità”.

La signora Reina de Bruijn-Wezeman ha spiegato: "Garantire che siano disponibili adeguati servizi di assistenza a livello di comunità per le persone con disabilità, e quindi una transizione graduale, è fondamentale per un processo di deistituzionalizzazione di successo".

Approccio sistemico alla deistituzionalizzazione con un obiettivo necessario

Per ottenere buoni risultati è necessario un approccio sistemico al processo di deistituzionalizzazione. La disabilità è stata collegata ai senzatetto e alla povertà in diversi studi.

Ha aggiunto: "L'obiettivo non è la mera deistituzionalizzazione delle persone con disabilità, ma un'autentica transizione verso una vita indipendente in conformità con l'articolo 19 della CRPD, Commento generale n. 5 (2017) del Comitato delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità sulla vita indipendente e l'inclusione nella comunità, e le prossime Linee guida sulla deistituzionalizzazione delle persone con disabilità, anche in situazioni di emergenza”.

La trasformazione dei servizi istituzionali residenziali è solo un elemento di un cambiamento più ampio in settori quali l'assistenza sanitaria, la riabilitazione, i servizi di supporto, l'istruzione e l'occupazione, nonché nella percezione sociale della disabilità e dei determinanti sociali della salute. Il semplice trasferimento delle persone in istituzioni più piccole, case di gruppo o diversi ambienti di congregazione è insufficiente e non è conforme agli standard legali internazionali.

La relazione dovrebbe essere discussa dall'Assemblea nella sessione di aprile, quando prenderà una posizione definitiva.

Logo European Human Rights Series 300x154 - Commissione parlamentare del Consiglio d'Europa: intensificare la deistituzionalizzazione delle persone con disabilità
- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti