7.8 C
Bruxelles
Sabato, Febbraio 4, 2023

Delegazioni dei popoli indigeni del Canada: 'Papa Francesco ha ascoltato il nostro dolore'

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

di Salvatore Cernuzio – “Verità, giustizia, guarigione, riconciliazione”. – Queste parole esprimono gli obiettivi che delegazioni di diversi popoli indigeni canadesi sono venute a condividere con Papa Francesco questa settimana, nel tentativo di sanare il dolore causato dalle scuole residenziali.

Lunedì due delegazioni si sono incontrate con il Papa in udienze successive, una della Nazione Métis e un'altra del popolo Inuit. Erano accompagnati da diversi vescovi della Conferenza episcopale cattolica canadese, con ogni delegazione che ha incontrato il Papa per circa un'ora.

Il Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, ha affermato in un comunicato che l'udienza è stata concentrata sul dare al Papa l'opportunità di "ascoltare e offrire spazio alle storie dolorose condivise dai sopravvissuti".

Via della riconciliazione

Nel suo discorso dell'Angelus del 6 giugno 2020, Papa Francesco ha condiviso con il mondo il suo sgomento per la drammatica notizia, giunta qualche settimana prima, del ritrovamento in Canada di una fossa comune nella Kamloops Indian Residential School, con più di 200 corpi delle popolazioni indigene.

Lunedì mattina papa Francesco ha incontrato due delegazioni dei popoli indigeni del Canada, il primo di una serie di incontri che proseguiranno nei prossimi giorni

La scoperta ha segnato un simbolo di un passato crudele, che ha cercato, dal 1880 fino agli ultimi decenni del 20° secolo, che ha visto istituzioni finanziate dal governo gestite da organizzazioni cristiane, educare e convertire i giovani indigeni e assimilarli nella società canadese tradizionale, attraverso abusi sistematici .

La scoperta nel giugno 2020 ha portato i Vescovi canadesi a scusarsi e ad avviare una serie di progetti a sostegno dei sopravvissuti. L'importanza del processo di riconciliazione è dimostrata dalla disponibilità del Papa a ricevere le delegazioni in Vaticano lunedì e 31 marzo, in vista di una futura visita papale in Canada, annunciata da non ancora ufficialmente confermata.

Il 1° aprile il Papa terrà un'udienza nella Sala Clementina in Vaticano con le varie delegazioni e con i rappresentanti della Conferenza episcopale canadese.

“Mai troppo tardi per fare la cosa giusta”

Il Papa ha incontrato per la prima volta lunedì i membri della Métis Nation. L'incontro è stato ricco di parole, storie e ricordi, ma anche di tanti gesti, sia da parte del Papa che dei rappresentanti indigeni che si sono trovati a percorrere un comune cammino di “verità, giustizia, guarigione e riconciliazione”.

Il gruppo ha lasciato il Palazzo Apostolico accompagnato dal suono di due violini, simbolo della cultura e dell'identità del gruppo.

Hanno poi incontrato la stampa internazionale in Piazza San Pietro per condividere i dettagli della loro mattinata.

Cassidy Caron, presidente del Consiglio nazionale Métis, ha letto una dichiarazione per parlare dei "numeri incalcolabili [che] ora ci hanno lasciato senza che la loro verità venisse mai ascoltata e il loro dolore riconosciuto, senza mai ricevere l'umanità di base e guarirli così meritatamente meritato”.

"E mentre il momento del riconoscimento, delle scuse e dell'espiazione è atteso da tempo", ha detto, "non è mai troppo tardi per fare la cosa giusta".

Il dolore di papa Francesco

La Métis Nation ha fatto la sua parte, ha affermato la signora Caron, per preparare l'udienza papale svolgendo il “lavoro difficile ma essenziale” di ascolto e comprensione delle vittime e delle loro famiglie.

I risultati di quel lavoro sono stati presentati lunedì a papa Francesco: "Papa Francesco si è seduto e ha ascoltato, e ha annuito quando i nostri sopravvissuti hanno raccontato le loro storie", ha detto la signora Caron. “I nostri sopravvissuti hanno fatto un lavoro incredibile in quell'incontro di alzarsi in piedi e dire le loro verità. Erano così coraggiosi e così coraggiosi”.

“Abbiamo svolto il difficile lavoro di prepararci al nostro cammino, al nostro colloquio con il Papa”, ha detto. "Abbiamo fatto il lavoro di tradurre le nostre parole a coloro che lui avrebbe capito".

La signora Caron ha quindi espresso la speranza che anche il Papa e la Chiesa universale procedano nell'opera di tradurre quelle parole in "un'azione reale per la verità, per la giustizia, per la guarigione e per la riconciliazione".

“Quando abbiamo invitato Papa Francesco a unirsi a noi in un viaggio per la verità, la riconciliazione, la giustizia e la guarigione, le uniche parole che ci ha rivolto in inglese, in gran parte erano nella sua lingua, ha ripetuto verità, giustizia e guarigione – e Lo prendo come un impegno personale".

Più volte il presidente del Consiglio nazionale Métis ha ripetuto la parola “orgoglio”.

“Stiamo celebrando l'essere qui insieme, l'essere qui insieme come un'unica nazione e in collaborazione anche con i nostri delegati Inuit e First Nations dal Canada”, ha affermato la signora Caron. "Siamo ancora qui e siamo orgogliosi di essere Métis e invitiamo i canadesi a imparare insieme a noi chi siamo e qual è la nostra storia in Canada".

La signora Caron ha affermato di aver presentato una richiesta di accesso ai documenti detenuti in Vaticano riguardanti le scuole residenziali.

"Lo abbiamo fatto, lo siamo e continueremo a sostenere gran parte di ciò di cui la Métis Nation ha bisogno per essere sicura di comprendere la nostra piena verità", ha affermato. "Ne parleremo di più con il Papa all'udienza generale di venerdì".

cq5dam.thumbnail.cropped.750.422 - Delegazioni dei popoli indigeni del Canada: 'Papa Francesco ha ascoltato il nostro dolore'
Angie Crerar

La testimonianza di Angy

Un'altra persona del gruppo in Piazza San Pietro era Angie Crerar, 85 anni.

Con i capelli corti, gli occhiali scuri e una fusciacca multicolore sopra un vestito nero, è arrivata su una sedia a rotelle ma si è alzata quando ha condiviso parti della sua storia, la stessa che ha raccontato al Papa.

Nel corso dei 10 anni che lei e le sue due sorelline hanno trascorso in una scuola residenziale nei Territori del Nordovest nel 1947, “abbiamo perso tutto, tutto; tutto tranne la nostra lingua.

"Quando ce ne siamo andati, mi ci sono voluti più di 45 anni per recuperare ciò che avevo perso".

Angie, tuttavia, dice che non vuole essere schiacciata dai ricordi del passato, ma piuttosto guarda al presente.

"Siamo più forti ora", ha detto. “Non ci hanno rotto. Siamo ancora qui e abbiamo intenzione di vivere qui per sempre. E ci aiuteranno a lavorare con noi, il che per noi è fantastico. Per me è una vittoria, una vittoria per il nostro popolo per tutti gli anni che ha perso”.

Riguardo alla sua udienza con papa Francesco, la signora Crerar ha detto di essere arrivata nervosa, ma di essersi trovata con “la persona più gentile e gentile”.

Il Papa l'ha persino abbracciata, ha detto, cancellando decenni di sofferenza. “Ero proprio accanto a lui, dovevano tenermi lontano... È stato così meraviglioso. Ed era così gentile. Ed ero nervoso, ma dopo che ha parlato con me e il suo linguaggio, non lo capivo mentre parlava, ma il suo sorriso e la sua reazione, il suo linguaggio del corpo, ho semplicemente sentito, amico, io amo quest'uomo.

Guarda una clip dell'intervista di Angie Crerar
- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti