9.9 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Come il movimento anti-sette ha contribuito ad alimentare la retorica anti-Ucraina russa

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Jan Leonid Bornstein
Jan Leonid Bornstein
Jan Leonid Bornstein è giornalista investigativo per The European Times

Anti-sette - Dagli eventi di Maidan nel 2014, quando l'allora presidente Yakunovich fu costretto a dimettersi dopo grandi proteste nelle strade dell'Ucraina, il movimento paneuropeo anti-sette, guidato dalla Federazione europea dei Centri di Ricerca e Informazione sul Settarismo (FECRIS), ha partecipato alla macchina di propaganda Russa che alla fine ha portato alla guerra in corso.

Nel 2013, dopo che l'Ucraina era stata per alcuni anni su una traiettoria pro-europea e stava per firmare un accordo di associazione con l'UE che avrebbe integrato legami politici ed economici più stretti tra l'UE e l'Ucraina, le forze di Putin hanno fatto pressioni su Yakunovich per far fallire l'accordo. Yakunovich, che era conosciuto come un leader corrotto filo-russo, è crollato e questo ha dato inizio a quella che è stata chiamata la rivoluzione di Maidan in Ucraina.

Affidarsi alle forze religiose contro l'Occidente

La rivoluzione di Maidan ha rappresentato una grave minaccia nella mente di Putin, che ha poi avviato una macchina di propaganda per screditare le nuove autorità. Da allora, la retorica russa contro le nuove forze democratiche ucraine al potere, che sicuramente non erano filo-russe, includeva accuse di essere neonaziste, ma anche di essere burattini delle democrazie occidentali che nascondono un'agenda anti-russa. Per la sua propaganda, contava in gran parte sulle sue "forze religiose", principalmente la Chiesa ortodossa russa, che aveva ancora un'influenza piuttosto importante in Ucraina.

I principali leader della Chiesa ortodossa russa, come il patriarca Kirill, hanno sempre sostenuto gli sforzi di Putin, per sbarazzarsi delle forze filo-europee in Ucraina, accusandole di perseguitare i membri ortodossi ucraini affiliati al Patriarcato di Mosca (il che potrebbe essere in una certa misura vero, come era vero il contrario nei territori occupati dalla Russia in Ucraina), ma anche per minacciare l'unità della "vecchia Rus',, e lo stanno ancora facendo come abbiamo potuto vedere di recente quando il patriarca Kirill ha accusato coloro che si oppongono alla guerra in Ucraina di essere le “forze del male”.

Alexander Dvorkin, il “settologo”

Il patriarca Kirill e Vladimir Putin hanno potuto contare anche sul movimento “anti-sette”, che in Russia era guidato dal vicepresidente della FECRIS Alexander Dvorkin, teologo russo-ortodosso spesso presentato dalle autorità russe come un esperto di “settologia” . Il FECRIS è un'organizzazione francese anti-sette con influenza paneuropea. Il governo francese fornisce la maggior parte dei finanziamenti al FECRIS, ed infatti è stata fondata da un'associazione antisette francese chiamata UNADFI (Unione Nazionale delle Associazioni per la Difesa delle Famiglie e degli Individui contro le sette) nel 1994.

Proprio all'inizio del nuovo governo ucraino che era stato eletto dopo le dimissioni di Yakunovich, il 30 aprile 2014 Alexander Dvorkin è stato intervistato da radio Voice of Russia (Voce della Russia), la principale Radio Governativa Russa (che pochi mesi dopo cambiò nome in Radio Sputnik). A Dvorkin, presentato come "attivista anti-sette e vicepresidente della Federazione europea dei centri di ricerca e informazione sul settarismo, che è l'organizzazione ombrello dei gruppi anti-sette in Europa", è stato chiesto di commentare il "programma religioso nascosto dietro Maidan e la crisi ucraina”. Ha poi promosso la propaganda dello Stato russo in un modo molto interessante,.

Nel mirino Greco-Cattolici, Battisti e altre cosiddette “Sette”.

In quell'intervista, Dvorkin come prima cosa ha accusato la Chiesa Uniate, nota anche come greco-cattolica, di essere dietro la rivoluzione: “Ci sono diversi gruppi religiosi e diversi culti religiosi che svolgono un ruolo piuttosto importante in quegli eventi. Prima di tutto, la chiesa Uniate... ha svolto un ruolo molto importante e, direi, molto violento per molti sacerdoti uniati che vi predicavano con tutti i loro paramenti liturgici…” Quando l'intervistatore chiese a Dvorkin cosa poteva fare il Vaticano, avendo invocato "la necessità di tornare a sviluppi per la pace in Ucraina", la risposta di Dvorkin è stata di spiegare che non poteva fare nulla, perché il Vaticano era ora guidato dai gesuiti, che erano diventati molto filo-marxisti e favorevoli alla rivoluzione attraverso i secoli, aggiungendo: «Ebbene, l'attuale Papa Francesco non è proprio pro-rivoluzionario, ma il modo in cui si comporta mostra che ha accettato parte di questo retaggio”.

DVORKIN CON IL CLERO DELLA CHIESA ORTODOSSA BULGARA - Come ha partecipato il movimento anti-sette per alimentare la retorica anti-ucraina russa
Alexander Dvorkin con il clero della Chiesa ortodossa bulgara per discutere dell'Ucraina il 17 luglio 2019

Poi Dvorkin se la prende con i Battisti, accusandoli di svolgere un ruolo importante nel Maidan e di essere molto nazionalisti in Ucraina. Si spinge fino ad accusare l'allora Primo Ministro Yatsenyuk di essere uno "scientologist nascosto", mentre finge di essere uniate: "C'erano molti resoconti dei media che lo chiamavano Scientologist... Se fosse stato apertamente uno scientologist, sarebbe stato molto un male. Ma comunque, almeno sapresti cosa aspettarti da lui. Ma quando una persona, in realtà Yatsenyuk, si definiva un uniato greco-cattolico [mentre era uno scientologist], e c'era un prete uniate che confermava che era uniato, credo che questo sia molto pericoloso". Poi, con un'interessante teoria della cospirazione, ha estrapolato il fatto che questo era un modo per la CIA di controllarlo, usando le tecniche di Scientology per “controllare il suo comportamento e controllare le sue azioni”.

Ultimo ma non meno importante, Dvorkin ha condotto un attacco a quello che chiama "neopaganesimo", che ha accusato di essere legato ai neonazisti, una retorica che ha assunto un significato molto importante nell'attuale propaganda russa, come possiamo vedere con la “denazificazione” auspicata oggi da Putin per giustificare la guerra in Ucraina.

Le lettere d'amore di Gerry Amstrong a Putin

Dvorkin non è ovviamente l'unico membro della FECRIS ad aver partecipato alla propaganda anti-occidentale russa. Tra gli altri, un sostenitore/membro canadese della FECRIS, Gerry Amstrong, ha scritto a Putin due lettere che sono state pubblicate, una sul sito web della Chiesa ortodossa russa “proslavie.ru”[3],e l'altro sul sito web della filiale russa di FECRIS [4],. Amstrong è un ex scientologist canadese che è diventato un apostata della Chiesa di Scientology e che è scappato in Canada per evitare un mandato d'arresto dopo essere stato condannato da un tribunale americano per alcune delle sue attività anti-Scientology. Nella prima lettera, pubblicata il 2 dicembre 2014, afferma che dopo aver visitato la Russia, "su invito di persone della Chiesa ortodossa russa... sono diventato filo-russo". Aggiunge: "Non sono diventato anti-occidentale o anti-americano, anche se sono assolutamente contrario all'ipocrisia della superpotenza degli Stati Uniti e dell'Occidente". Poi elogia Putin per aver offerto asilo a Edward Snowden e per essere "molto intelligente, ragionevole e presidenziale". Dopo essersi lamentato per la sua condanna negli Stati Uniti, ringrazia Putin "per tutto ciò che i funzionari del vostro governo hanno fatto per facilitare il mio essere in Russia e poter comunicare ai vostri cittadini", nonché per essersi opposto a una decisione della Corte Europea dei Diritti Umani che aveva condannato la Russia per aver violato i diritti degli Scientologist . Poi incolpa l'Occidente per la sua "propaganda nera" contro il presidente della Russia.

Sebbene questa lettera non menzioni esplicitamente l'Ucraina, è stata scritta alla vigilia della nuova era democratica ucraina ed è in linea con la retorica secondo cui la Russia è minacciata dalle ideologie e dai culti occidentali ed è l'ultimo baluardo per mantenere "una posizione morale" contro di esse.

FECRIS MEETING RUSSIA - Come ha partecipato il movimento anti-sette per alimentare la retorica anti-ucraina russa
Gerry Armstrong, Alexander Dvorkin, Thomas Gandow e Luigi Corvaglia a una conferenza FECRIS a Salekhard, in Siberia, il 29 settembre 2017. Al centro, l'arcivescovo Nikolai Chashin.

Nella sua seconda lettera a Vladimir Putin, pubblicata il 26 giugno 2018 sul sito web russo FECRIS, Amstrong, presentato sul sito web come un “attivista cristiano” e buon amico del signor Dvorkin – che si dice si sia occupato della traduzione del lettera in russo – inizia congratulandosi con Putin per la sua rielezione. Poi prosegue congratulandosi con Putin per le sue azioni nella Crimea occupata: “Congratulazioni per l'apertura del ponte della Crimea al traffico veicolare. Mi congratulo con tutto il Paese per un risultato così straordinario. Questa è una benedizione sia per la Crimea che per il resto della Russia”. Prende poi la difesa di Putin contro la campagna "dell'Occidente" scrivendo che è "pericolosa, crudele, ipocrita, irragionevole e basata su ovvi motivi ideologici".

La lettera prosegue: “Sai che ci sono persone in Canada e in altri paesi occidentali che non credono alla campagna diffamatoria contro di te, si rendono conto che è sbagliata, la vedono come una minaccia e ammettono persino che può essere usata come pretesto o scusa per una guerra nucleare. D'altra parte, è facile vedere che ci sono molte persone là fuori che vogliono che questa minaccia e altre minacce simili abbiano successo e crescano e, per farlo, pianificano, agiscono, pagano e vengono pagati per rendere questa minaccia reale. Queste sono le stesse persone che stanno conducendo una campagna qui per diffamarti". Ancora una volta, questa è una retorica cospirativa di grande significato, perché attribuisce la colpa della guerra all'Occidente e alla sua cosiddetta "campagna diffamatoria", che sarebbe la causa alla base dell'obbligo di Putin ad iniziare una guerra in Ucraina.

Rapporto USCIRF sul movimento anti-sette in Russia

Nel XNUMX, la Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale (USCIRF) ha pubblicato un rapporto intitolato “Il movimento anti-sette e la regolamentazione religiosa in Russia e nell'ex Unione Sovietica” [XNUMX]. I rapporti spiegano che "Sebbene sia l'eredità sovietica che la ROC (Chiesa ortodossa russa) abbiano avuto una grande influenza, gli atteggiamenti e gli approcci attuali nei confronti delle minoranze religiose derivano anche da altri fattori, inclusi gli sviluppi socio-economici post-sovietici, il desiderio del regime di Putin di unità nazionale, paure individuali sulla sicurezza familiare o sul cambiamento in generale e preoccupazioni transnazionali sui pericoli percepiti dai nuovi movimenti religiosi (NRM)”. Ironia della sorte, va alle radici del movimento anti-sette che hanno indubbiamente origine in Occidente.

Il rapporto spiega che dopo il 2009, “la retorica del movimento anti-sette e dello stato russo si sono progressivamente avvicinati nel decennio successivo. Facendo eco alle preoccupazioni di Putin sulla sicurezza spirituale e morale, Dvorkin ha affermato nel 2007 che i NRM "infliggono deliberatamente danni ai sentimenti patriottici russi". Ed è così che è iniziata la convergenza, e perché la Chiesa ortodossa russa e il movimento anti-sette sono diventati fondamentali nell'agenda propagandistica di Putin.

Parlando di Dvorkin il rapporto dice: “L'influenza di Dvorkin si è estesa anche al di fuori dell'orbita post-sovietica. Nel 2009, lo stesso anno in cui è stato nominato capo del Consiglio di esperti russo, è diventato anche vicepresidente della Federazione europea dei centri di ricerca e informazione sul settarismo (FECRIS), un'organizzazione francese anti-sette con influenza paneuropea. Il governo francese fornisce la maggior parte dei finanziamenti della FECRIS e il gruppo diffonde regolarmente propaganda negativa sulle minoranze religiose, anche in occasione di forum internazionali come la conferenza OSCE sulle dimensioni umane. Il centro di Dvorkin è il principale collaboratore di FECRIS in Russia e riceve un significativo sostegno finanziario sia dalla ROC [ Chiesa ortodossa russa] sia dal governo russo”.

Poi in un capitolo intitolato “Esportare l'intolleranza in Ucraina”, l'USCIRF prosegue: “La Russia ha portato con sé il suo sistema di regolamentazione religiosa restrittiva quando ha invaso la Crimea nel 2014, inclusa la simbiosi tra idee anti-sette e sicurezza nazionale. Il regime di occupazione in Ucraina ha spesso utilizzato le norme religiose per terrorizzare la popolazione in generale e per prendere di mira gli attivisti della comunità tartara di Crimea". Nella sua conclusione, il rapporto USCIRF chiarisce che "Alexander Dvorkin e i suoi collaboratori si sono ritagliati ruoli influenti nel governo e nella società, plasmando il discorso pubblico sulla religione in numerosi paesi”.

La lotta di Donetsk e Luhansk contro i cosiddetti culti

È interessante notare che gli pseudo-stati del Donbass, Donetsk e Luhansk, sono stati gli unici luoghi al mondo che fanno della lotta alle "sette" un principio costituzionale. La rivista Bitter-Winter sulla libertà religiosa ha concluso da quella e da altre prove della loro brutale negazione della libertà religiosa, che "ciò che sta accadendo nella pseudo-'Repubblica popolare di Donetsk' e nella 'Repubblica popolare di Luhansk' è una chiara rappresentazione della distopica teocrazia ortodossa che gli ideologi di Putin hanno in mente per un "mondo russo" i cui confini si espandono continuamente"[XNUMX].

Inoltre, non è la prima volta che il movimento anti-sette in generale, e la FECRIS in particolare, sono legati alla propaganda nazionalistica e pro-guerra in tutta Europa. In un rapporto pubblicato nel luglio 2005 e firmato da un avvocato francese e da Miroslav Jankovic, divenuto in seguito Funzionario giuridico nazionale dell'OSCE in Serbia, è stato sottolineato che il rappresentante della FECRIS in Serbia era il colonnello Bratislav Petrovic [7].

Il passato del FECRIS in Serbia

colonnello Bratislav Petrovic - Come ha partecipato il movimento anti-sette per alimentare la retorica anti-ucraina russa
Il colonnello Bratislava Petrovic

Secondo il rapporto, il colonnello Bratislav Petrovic dell'esercito jugoslavo era anche un neuropsichiatra. Durante il regime di Milosevic, ha diretto l'Istituto di salute mentale e psicologia militare dell'Accademia militare di Belgrado. Da quella posizione si specializzò nella selezione e nella preparazione psicologica dei soldati dell'esercito di Milosevic prima che venissero mandati in guerra. Il colonnello Petrovic è stato anche determinante nel promuovere la propaganda di Milosevic secondo cui i serbi erano le vittime e non gli autori del genocidio in Bosnia, contrariamente a tutti i rapporti affidabili delle Nazioni Unite sull'argomento.

Il rapporto va oltre: “Petrovic sta ora applicando le sue tecniche psicologiche di indottrinamento per prendere di mira le minoranze religiose. Eppure questo non è nuovo. Nel 1993, mentre la pulizia etnica e religiosa era in corso in Croazia e Bosnia, Petrovic ha usato quella stessa ideologia per condannare le minoranze religiose all'interno della Serbia, accusandole di essere organizzazioni terroristiche ed etichettandole convenientemente come 'sette'”.

Il rapporto prosegue elencando tutti i cosiddetti culti che furono presi di mira dalla FECRIS in Serbia: Battisti, Nazareni, Avventisti, Testimoni di Geova, Mormoni, Pentecostali, Teosofia, Antroposofia, Alchimia, Cabala, i centri Yoga, Meditazione Trascendentale, Centro Karma, Shri Chimnoy, Sai Baba, Hare Krishna, Falun Gong, Ordine Rosacroce, Massoni, ecc. Come si può vedere, Petrovic era ben lungi dall'essere a corto di culti contro cui combattere. Questi erano simili a quelli che sono stati presi di mira dalla propaganda di Dvorkin e della ROC (Chiesa ortodossa russa) in Russia nel loro tentativo di giustificare la protezione dei "sentimenti patriottici russi" e della "sicurezza spirituale".

FECRIS sostenuto da leader e chiese ortodosse in altri luoghi

Questa iniziativa della FECRIS è stata sostenuta dalla Chiesa ortodossa serba, che, attraverso le parole del suo rappresentante, il vescovo Porfirije, ha indicato la necessità di avere “dati autentici nell'esporre una ad una le sette come gruppi che stanno diffondendo terrore spirituale e violenza”. Porfirije ha anche affermato che “la lotta contro questo male sarà più facile quando arriverà la legge sulle organizzazioni religiose”, riferendosi a un disegno di legge che lui e Petrovic avevano cercato di far modificare. L'emendamento che hanno presentato (ma che è stato respinto) mirava a ridurre i diritti delle fedi minoritarie in Serbia. Ancora una volta, questo è molto simile a quello che è successo in Russia, tranne che in Russia la legge che limita i diritti delle minoranze religiose, per la quale erano state esercitate pressioni dalla FECRIS, è stata approvata e ampiamente utilizzata contro i gruppi religiosi non violenti.

È interessante notare che il rappresentante FECRIS in Bielorussia ha un collegamento sul sito Web di FECRIS che collega direttamente al sito Web della Chiesa ortodossa bielorussa, che non è altro che un ramo della Chiesa ortodossa russa. Il rappresentante bulgaro del FECRIS, il “Centro per la ricerca sui nuovi movimenti religiosi”, pubblica sul proprio sito gli appelli della Chiesa ortodossa bulgara a non tollerare “raduni non canonici”.

Tuttavia, come affermato dal rapporto USCIRF 2020: "Dvorkin e i suoi associati non esercitano il monopolio sul pensiero e sull'opinione ortodossi, e voci dissenzienti all'interno della chiesa [ROC] hanno criticato il movimento anti-sette per aver fatto affidamento su teorie screditate e non canoniche fonti". Tali “voci dissenzienti” non sono state ascoltate dal FECRIS.


[XNUMX] I Rus' erano un gruppo altomedievale, che visse nella Russia moderna, in Ucraina, in Bielorussia e in altri paesi, e sono gli antenati dei russi moderni e di altre etnie dell'Europa orientale.

[XNUMX] Intervista di Alexander Dvorkin su Voice of Russia , XNUMX aprile XNUMX nel talk show “Burning point”.

[3], https://pravoslavie.ru/75577.html

[4], https://iriney.ru/poslevoennaya-eklektika/sajentologiya/ostanovit-ochernenie-rossii-otkryitoe-pismo-byivshego-sajentologa-vladimiru-putinu.html

[5], https://www.uscirf.gov/publication/anti-cult-movement-and-religious-regulation-russia-and-former-soviet-union

[6] https://bitterwinter.org/donetsk-and-luhansk-denying-religious-liberty/

[XNUMX] Relazione su “La repressione delle minoranze religiose in Serbia: il ruolo svolto dalla Federazione europea dei centri di ricerca e informazione sul settarismo (FECRIS)” – XNUMX luglio XNUMX di Patricia Duval e Miroslav Jankovic.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti