14.8 C
Bruxelles
Lunedi, June 24, 2024
NewsLa visita di Wang Yi in India: Nuova Delhi dovrebbe procedere con cautela come amicizia...

La visita di Wang Yi in India: New Delhi dovrebbe procedere con cautela poiché l'amicizia con la Cina può aspettare

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

La visita del ministro degli Esteri cinese va vista nel contesto della guerra in Ucraina, che ha creato divergenze nei vertici del partito. Inoltre, il economia del Regno di Mezzo non sta andando bene.

Negli ultimi mesi, diversi osservatori hanno paragonato l'attuale situazione politica, compresa la crisi in Ucraina, a una nuova Guerra Fredda. Questa ipotesi sembra sbagliata; lo stato attuale delle cose mondiali è molto più complicato di così.

Alcune delle nazioni più potenti del pianeta potrebbero ancora usare la fraseologia della Guerra Fredda, come fece John Foster Dulles negli anni '1950: "Se non sei con noi, sei contrario". Ma oggi molte nazioni, inclusa l'India, hanno una reazione più misurata, in particolare dopo l'inaccettabile invasione russa dell'Ucraina.

Molti chiamano la posizione dell'India "neutrale"; per esempio, il noto commentatore R Prasannan ha osservato su The Week che il primo ministro Narendra Modi “è rimasto neutrale nella guerra della Russia contro l'Ucraina, consapevole che non è affatto 'immorale' rimanere neutrale quando ti viene chiesto di scegliere tra i mascalzoni. Piuttosto, è virtuoso essere neutrali”.

In questo contesto polarizzato, è interessante osservare la posizione della Cina, soprattutto quando Wang Yi, il ministro degli Esteri cinese, è appena sbarcato a Delhi con un 'messaggio'.

Fin dall'inizio, l'Occidente è stato nel panico per una nuova alleanza tra Cina e Russia. Ma finora, nulla è definito.

All'inizio di febbraio, Vladimir Putin è stato il primo Capo di Stato ricevuto da Xi Jinping in due anni. Il presidente russo apparentemente è andato a partecipare all'apertura delle Olimpiadi invernali di Pechino. L'incontro ha portato alla dichiarazione congiunta del 4 febbraio che menzionava una partnership "senza limiti" tra Cina e Russia. Questo, ovviamente, prima che Putin inviasse i suoi eserciti in Ucraina.

Un fragile matrimonio di convenienza?

Da allora Pechino, attraverso le dichiarazioni del suo ministro degli Esteri Wang Yi, sembra aver 'limitato' la sua amicizia con Mosca; non è certo più un'amicizia incondizionata.

War on the Rock, una piattaforma per analisi e commenti su questioni di politica estera e sicurezza nazionale, definisce giustamente la valutazione strategica cinese della Russia "Più complicata di quanto pensi".

Il collaboratore Yun Sun ha menzionato la "dichiarazione congiunta apparentemente entusiasta" rilasciata dopo che il presidente Putin ha incontrato il suo omologo cinese Xi Jinping a Pechino: "Si potrebbe presumere che la Cina sosterrebbe l'assalto della Russia all'Ucraina. La verità, tuttavia, è ben diversa".

L'autore ha spiegato che la natura del rapporto sino-russo non è facile da definire: “È forte come un'alleanza? O fragile come un matrimonio di convenienza? La verità è che la relazione non è né l'uno né l'altro".

Senza dare una risposta definitiva alla domanda, resta il punto che la posizione della Cina si è evoluta rapidamente nelle ultime settimane.

Il Vertice Xi-Biden

Per avere un'idea più chiara di cosa potrebbe accadere con la visita di Wang Yi a Delhi, è necessario guardare al vertice virtuale di due ore tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo omologo cinese Xi Jinping.

Nella sua introduzione, Xi ha osservato che il panorama internazionale ha conosciuto importanti nuovi sviluppi e che la tendenza prevalente alla pace e allo sviluppo sta affrontando serie sfide. Ha aggiunto: "La crisi in Ucraina non è qualcosa che vogliamo vedere".

Xi ha affermato che i paesi “non dovrebbero arrivare al punto di incontrarsi sul campo di battaglia. Conflitti e scontri non sono nell'interesse di nessuno e la pace e la sicurezza sono ciò che la comunità internazionale dovrebbe fare maggiormente tesoro".

Una posizione lontana dall'amicizia 'no limits' con la Russia.

Un commentatore ha giustamente scritto: "Penso che sia abbastanza chiaro che la Cina ha scelto una parte: la Cina".

Così ha fatto l'India in precedenza, con grande dispiacere delle potenze occidentali.

Tuttavia, Xi ha usato due detti cinesi per incolpare l'Occidente e difendere la Russia: "Lascia che chi ha legato il campanello alla tigre lo tolga" - che si riferiva all'intransigenza degli Stati Uniti (e dell'Ucraina prima della guerra) - e “Ci vogliono due mani per battere le mani”.

La Casa Bianca ha convenuto che la videochiamata tra i due Presidenti è stata costruttiva: "Hanno indirizzato i loro team a seguire prontamente e intraprendere azioni concrete per riportare le relazioni Cina-USA sulla strada di uno sviluppo costante e compiere rispettivi sforzi per un corretto accordo della crisi ucraina”.

Potrebbe volerci del tempo, nel frattempo l'India deve trovare il suo posto tra posizioni estreme e mentre condanna l'ingresso degli eserciti russi nel territorio dell'Ucraina, Delhi deve tenere in considerazione i propri interessi. Per inciso, i russi stanno andando molto male sul campo di battaglia, cosa che ha implicazioni/lezioni nel caso in cui Pechino pianifichi una disavventura a Taiwan.

Incontri dopo Incontri

Nel frattempo, Delhi assiste a una raffica di visite VIP, soprattutto per esortare il Modi Sarkar a schierarsi con l'Ucraina. Il primo è stato il nuovo primo ministro giapponese Fumio Kishida. Su invito del Primo Ministro Modi, Kishida ha trascorso due giorni a Delhi per il 14° Summit annuale India-Giappone.

Quindi, un incontro virtuale tra Modi e il Primo Ministro australiano Scott Morrison è seguito al primo Vertice virtuale del 4 giugno 2020, quando il rapporto è stato elevato a un partenariato strategico globale.

Non è tutto, due importanti funzionari statunitensi – Victoria Nuland, sottosegretaria, e Donald Lu, assistente segretario – saranno a Delhi per consultazioni in vista del dialogo 2+2 di aprile (quando il Primo Ministro israeliano farà la sua prima visita alla capitale).

Non bisogna dimenticare il ministro degli Esteri britannico Liz Truss, che dovrebbe essere a Delhi entro la fine del mese.

La visita di Wang Yi

In questo contesto, è interessante assistere alla visita del ministro degli Esteri cinese a Delhi. È cruciale per la semplice ragione che l'India ha un confronto militare in corso con la Cina (che è stata ignorata dall'Occidente).

L'11 marzo, al punto di incontro del confine Chushul-Moldo, si è tenuta la 15a riunione a livello di comandante del corpo Cina-India. Secondo una dichiarazione congiunta: “Le due parti hanno portato avanti le discussioni del precedente round tenutosi il 12 gennaio 2022 per la risoluzione delle questioni rilevanti lungo il LAC nel settore occidentale. Hanno avuto un dettagliato scambio di opinioni al riguardo, in linea con la guida fornita dai leader statali per lavorare alla risoluzione delle restanti questioni al più presto”.

Entrambe le parti hanno convenuto di mantenere la sicurezza e la stabilità sul campo nel settore occidentale nel frattempo e il dialogo attraverso i canali militari e diplomatici "per raggiungere al più presto una risoluzione reciprocamente accettabile delle restanti questioni". Questo non risolve il problema.

La visita di Wang è importante anche per diversi motivi. Si dice che il ministro degli Esteri cinese potrebbe portare un "regalo" in India. Ricordate, durante la primavera del 2017, quando l'ambasciatore cinese in India ha promesso un po' di "raccolto anticipato" al confine, è stato seguito dall'episodio di Doklam un paio di mesi dopo. Fai sempre attenzione ai "regali" cinesi!

Sulla questione dei confini, potrebbe esserci un'offerta di disimpegno a Depsang, Demchok e Hot Springs (anche se Pechino ha già annunciato di aver ritirato le sue truppe da quest'ultimo luogo). In ogni caso, non dovrebbe essere definito un "regalo" in quanto è stato il PLA a cambiare lo status quo in primo luogo a maggio 2020.

Ancora più importante, bisogna rendersi conto che la guerra in Ucraina ha destabilizzato la Cina e creato divergenze ai vertici del Partito. Il Nikkei di Tokyo ha scritto: “È lecito ritenere che rimanga una diversità di opinioni tra i massimi leader cinesi sull'Ucraina. È anche probabile che alcuni membri del comitato permanente si stiano chiedendo se sia saggio attenersi all'attuale posizione di schierarsi con Putin". Ha aggiunto: “I netizen cinesi erano vocali. Uno ha detto che ciò che la Russia sta facendo in Ucraina è equivalente a ciò che ha fatto il Giappone nella parte nord-orientale della Cina (nel 1932 il Giappone ha creato lo stato fantoccio di Manchukuo). L'invasione della Russia non è certo uno sviluppo che i cinesi possono sostenere".

Inoltre, il economia del Regno di Mezzo non sta andando bene. Li Keqiang, il Premier, è stato visto combattere a fuoco durante i Twin Meetings all'inizio di questo mese; Xi sembra aver abbandonato per il momento alcuni dei suoi grandiosi progetti.

Finalmente si profila all'orizzonte il 20° Congresso; grandi cambiamenti avverranno nella direzione centrale. Xi deve stare attento ai suoi passi; gli viene ricordato ogni giorno che la Cina ha pochissimi amici. È in queste circostanze che Wang Yi sbarcherà a Delhi.

Per l'India, c'è solo una cosa da fare: tenere d'occhio i propri interessi e progettare di conseguenza la propria politica estera. L'amicizia con la Cina può aspettare.

Lo scrittore è un noto autore, giornalista, storico, tibetologo ed esperto di Cina. Le opinioni espresse sono personali.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -