7.8 C
Bruxelles
Sabato, Febbraio 4, 2023

Consiglio d'Europa: continua la battaglia per i diritti umani nella salute mentale

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

L'organo decisionale del Consiglio ha avviato il processo di revisione di una controversa bozza di testo che mira a proteggere i diritti umani e la dignità delle persone soggette a misure coercitive in psichiatria. Il testo è stato però oggetto di critiche diffuse e consistenti da quando i lavori sono iniziati diversi anni fa. Il meccanismo delle Nazioni Unite sui diritti umani ha evidenziato l'incompatibilità legale con una convenzione delle Nazioni Unite sui diritti umani esistente, che vieta l'uso di queste pratiche discriminatorie e potenzialmente abusive e umilianti in psichiatria. Gli esperti delle Nazioni Unite in materia di diritti umani hanno espresso uno shock per il fatto che il Consiglio d'Europa, con il lavoro su questo nuovo strumento giuridico che consente l'uso di queste pratiche a determinate condizioni, possa "invertire tutti gli sviluppi positivi in ​​Europa". Questa critica è stata rafforzata da voci all'interno dello stesso Consiglio d'Europa, gruppi internazionali di disabilità e salute mentale e molti altri.

Il sig. Mårten Ehnberg, membro svedese dell'organo decisionale del Consiglio d'Europa, ha chiamato il Comitato dei Ministri, Ha detto il Times Europeo: “Le opinioni sulla compatibilità del progetto con l'ONU Convenzione sui diritti delle persone con disabilità (CRPD) sono ovviamente di grande importanza”.

“La CRPD è lo strumento più completo a tutela dei diritti delle persone con disabilità. È anche il punto di partenza per la politica svedese sulla disabilità”, ha aggiunto.

Ha sottolineato che la Svezia è un forte sostenitore e sostenitore del pieno godimento dei diritti umani da parte delle persone con disabilità, compreso il diritto a partecipare efficacemente e pienamente alla vita politica e pubblica su base di uguaglianza con gli altri.

Non dovrebbe verificarsi discriminazione sulla base della disabilità

Mårten Ehnberg ha osservato che “la discriminazione basata sulla disabilità non dovrebbe verificarsi in nessuna parte della società. L'assistenza sanitaria deve essere offerta a tutti in base al bisogno ea parità di condizioni. L'assistenza deve essere prestata nel rispetto delle esigenze del singolo paziente. Questo vale ovviamente anche per quanto riguarda l'assistenza psichiatrica".

Con questo mette il dito sul punto dolente. Il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità – il Comitato delle Nazioni Unite che monitora l'attuazione della CRPD – durante la prima parte del processo di redazione di questo possibile nuovo testo giuridico del Consiglio d'Europa ha rilasciato una dichiarazione scritta al Consiglio d'Europa . Il Comitato ha affermato che: "Il Comitato desidera sottolineare che il collocamento o l'istituzionalizzazione involontaria di tutte le persone con disabilità, e in particolare delle persone con disabilità intellettive o psicosociali, comprese le persone con "disturbi mentali", è vietato nel diritto internazionale in virtù dell'articolo 14 della Convenzione , e costituisce una privazione arbitraria e discriminatoria della libertà delle persone con disabilità in quanto effettuata sulla base di una menomazione effettiva o percepita.

Per sollevare dubbi sulla questione se questo riguardi tutti i trattamenti psichiatrici coercitivi, il Comitato delle Nazioni Unite ha aggiunto, "Il Comitato desidera ricordare che l'istituzionalizzazione involontaria e il trattamento involontario, fondati su necessità terapeutiche o mediche, non costituiscono misure di tutela dei diritti umani delle persone con disabilità, ma costituiscono una violazione dei diritti delle persone con disabilità alla libertà e sicurezza e il loro diritto all'integrità fisica e mentale”.

Assemblea parlamentare contraria

Le Nazioni Unite non sono sole. Lo ha detto il signor Mårten Ehnberg il Times Europeo che “l'operato del Consiglio d'Europa con l'attuale bozza del testo (protocollo aggiuntivo) è stato in precedenza contrastato, tra l'altro, dal Parlamento del Consiglio d'Europa (PACE), che in due occasioni ha raccomandato al Comitato dei Ministri di ritirare la proposta di redazione del presente protocollo, sulla base del fatto che tale strumento, secondo PACE, sarebbe incompatibile con gli obblighi in materia di diritti umani degli Stati membri”.

Il Sig. Mårten Ehnberg ha osservato che il Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, a sua volta, aveva affermato che "si dovrebbe fare tutto il possibile per promuovere alternative alle misure involontarie, ma che tali misure, tuttavia, soggette a rigorose condizioni di protezione, possono essere giustificate in situazioni eccezionali qualora sussista il rischio di gravi danni alla salute dell'interessato o di altri”.

Con ciò ha citato una dichiarazione che era stata formulata nel 2011, e da allora è stata utilizzata da coloro che si esprimono a favore della bozza del testo giuridico.

Originariamente era stato formulato come parte della considerazione iniziale se fosse necessario o meno un testo del Consiglio d'Europa che regolasse l'uso di misure coercitive in psichiatria.

In questa prima fase della deliberazione a Dichiarazione sulla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità è stato redatto dal Comitato di Bioetica del Consiglio d'Europa. Sebbene apparentemente riguardi la CRPD, la dichiarazione tuttavia considera di fatto solo la Convenzione del Comitato e il suo lavoro di riferimento - la Convenzione europea dei diritti dell'uomo, riferendosi ad essi come "testi internazionali".

La dichiarazione è stata notata come piuttosto ingannevole. Si precisa che il Comitato di Bioetica del Consiglio d'Europa ha considerato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, in particolare se gli articoli 14, 15 e 17 fossero compatibili con “la possibilità di sottoporre a determinate condizioni una persona che soffre di un disturbo mentale di natura grave al collocamento involontario o al trattamento involontario, come previsto in altro nazionale e testi internazionali.” La dichiarazione poi lo conferma.

Testi comparativi sul punto chiave della dichiarazione della commissione per la bioetica mostrano tuttavia che in realtà non prende in considerazione il testo o lo spirito della CRPD, ma solo un testo uscito dalla convenzione stessa della commissione:

  • Dichiarazione del Comitato del Consiglio d'Europa sulla Convenzione dei diritti delle persone con disabilità: “Il trattamento o il collocamento involontario possono essere giustificati solo in relazione a un disturbo mentale di natura grave, se da assenza di trattamento o posizionamento è probabile che si verifichi un grave danno alla salute della persona o a terzi”.
  • Convenzione sui diritti umani e la biomedicina, articolo 7: “Fatte salve le condizioni di protezione previste dalla legge, comprese le procedure di vigilanza, controllo e ricorso, una persona che ha un disturbo mentale di natura grave può essere sottoposto, senza il suo consenso, ad un intervento volto a curare il suo disturbo mentale solo se, senza tale trattamentoè probabile che ne derivi un grave danno alla sua salute. "

Ulteriore preparazione della bozza del testo

Mårten Ehnberg, ha affermato che durante i continui preparativi, la Svezia continuerà a monitorare il rispetto dei principi di protezione necessari.

Ha sottolineato che "non è accettabile se l'assistenza obbligatoria viene utilizzata in un modo che significa che le persone con disabilità, comprese le disabilità psicosociali, sono discriminate e trattate in modo inaccettabile".

Ha aggiunto che il governo svedese è fortemente impegnato, sia a livello nazionale che internazionale, per migliorare ulteriormente il godimento dei diritti umani da parte delle persone con problemi di salute mentale e disabilità, comprese le disabilità psicosociali, nonché per promuovere lo sviluppo di attività volontarie basate sulla comunità supporto e servizi.

Ha concluso osservando che il lavoro del governo svedese in merito ai diritti delle persone con disabilità continuerà senza sosta.

Anche in Finlandia il governo segue da vicino il processo. Lo ha detto la signora Krista Oinonen, direttrice dell'Unità per i tribunali e le convenzioni per i diritti umani, ministero degli Affari esteri il Times Europeo, che: “Durante il processo di redazione, la Finlandia ha anche cercato un dialogo costruttivo con gli attori della società civile e il governo tiene debitamente informato il Parlamento. Il governo ha recentemente organizzato un ampio ciclo di consultazioni tra un folto gruppo di autorità competenti, OSC e attori dei diritti umani”.

La sig.ra Krista Oinonen non è stata in grado di fornire un punto di vista conclusivo sul possibile testo giuridico redatto, poiché in Finlandia la discussione sul progetto di testo è ancora in corso.

European Human Rights Series logo 300x154 - Consiglio d'Europa: continua la battaglia per i diritti umani nella salute mentale
- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti