6.8 C
Bruxelles
domenica 27 novembre 2022

Istruzione e cultura europea: una comunità di buone pratiche

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

In tempi in cui la resilienza del nostro progetto europeo comune è messa alla prova da diverse crisi, la necessità di agire per difendere e promuovere i nostri valori europei è ora più pressante che mai.

Il CdR ha lanciato una mappa online delle attività e delle esperienze che costituisce un primo passo concreto verso una comunità di buone pratiche a livello locale e regionale per promuovere i valori europei attraverso l'istruzione e la cultura.

Con oltre 100 esempi e contributi forniti dai rappresentanti e partner locali e regionali eletti dal CdR, il suo obiettivo è fungere da ispirazione per ulteriori idee e progetti preziosi, fornendo anche varie opportunità per condividere esperienze, scambiare conoscenze e avviare la cooperazione.

Già nel 2017, in occasione del Vertice sociale a Göteborg, è stato sottolineato che “L'istruzione, la cultura e lo sport hanno un ruolo fondamentale nella promozione della cittadinanza attiva e dei valori comuni tra le generazioni più giovani“. Ma un imperativo invito all'azione è emerso durante i dibattiti in plenaria del CdR con Margaritis Schinas, il vicepresidente della Commissione per la promozione del nostro stile di vita europeo (a giugno 2021) e il presidente francese Emmanuel Macron (a dicembre 2021) sui valori europei e il rinnovamento democrazia.

In queste occasioni, vicepresidente Schinas accolto con favore il fatto che “la Commissione insieme al Comitato europeo delle regioni unirà le forze e inviterà le regioni e le città dell'Unione a impegnarsi per lo sviluppo delle aule europee", mentre Presidente Macron ha sottolineato che i rappresentanti eletti regionali sono il cuore della democrazia europea e ha parlato della necessità di costruire a 'Dimostrazioni europee' con gli enti locali e regionali.

In effetti, i leader locali e regionali hanno la responsabilità di consentire ai giovani di comprendere l'importanza di questi valori e dell'Unione Europea, che promuove e assicura pace e prosperità. Considerando il contesto particolarmente favorevole della Conferenza sul futuro dell'Europa, incoraggiato dal sostegno dei membri del CdR, e basandosi sugli esempi esistenti in molte regioni, il presidente del CdR e il presidente della commissione SEDEC hanno suggerito che una comunità di buone pratiche essere istituito, per facilitare il dialogo e lo scambio di queste buone pratiche.

Il presidente del CdR Tzitzikostas ha riassunto lo scopo del progetto durante il dibattito di giugno: “È nostra responsabilità – come genitori e leader – offrire alle nostre giovani generazioni gli strumenti per rendersi conto che l'UE ha reso possibile la pace e l'unità odierne. Questo è ciò che dobbiamo fare oggi, se vogliamo avere un domani. Insieme […] vogliamo lanciare un progetto pilota per promuovere i nostri valori europei comuni nelle classi. Ciò avverrà su base volontaria e nel pieno rispetto della sussidiarietà, sfruttando lo slancio della Conferenza sul futuro dell'Europa".

Il progetto fa anche parte del Piano d'azione comune tra il Comitato europeo delle regioni e la direzione generale dell'Istruzione e della cultura della Commissione europea, direzione generale della Ricerca e dell'innovazione, e il Centro comune di ricerca, firmato nel novembre 2020 dal commissario Gabriel, dal presidente del CdR Tzitzikostas e dal presidente della SEDEC Karjalainen.

Puoi visitare la nuova mappa online da desktop o mobile seguendo questo link: https://cor.europa.eu/European_values.go

Contatti [email protected] per maggiori informazioni.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti