2.1 C
Bruxelles
Sabato, dicembre 3, 2022

L'OMS chiede una maggiore regolamentazione del marketing transfrontaliero di alcolici

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

L'alcol viene sempre più commercializzato oltre confine, con i giovani e i forti bevitori particolarmente presi di mira, ha affermato martedì l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) in un nuovo rapporto che chiede una regolamentazione più efficace.  
Lo studio delinea come la rivoluzione digitale nel marketing e nella promozione viene utilizzato per pubblicizzare l'alcol oltre i confini nazionali e, in molti casi, indipendentemente dall'ambiente sociale, economico o culturale. 

Bere alcol è causalmente collegato a una serie di problemi di salute, WHO detto, che vanno dalla dipendenza da alcol e altri disturbi mentali e comportamentali, alle principali malattie non trasmissibili come la cirrosi epatica, alcuni tumori e malattie cardiovascolari, nonché lesioni e decessi derivanti da violenze e incidenti stradali. 

Salvare giovani vite  

In tutto il mondo, alcuni tre milioni di persone muoiono ogni anno a causa del consumo dannoso di alcol – uno ogni 10 secondi – che rappresenta circa il cinque per cento di tutti i decessi. 

I giovani rappresentano un numero sproporzionato di questi decessi correlati all'alcol, con il 13.5% di tutti i decessi tra le persone di età compresa tra 20 e 39 anni legati all'alcol. 

"L'alcol priva i giovani, le loro famiglie e le società delle loro vite e del loro potenziale", saiuto Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell'OMS.  

“Eppure, nonostante i chiari rischi per la salute, i controlli sulla commercializzazione dell'alcol sono molto più deboli rispetto ad altri prodotti psicoattivi. Una regolamentazione migliore, ben applicata e più coerente del marketing dell'alcol salverebbe e migliorerebbe la vita dei giovani in tutto il mondo". 

Ascesa dei media digitali 

Il rapporto evidenzia come i recenti cambiamenti nel marketing degli alcolici abbiano creato nuove opportunità per raggiungere il pubblico. 

Lo raccolta e analisi di dati sulle abitudini e preferenze degli utenti dai provider Internet globali ha consentito ai marketer di alcolici di indirizzare messaggi a gruppi specifici oltre i confini nazionali. 

Lo studio ha trovato la pubblicità mirata sui social media è particolarmente efficacee ulteriormente rafforzato da influencer e attraverso la condivisione di post. 

Una fonte di dati citata nel rapporto ha calcolato che oltre il 70% della spesa mediatica dei principali marketer di alcolici con sede negli Stati Uniti nel 2019 è avvenuta attraverso promozioni, posizionamento di prodotti e pubblicità online sui social media. 

"La crescente importanza dei media digitali significa che il marketing dell'alcol è diventato sempre più transfrontaliero", ha affermato Dag Rekve dell'Unità alcol, droghe e comportamenti dipendenti dall'OMS.  

“Questo rende più difficile per i paesi che stanno regolamentando il marketing dell'alcol controllarlo efficacemente nelle loro giurisdizioni. È necessaria una maggiore collaborazione tra i paesi in questo settore". 

Sponsorizzazione di eventi sportivi 

Lo sono anche le compagnie di alcolici sponsorizzazione di grandi eventi sportivi a livello globale, regionale e nazionale, che secondo il rapporto può anche aumentare significativamente la consapevolezza del marchio tra nuovi pubblici.  

Stanno anche collaborando con leghe e club sportivi per raggiungere spettatori e potenziali consumatori in diverse parti del mondo.   

Altre opportunità includono la sponsorizzazione di eventi di gioco competitivi o l'inserimento di prodotti in film e serial trasmessi in streaming su canali di abbonamento internazionali.  

Bere come 'potenziamento' 

Il rapporto - Ridurre i danni causati dall'alcol, regolamentando il marketing, la pubblicità e la promozione transfrontaliera dell'alcol - esamina anche come vengono presi di mira un pubblico specifico, in particolare preoccupazione per bambini e adolescenti, donne e forti bevitori

L'OMS ha affermato che gli studi hanno dimostrato che iniziare a bere alcolici in giovane età è un predittore di un consumo pericoloso in giovane età adulta e oltre. Anche i marketer sono particolarmente mirando ad aree del mondo con popolazioni giovani e in crescita, come l'Africa e l'America Latina.   

E mentre gli uomini consumano tre quarti dell'alcol che il mondo beve, il tasso più basso tra le donne rappresenta anche un'opportunità di crescita. I marketer di alcol spesso descrivono bere dalle donne come simbolo di responsabilizzazione e uguaglianza, secondo il rapporto. 

I bevitori pesanti e dipendenti sono un altro obiettivo degli sforzi di marketing.  

"Le persone alcol-dipendenti segnalano spesso un forte bisogno di bere alcolici quando si confrontano con segnali legati all'alcol, ma raramente hanno un modo efficace per evitare l'esposizione al contenuto della pubblicità o della promozione", ha affermato l'OMS. 

Integrazione e collaborazione 

Il rapporto raccomanda che restrizioni o divieti globali alla commercializzazione di alcolici, compresi i suoi aspetti transfrontalieri, siano integrati nelle strategie di salute pubblica. Richiede inoltre una maggiore collaborazione tra i paesi. 

L'OMS ha affermato che, sebbene molti governi abbiano implementato una qualche forma di restrizione sulla commercializzazione di alcolici, tendono ad essere relativamente deboli.   

Uno studio del 2018 dell'agenzia delle Nazioni Unite ha rivelato che mentre la maggior parte dei paesi ha una qualche forma di regolamentazione per la commercializzazione dell'alcol nei media tradizionali, quasi la metà non ha alcuna regolamentazione che si applica a Internet e ai social media. 

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti