22.7 C
Bruxelles
Domenica, Giugno 23, 2024
EuropaEducazione e prevenzione - Una protezione contro l'uso di droghe

Educazione e prevenzione: una protezione contro l'uso di droghe

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Christian Mirré
Christian Mirré
dottorato di ricerca. in Scienze, ha conseguito un Doctorat d'Etat ès Sciences presso l'Università di Marsiglia-Luminy ed è stato biologo a lungo termine presso la Sezione di Scienze della Vita del CNRS francese. Attualmente, rappresentante della Foundation for a Drug Free Europe.

Educazione e prevenzione: una protezione contro l'uso di droghe

Uso di droghe: il direttore dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) nella presentazione del Rapporto sulla droga 2021 (*), ha dichiarato: “Oggi, la droga è diventata un problema molto più pervasivo, che ha un impatto in qualche modo su tutte le principali aree politiche. Vediamo anche diversificazione, sia nei prodotti disponibili che nelle persone che li utilizzano”. Si stima che circa 83 milioni (o il 28.9%) di adulti (di età compresa tra 15 e 64 anni) nell'Unione europea abbiano fatto uso di droghe illecite nel corso della loro vita, e questa dovrebbe essere considerata una stima minima.

Secondo le esperienze sul campo in una ventina di paesi europei dai team di volontari delle cento associazioni e gruppi Say No To Drugs (SNTD), i contatti sono stati stabiliti con i giovani e i genitori sia attraverso lezioni nelle scuole e associazioni o individualmente presso i loro stand tenuti in luoghi e mercati, hanno notato una grande ignoranza riguardo agli effetti dannosi delle droghe psicoattive più comunemente utilizzate tra cui alcol e cannabis.

Anche se vengono pubblicate molte pubblicazioni governative, statistiche e azioni temporanee, non raggiungono efficacemente il livello pubblico in generale e, in particolare, gli adolescenti che sono i più vulnerabili. Troppo spesso i team SNTD stanno assistendo anche al disincanto di molti insegnanti ed educatori che lamentano la mancanza di tempo e materiali per educare preventivamente e adeguatamente gli alunni e i giovani studenti sugli effetti negativi, per non dire distruttivi per la salute, dell'uso illecito di droghe e conseguenze per il loro sviluppo e la loro vita.

Di fronte al problema della droga, le autorità nazionali, regionali e locali hanno la responsabilità di fornire alle persone e ai giovani la protezione e l'assistenza sanitaria sicure ed efficaci che meritano. Ciò è sancito dalle Convenzioni internazionali per il controllo della droga delle Nazioni Unite (1961, 1971, 1988), dalla Carta dell'Unione Europea e anche specificamente dalla Convenzione sui diritti dell'infanzia (art.33). Nonostante ciò, negli ultimi decenni sono fiorite pubblicità ampie e intelligenti per alcol e cannabis, basate su interessi acquisiti non solo per gli spacciatori e le loro potenti reti, ma anche per le aziende produttrici e sul Dark Web/online per altre potenti droghe.

Per quanto riguarda le droghe illecite, dal punto di vista sanitario e dell'impatto sull'economia, è tempo che gli organi di governo e le agenzie governative interessate si impegnino sul serio per prevenire i loro costosi effetti dannosi sulla società in generale. Infatti, solo considerando i profitti realizzati ma trascurando i conseguenti costi per le cure e il sostegno dei tossicodipendenti, i falsi aiuti come la “riduzione del danno”, i delitti e la repressione, e la perdita di produttività, è una valutazione a breve termine invece di prendere in considerazione tenere conto degli oneri economici, sanitari e della vita a lungo termine. Questa saggia preoccupazione era già stata formulata nel XIII secolo: “È meglio e più utile affrontare un problema in tempo che cercare un rimedio dopo che il danno è stato fatto”. Purtroppo, cedendo a pressioni tendenziose, questo non è l'orientamento che predomina. E il tutto sta portando alla progressiva disintegrazione non solo del nucleo familiare ma anche della materia sociale ed economica.

Qual è l'elemento protettivo mancante e cosa si può fare?

Durante le loro campagne di prevenzione della droga sul campo, i volontari dell'SNTD hanno notato che i giovani e persino i genitori avevano una palese mancanza di dati fattuali rilevanti sull'argomento, rendendoli facili prede degli "spacciatori".

L'educazione sul tema della droga è attualmente il principale punto debole quando innegabilmente dovrebbe essere il punto chiave: “L'educazione è una scoperta progressiva della nostra stessa ignoranza” disse lo storico e filosofo William J. Durant (1885-1981). E la conoscenza conta quando si ha a che fare con l'uso di droghe e sostanze nocive illecite.

Il primo passo per una protezione efficace, infatti, è fornire ai giovani e a qualsiasi persona i dati giusti su cosa sono le droghe e cosa fanno per aumentare la loro consapevolezza sull'argomento, e dare loro la possibilità di fare un decisione di rimanere liberi dalla droga e di avere le risposte adeguate a qualsiasi proposta da parte di eventuali spacciatori.

Un altro punto da tenere in considerazione è l'ambiente legale, sociale e culturale in cui si sviluppa il bambino. I giovani, infatti, sono sottoposti a numerose influenze che agiscono come fattori di rischio o preventivi. Includono la famiglia, la scuola, i coetanei, il vicinato, il tempo libero, i social network, ecc. Questi ultimi sono tutti coinvolti anche nell'educazione dei giovani. Tra queste influenze, gli autori (Hill et al. 2018; Trujillo et al. 2019) hanno evidenziato che i comportamenti e le pratiche dei genitori hanno un forte impatto sulla probabilità dei giovani di opporsi o soccombere all'uso di droghe e sono determinanti anche nella prevenzione precoce dei problemi di droga.

Accanto oa sostegno della Strategia antidroga dell'UE e delle agenzie governative per la protezione della droga, ci sono azioni sul campo della società civile attraverso le sue associazioni. In questo contesto, la Fondazione per un'Europa libera dalla droga (FDFE) e i suoi SNTD europei, nell'ambito del loro programma di prevenzione The Truth About Drugs, stanno mettendo a disposizione materiale educativo (opuscoli, DVD, manuali)** e video online per insegnanti ed educatori e stanno tenendo lezioni su semplici richieste.

Il principio fondamentale “Prevenire è meglio che curare" coniato dal filosofo D. Erasmo (verso l'anno 1500) è più che mai vero nella nostra società attuale quando si pensa al mondo della droga. Nelle sue opere degli anni '1960, l'umanista e autore L. Ron Hubbard (1911-1980) affermava: "La ricerca ha dimostrato che l'elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale sono le droghe". Quindi, un'educazione basata sui fatti sulle droghe aiuterà i giovani e la popolazione a fare scelte di vita più sane ea godere di una vita più sana e sicura perché la miseria umana è anche sulla scia del consumo di droghe. Pertanto, solo la conoscenza proteggerà e consentirà agli obiettivi e ai sogni di diventare realtà.

Quindi, tenendo presente che la prevenzione della droga inizia con l'educazione, usiamola per costruire una società migliore!

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -