7.3 C
Bruxelles
Giovedi, February 2, 2023

Rapporto del PE – Persecuzione delle minoranze per motivi di credo o religione, presentato da Karol Karski

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil
Juan Sanchez Gil - su The European Times News - Per lo più nelle retrovie. Reporting su questioni di etica aziendale, sociale e governativa in Europa ea livello internazionale, con enfasi sui diritti fondamentali. Dare voce anche a chi non è ascoltato dai media generalisti.

Il 2 maggio, il Parlamento europeo ha presentato una breve relazione della propria relazione Persecuzione di minoranze per motivi di credo o religione (breve presentazione), di cui The European Times ha trascritto la versione inglese delle presentazioni. Per eventuali incongruenze si prega di verificare rispetto all'originale (qui).

L'eurodeputato Roberts ZĪLE: Passiamo ora al punto successivo dell'ordine del giorno di oggi. È una breve presentazione. Breve presentazione di una relazione dell'onorevole Karol Karski. Persecuzione delle minoranze per motivi di credo o religione. Ti do la parola per 4 minuti.

L'eurodeputato Karol KARSKI: Molte grazie, signora Presidente. Signore e signori, durante questa sessione discutiamo questo rapporto sulla persecuzione delle minoranze religiose nel mondo. È un argomento molto vasto, ed è anche difficile riassumerlo in un documento. Quando stavamo lavorando al testo, volevo mostrare un quadro completo della situazione nei vari continenti e una certa mappa dei problemi per diverse religioni o atei. Avevo bisogno di usare una certa metodologia. Avevo bisogno di classificare i problemi, e avevo bisogno di vedere quali religioni sono maggiormente attaccate e in quali paesi questi eventi sono più frequenti. E dopo aver analizzato molti documenti, penso di essere stato in grado di farlo. Si scopre, cosa probabilmente non sorprendente, che il gruppo religioso più perseguitato sono i cristiani, poi i musulmani e poi gli ebrei. I primi sono stati perseguitati in ben 145 Paesi. E per esempio, gli atei sono stati repressi e perseguitati in 18 paesi. Ne parlo perché queste informazioni non sono state incluse nella forma finale del rapporto. Non so se sia stato per correttezza politica o cosa, ma nella relazione la maggior parte dei gruppi politici non ha voluto menzionare alcuna minoranza o paese in cui è in corso la persecuzione. Ed è stato uno standard in questo momento quando si tratta di documenti, inclusi i rapporti su diritti umani, dove da molti anni non si parla di paesi concreti.

E penso che indebolisca la nostra posizione. Tuttavia, la relazione che abbiamo potuto negoziare contiene ancora molti punti importanti. Elenca in modo esaustivo le forme di persecuzione. Indica la difficile situazione delle donne in molti paesi e sottolinea anche che ogni persecuzione dovrebbe incontrare una reazione decisa da parte del paese stesso e della comunità internazionale. Parla dei siti religiosi e dei manufatti religiosi. Stiamo anche dando proposte molto concrete per il EU istituzioni su come reagire alle persecuzioni e alle violazioni dei diritti, compresa la cooperazione con chiese, gruppi religiosi e difensori dei diritti umani. Altrettanto importanti sono le raccomandazioni, che dovrebbero essere periodicamente valutate e aggiornate in collaborazione con tutti questi gruppi. Anche la persecuzione religiosa e basata sulla religione dovrebbe far parte delle strategie dei paesi dell'UE e le nostre delegazioni dovrebbero prestare attenzione a questi problemi.

Per riassumere, penso che questa relazione svolga il suo ruolo. Dovrebbe richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica e delle istituzioni dell'UE sulla persecuzione dei gruppi religiosi, degli atei e degli attacchi che sono diretti contro di loro in molte parti del mondo. Mi rammarico che non potremmo essere più precisi e concreti nel mostrare paesi e regioni particolari, anche se in molti punti della relazione leggendo il contesto, potresti capire di cosa sto parlando. So che in diversi articoli alcuni eurodeputati hanno voluto votare separatamente. Ci sono anche alcuni emendamenti. Penso che potresti sostenerli. Ti consiglierei di sostenere questi emendamenti. E voglio anche contribuire a ringraziare tutti i relatori ombra. Grazie mille.

L'eurodeputato Peter VanDalen: Grazie, presidente. Ho collaborato a questo rapporto. Particolare attenzione alla persecuzione delle minoranze religiose è scarsa in questo Parlamento. Sono stato lieto di essere coinvolto nella produzione di questo rapporto. Dobbiamo considerare nomi specifici e organizzazioni perseguitate a causa delle loro convinzioni religiose. Nessun nome è stato elencato nel rapporto ed è un peccato. Segnalo un rapporto elaborato dall'Intergruppo per le libertà religiose. Sono co-presidente insieme a un altro eurodeputato e in questa relazione puoi vedere cosa è successo tra il 2017 e il 2021 e vedrai molti esempi tangibili di persone perseguitate a causa delle loro convinzioni religiose. Quindi ti esorto a scaricare questo rapporto e leggerlo. Noi in Parlamento dobbiamo dare seguito a questo, e vorrei esortare la Commissione a considerare la persecuzione religiosa. Ci è voluto troppo tempo.

L'eurodeputato Bert-Jan RUISSEN: Grazie, Presidente. Ringrazio anche il relatore per aver presentato questa relazione. Un utile rapporto sulla persecuzione delle minoranze religiose. Condivido le sue preoccupazioni con l'onorevole Van Dalen. I cristiani sono a malapena nominati in questo rapporto. Penso che sia un peccato. Davvero non capisco il fatto che in questa relazione i fedeli siano criticati per la loro posizione sull'aborto. È indifendibile. Questo è un argomento che va oltre lo scopo della presente relazione. Non è il punto della relazione. Ultimo ma non meno importante, è importante proteggere la vita, inclusa la vita dei non nati. Non dovremmo criticare i fedeli. Dovremmo lodarli per le loro preoccupazioni e la loro cura per la vita di tutti. Grazie.

L'eurodeputata Soraya RODRIGUEZ RAMOS: In questo parlamento abbiamo parlato di minoranze religiose, di diversi rapporti sui diritti umani, che toccano la persecuzione di tutte le minoranze, religiose e non. Ma abbiamo anche voluto in questa particolare relazione non mettere insieme una gerarchia della sofferenza, ma abbiamo voluto parlare dello strumento di fecondazione del credo o della religione nella creazione di una legislazione che perseguita deliberatamente gli individui. La criminalizzazione di diversi gruppi e ora va oltre le religioni e le confessioni. Ma i gruppi LGBT, per esempio, in Uganda e anche la legislazione che discrimina le donne. E qui dobbiamo ricordare che ci sono alcuni paesi che non hanno ancora ratificato la Convenzione di Istanbul. Quindi, in effetti, questo è molto importante. Ma andiamo anche oltre la fede. Grazie mille al relatore.

L'eurodeputata Miriam LEXMANN: Grazie mille. Cari colleghi, dalla Nigeria alla Cina, lo stato della libertà religiosa continua a deteriorarsi dal genocidio alle restrizioni legali. Centinaia di milioni di credenti, siano essi cristiani, musulmani, buddisti o altri gruppi, stanno affrontando ogni giorno terribili sofferenze. Come mai? Il nostro benvenuto. Il rapporto del PE sulla persecuzione della libertà religiosa. Non posso fare a meno di esprimere il mio sgomento per il modo in cui questo rapporto è stato dirottato per stigmatizzare la religione stessa. Oggi, la persecuzione religiosa è uno dei fattori chiave di molte delle sfide che il mondo deve affrontare. Ed è per questo che non deve essere prioritaria una presa di posizione ideologica antireligiosa, ma un fermo sostegno ai perseguitati nel mondo, insieme alla nomina di un nuovo Inviato Speciale per la Libertà di Religione, sostenuto con i giusti strumenti. Grazie.

L'eurodeputato Carlo FIDANZA: Grazie, Presidente. Nell'Intergruppo Libertà Religiose, aspettavamo da tempo questo rapporto. E vorrei davvero ringraziare il collega Karski, che ha lavorato molto duramente su questa relazione e anche sui negoziati che ne sono derivati. Purtroppo, sono d'accordo con i colleghi sul fatto che, nonostante gli sforzi eccezionali, questo negoziato si è rivelato molto difficile. Tutti i riferimenti che denunciano la situazione in cui sono stati eliminati milioni di fedeli, cristiani in primis per l'80%, ma anche bahai, uiguri, rohingya e molti altri. E sono stati eliminati anche i riferimenti ai regimi responsabili di Cina, Nigeria e Pakistan. Stiamo dicendo che stanno soffrendo per la loro fede, ma non di chi è la colpa. Inoltre, il tema dell'aborto, una risoluzione, una risoluzione molto importante, viene utilizzato per affermare un'agenda ideologica. Per questo motivo, e concludo con il Presidente, insieme ad altri colleghi, abbiamo presentato una serie di emendamenti a votazione separata perché vogliamo essere liberi di difendere coloro che soffrono a causa della loro fede senza dover seguire l'unico modo di guardare le cose o lasciare la casa.

L'eurodeputato Stanislav POLČÁK: Sì. Grazie, Presidente. Invito anche alla libertà di religione, che è legata alla libertà di espressione, e questi sono diritti umani fondamentali. E violare questi diritti è inaccettabile. È altrettanto inaccettabile dire di tentare di perseguitare i credenti limitando i loro diritti umani o violando la loro vita o integrità. Tutti questi crimini devono essere perseguiti. Purtroppo, molti di questi crimini non vengono denunciati o rimangono impuniti. È sorprendente che in questo secolo, in questo decennio, abbiamo ancora paesi in cui le leggi religiose, ad esempio sulla blasfemia, ho la priorità sul diritto nazionale. Questo è inaccettabile. E dovremmo concentrarci sugli strumenti di cui disponiamo che ho menzionato nella relazione. Aiuti allo sviluppo e, uh, accordi commerciali. Dovremmo usare questi strumenti per fare del 26 marzo una giornata di vittime della persecuzione religiosa in modo da fare davvero qualcosa.

L'eurodeputato Eugen TOMAC: Grazie, Presidente. Sono cresciuto in epoca sovietica in URSS in Ucraina, e so che c'era questo divieto di identità spirituale con le chiese bandite allora e adesso. C'è la situazione che vediamo quando il patriarca Kirill, insieme a Putin, è per alcuni interessi che non comprendiamo permettendo questi attacchi ai cristiani in Ucraina e la demolizione delle chiese. Sono stato in diversi paesi con il Parlamento europeo in Iraq, dove ho incontrato il Patriarca di Babilonia e ho visto cosa significa essere un cristiano in Iraq e cosa significa avere quell'identità lì. E questa è l'importanza di discutere di questi argomenti. E mi congratulo con coloro che hanno avviato questa relazione. Grazie.

Il Commissario Janusz Wojciechowski: Grazie mille. Signor Presidente, onorevoli membri del Parlamento europeo. L'Unione europea difende il diritto di ogni individuo alla libertà di religione e di credo. L'emarginazione e il capro espiatorio di persone appartenenti a minoranze religiose e atei possono essere un avvertimento precoce o già un segnale di persecuzioni più severe che a loro volta possono portare a conflitti e persino a una più ampia repressione dell'intera società. Vorrei ringraziare il relatore, l'onorevole Karski, e tutti i membri del Parlamento europeo che hanno contribuito a questa tempestiva relazione sulla persecuzione delle minoranze per motivi di credo o religione, che fornisce raccomandazioni chiare su come l'Unione europea dovrebbe continuare a guidare la tutela e la promozione della libertà di religione o di credo. Sua. Prendiamo nota di alcune raccomandazioni chiave, come la necessità di aumentare la diplomazia pubblica sulla libertà di religione o di credo, di lavorare sulla situazione delle minoranze in situazione di conflitto e la protezione dei cittadini religiosi, nonché il forte appello all'Europa dell'Unione a proseguire la sua ferma azione a livello multilaterale in linea con il piano d'azione dell'Unione europea sui diritti umani e la democrazia. La libertà di religione o di credo rimane una priorità essenziale della nostra politica esterna ed esterna in materia di diritti umani. Di conseguenza, molte delegazioni dell'UE lo hanno sancito come una priorità nelle loro strategie nazionali in materia di diritti umani. Vi assicuro che l'UE è solidale con le vittime.

La linea con tutti i nostri partner nel mondo è chiara. L'Unione europea condanna in modo coerente ed equivoco la discriminazione, l'intolleranza, la persecuzione e la violenza contro o da parte di qualsiasi persona per motivi di religione o credo. Chiediamo ai paesi di proteggere il diritto di tutti ad avere o meno una religione o un credo per manifestare o cambiare la propria religione o credo. Pur condannando la criminalizzazione dell'apostasia e l'abuso delle leggi sulla blasfemia. Nell'ultimo anno, abbiamo svolto azioni chiave per promuovere e proteggere la libertà di religione o di credo, come sollevare le nostre preoccupazioni per violazioni violente in circa 20 dialoghi sui diritti umani. Rilascio di dichiarazioni di alto livello come una dichiarazione dell'UE in occasione della Giornata internazionale per commemorare le vittime della persecuzione religiosa. E nonostante tutto il nostro lavoro nei forum multilaterali, l'ultima risoluzione sulla libertà di religione o di credo adottata per consenso durante l'ultima sessione del Consiglio per i diritti umani ha rinnovato il mandato del Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla libertà di religione o di credo. Inoltre, abbiamo anche uno stretto scambio sulla libertà di religione o di credo con le organizzazioni regionali, in particolare l'Organizzazione per la cooperazione islamica attraverso riunioni regolari di alti funzionari o il Processo di Istanbul. Non vediamo l'ora di continuare a collaborare strettamente con il Parlamento europeo per identificare e affrontare le più gravi violazioni della libertà di religione o di credo nel mondo. Grazie.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti