-2.3% C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 8, 2023

L'Ossezia del Sud ha programmato un referendum sull'adesione alla Russia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

La regione separatista dell'Ossezia del Sud terrà un referendum sull'adesione alla Russia, ha riferito AFP. Il leader della regione separatista ha fissato il 17 luglio come data per il sondaggio. "Anatoly Bibilov ha firmato un decreto per indire un referendum nella Repubblica dell'Ossezia del Sud", ha dichiarato l'ufficio stampa di Bibilov in un comunicato. La dichiarazione citava le "aspirazioni storiche" del suo popolo di unirsi alla Russia. L'annuncio arriva il 79° giorno dell'invasione militare russa di Ucraina, con migliaia di morti e più di sei milioni in fuga dalle loro case.

Anche le regioni separatiste dell'Ucraina, Donetsk e Luhansk, hanno chiesto l'adesione alla Russia. La Georgia ha condannato la guerra su vasta scala contro l'Ucraina. Il paese ha definito "inaccettabili" i piani dell'Ossezia meridionale di tenere un referendum sull'adesione alla Russia. Nell'agosto 2008, la Russia ha lanciato un attacco contro la Georgia, che stava combattendo le milizie filo-russe nell'Ossezia meridionale dopo aver bombardato i villaggi georgiani. I combattimenti terminarono cinque giorni dopo con un EU-tregua mediata, ma al costo di 700 vite e il reinsediamento di decine di migliaia di georgiani etnici.

300 soldati dell'Ossezia del Sud si sono rifiutati di combattere in Ucraina e sono tornati a casa, ha detto il blogger osseto Alik Puhati il ​​1 aprile. Circa 300 militari (per lo più di etnia osseta) della base militare russa sono tornati in Ossezia del Sud di propria iniziativa, dicendo di essere stati lasciati morire nella guerra in Ucraina. Non ci sono dati ufficiali sul numero delle truppe, ma il fatto stesso del ritorno è stato confermato dall'ex presidente Edward Kokoity. Ha sottolineato che “nessuno ha il diritto di condannarli”.

“Siamo tutti preoccupati per la situazione dei nostri soldati che sono tornati a casa in Ossezia dalla zona di guerra. Nessuno ha il diritto di condannare questi ragazzi o accusarli di codardia. È necessario capire le ragioni principali di quanto accaduto e capire come è organizzata la loro partecipazione”, ha affermato.

Kokoity ha aggiunto che le autorità avrebbero "affrontato il caso nel modo più serio" e ha osservato che i soldati che avevano lasciato il campo di battaglia potrebbero tornare in Ucraina e continuare a combattere "se lo ritenessero opportuno". Allo stesso tempo, ha sottolineato che “l'organizzazione della loro partecipazione” deve essere affrontata “con la massima responsabilità”. "Abbiamo il dovere di proteggere ogni vita", ha detto Kokoity. Ha anche invitato tutti gli osseti del sud, in particolare i parenti militari, ad "astenersi dalle proteste" a cui qualcuno avrebbe "provocato" loro. Il canale Telegram “Intercettata la polizia” ha pubblicato le foto dei soldati rientrati con il messaggio che erano tornati a casa “facendo l'autostop”.

In precedenza, il presidente dell'Ossezia meridionale Anatoly Bibilov ha affermato che le truppe della 4a base militare russa stavano combattendo in Ucraina. “Mi è stato detto che i nostri ragazzi stanno morendo. No! No, vinceranno! E ora andiamo nel Donbass, a Meriupol, a Melitopol solo per sconfiggere il nemico! ”Bibilov ha scritto nel suo profilo Telegram. Ha chiarito che si trattava di una vittoria sui "neofascisti che hanno trasformato l'Ucraina in una riserva del nazismo". Bibilov dice che "l'osseto non ha altra scelta né altra soluzione" se non quella di prendere parte all'"operazione speciale" di Putin. “Coloro che ora stanno cercando di convincere la nostra gente a scrivere un rapporto e si rifiutano di prendere parte all'operazione speciale sono onesti e sicuri per il soldato a contratto, queste persone mentono. "Coloro che ci fanno dubitare delle azioni della Russia sono nemici!" Il presidente dell'Ossezia meridionale ha continuato. Il 17 marzo Bibilov ha pubblicato un post dal funerale di Andrei Bakaev, un soldato della 58a armata russa, originario dell'Ossezia del Sud. Bibilov ha detto che "è morto eroicamente difendendo il popolo del Donbass".

Anche allora, il referendum doveva svolgersi probabilmente “in aprile-maggio”. Secondo il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, il Cremlino tratterà i risultati “con rispetto”. Allo stesso tempo, ha chiarito che Mosca non ha ancora intrapreso un'azione legale per includere l'Ossezia del Sud in Russia. In Georgia, i colloqui sull'adesione della repubblica alla Russia sono stati definiti inaccettabili. Hanno ricordato che il territorio era "occupato", secondo il servizio russo del Moskow Times.

Ricordiamo che alla fine del 2019 il patriarca Kirill ha ispirato un nuovo scandalo tra Russia e Georgia. I media hanno pubblicato una lettera della Commissione di formazione del Patriarcato di Mosca ai rettori delle istituzioni teologiche superiori in Russia, che ha causato nuove tensioni nelle relazioni tra il patriarcato di Mosca e quello georgiano. La lettera dice che per decisione del patriarca di Mosca Kirill, tutti i diplomati delle scuole superiori che hanno un grado sacro possono essere assegnati a basi militari russe fuori dalla Russia come cappellani. In compenso, al termine del “viaggio di lavoro”, il giovane clero sarà iscritto alla diocesi di Mosca o di San Pietroburgo.

Sono state menzionate le seguenti basi militari russe all'estero: “in Abkhazia, Ossezia meridionale, Kirghizistan e nelle guarnigioni della regione artica”. La lettera è stata firmata dal sacerdote Maxim Kozlov, presidente della Commissione per la formazione al ministero della Giustizia, ricorda Dveri. In questa occasione, il sito web ufficiale del Patriarcato georgiano ha pubblicato un discorso del patriarca Elia al patriarca Kirill, in cui si legge: “Un'impressione estremamente negativa è stata creata dall'informazione che si desidera inviare diplomati delle scuole superiori per aiutare i comandanti militari nelle unità militari russe situate in Abkhazia, nella regione di Tskhinvali, Kirghizistan e Artico. La Chiesa russa ha sempre riconosciuto e riconosce la giurisdizione della Chiesa georgiana sia in Abkhazia che a Tskhinvali, quindi per noi sono incomprensibili affermazioni che ci mettono tutti dentro In conclusione, il Patriarca georgiano ha espresso la speranza che padre Kiril “prendesse misure per normalizzare le relazioni tra i nostri Paesi, popoli e chiese, se possibile”. La lettera esprimeva anche preoccupazione per l'arresto ("rapimento") di persone nella zona di confine di Tskhinvali, che è già "permanente". attira persone dalla zona di confine, che è già diventata permanente. Ma questa volta siamo ancora più preoccupati per la detenzione del famoso dottore Vaji Gaprindashvili nella prigione di Tskhinvali. Questa situazione sta causando solo malcontento e proteste nella nostra società”, si legge nel messaggio. Il medico georgiano è il presidente dell'Associazione georgiana dei traumatologi e vive a Tbilisi. È stato arrestato dalle forze russe nella zona del villaggio di Orchosani (in Ossezia del Sud), dove si trovava con un paziente. È stato accusato di "violazione dei confini di stato" e condannato da autorità dell'Ossezia meridionale non riconosciute a due mesi di carcere.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti