7.8 C
Bruxelles
Martedì, Ottobre 4, 2022

Appello congiunto Onu per la Siria: 'L'apatia non è un'opzione'

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Ucraina: gli esperti dell'AIEA arrivano a Zaporizhzhia prima della missione alla centrale nucleare

Ucraina: gli esperti dell'AIEA arrivano a Zaporizhzhia prima della missione alla centrale nucleare

0
Gli esperti dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) sono arrivati ​​mercoledì nella città ucraina di Zaporizhzhia
Ucraina: è necessario un accordo urgente per porre fine ai combattimenti intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia

Ucraina: è necessario un accordo urgente per porre fine ai combattimenti intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia

0
È urgentemente necessario un accordo per ristabilire la centrale nucleare di Zaporizhzhia (ZNPP) in Ucraina come infrastruttura puramente civile e prevenire un disastro potenzialmente "catastrofico" in mezzo al conflitto in corso, ha detto martedì il capo degli affari politici delle Nazioni Unite Rosemary DiCarlo al Consiglio di sicurezza. 

Oltre il 90% dei siriani vive in povertà, la violenza di genere e i rischi per i bambini sono in aumento e la potenziale esposizione agli ordigni esplosivi rimane elevata.

Inoltre, l'insicurezza alimentare ha raggiunto nuovi record poiché 12 milioni di siriani soffrono la fame ogni giorno e quasi un bambino su due non va a scuola, il che li rende vulnerabili al lavoro minorile, ai matrimoni forzati, alla tratta e al reclutamento armato.

“Negli ultimi 11 anni abbiamo assistito a sofferenze e abusi su scala immensa; terribile conflitto violento che è andato oltre ogni norma; [e] una catastrofe umanitaria che ha devastato la vita di oltre la metà della popolazione", ha detto l'inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria Geir O. Pedersen al Bruxelles VI Conferenza: “Sostenere il futuro della Siria e della regione”.

© PAM/Hussam Al Saleh

Richiesta di diplomazia internazionale

La Siria rimane una crisi altamente internazionalizzata in cui questioni chiave richiedono una diplomazia internazionale costruttiva, secondo Pedersen.

"Non è un segreto... che i recenti sviluppi internazionali, la guerra in Ucraina, lo hanno reso ancora più difficile di prima", ha riconosciuto.

"Ma come inviato delle Nazioni Unite, continuerò a coinvolgere tutti gli attori chiave, siriani e internazionali, sull'importanza di contribuire non solo ad alleviare la sofferenza, ma anche a creare fiducia e un percorso politico per uscire da questa crisi".

Rimani concentrato

Sullo sfondo di un conflitto, corruzione, cattiva gestione, COVID, sanzioni e ora la guerra in Ucraina con i suoi effetti a catena nella regione e oltre, Pedersen ha attirato l'attenzione sui siriani che stanno lottando per soddisfare i loro bisogni primari, osservando che le statistiche grezze non trasmettono mai veramente "la realtà brutale che affligge così tanti di loro".

Allo stesso tempo, ha descritto lo spostamento “su una scala con pochi confronti; una crisi di detenzione e rapimento; un disastro economico che ha impoverito milioni di persone e frammentato il Paese; e la continua minaccia del terrorismo”.

Ha esortato i partecipanti a rimanere concentrati sulla Siria.

Soluzione politica ancora fuori portata

Nonostante i continui appelli per un cessate il fuoco a livello nazionale e una soluzione politica globale guidata e di proprietà della Siria che rispetti la sovranità e l'integrità territoriale - pur soddisfacendo le legittime aspirazioni del popolo del paese - il signor Pedersen ha affermato francamente: "Siamo lontani da quella soluzione politica".

Nonostante l'attuale stallo strategico sul terreno, la Siria continua a richiedere attenzione, risorse e una soluzione politica globale, nonostante sia uscita dai titoli dei giornali.

"I vostri contributi sono ancora una volta urgenti", ha sottolineato. 

Alla ricerca di un percorso di respirazione  

Il coordinatore degli aiuti di emergenza delle Nazioni Unite Martin Griffiths ha parlato a lungo dei "livelli senza precedenti" dei bisogni guidati da un decennio di conflitti, crisi umanitarie prolungate a lungo termine, circostanze economiche in rapido peggioramento, shock climatici e violenza di genere.

"Abbiamo carenze croniche di elettricità, carburante e acqua che minano la funzionalità dei servizi essenziali, dei mezzi di sussistenza e della fornitura di assistenza", ha affermato disse.

La "massima importanza per tutti gli operatori umanitari e le agenzie umanitarie" è una risoluzione politica globale al conflitto, ha affermato Griffiths, che dirige anche l'ufficio umanitario delle Nazioni Unite, OCHA.

“Mentre cerchiamo di rispondere ai bisogni umanitari del popolo siriano, abbiamo bisogno di un percorso che permetta… [loro] di respirare di nuovo ed essere lontani dal conflitto”.

Vive dietro i numeri

Per sopravvivere quest'anno, 14.6 milioni di siriani hanno bisogno di assistenza umanitaria e anche altri 12 milioni di rifugiati siriani e coloro che li ospitano in tutta la regione hanno bisogno di sostegno. 

“Non sorprende che 10.5 miliardi di dollari, una somma di denaro sorprendente e sbalorditiva, siano necessari per sostenere pienamente i siriani bisognosi. Di questi 4.4 miliardi di dollari sono destinati alla risposta all'interno della Siria e altri 6.1 miliardi di dollari per i rifugiati e le comunità ospitanti nella regione”, ha spiegato Griffiths.

Riconoscendolo come "il più grande appello di sempre" per la Siria, ha aggiunto la sua fervente speranza, che sarà "l'ultimo appello di questa portata".

“Le donne, gli uomini ei bambini siriani non dovrebbero essere autorizzati a perdere la nostra capacità di attenzione e dovrebbero ricevere un futuro... migliore di quello che hanno dovuto affrontare quest'anno”, ha concluso il coordinatore dei soccorsi di emergenza.    

Siria 'mortale' per i bambini

Catherine Russell, capo del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF), ha avvertito che “un'intera generazione sta lottando per sopravvivere”.

Ha dipinto un quadro cupo di attacchi banali alle infrastrutture civili, famiglie che lottano per mettere il cibo in tavola e quasi un terzo dei giovani del paese “cronicamente malnutriti”.

"Questi sono tempi pericolosi, persino mortali, per essere un bambino in Siria", ha affermato il capo dell'UNICEF. "Da quando è iniziata la guerra, possiamo verificare che quasi 13,000 bambini sono stati uccisi o feriti, ma sappiamo che il bilancio è molto più alto". 

Trauma psicologico

La guerra non ha solo segnato fisicamente i bambini siriani, ma ha anche causato “ferite invisibili che possono durare tutta la vita”, ha segnalato la signora Russell.

Circa 2.8 milioni di giovani siriani vivono ora in Giordania, Libano, Iraq, Egitto e Turchia, pieni di perdite, rischi e incertezze. 

"Non so cosa significhi la parola casa", ha detto una ragazza di 11 anni a un membro dello staff dell'UNICEF.

image1170x530cropped 14 - L'ONU lancia un appello congiunto per la Siria: 'L'apatia non è un'opzione' © UNICEF/Delil Souliman

L'insediamento informale di Salhabiya, nella zona rurale di Raqqa, nel nord-est della Siria, ospita molte famiglie sfollate.

Necessario supporto flessibile

E 11 anni di guerra, disordini e sfollamenti hanno anche minacciato l'istruzione di un'intera generazione. 

"Più di tre milioni di bambini siriani non vanno ancora a scuola", ha detto il funzionario dell'UNICEF alla conferenza, aggiungendo che questi bambini hanno bisogno di "un sostegno flessibile e duraturo". 

Ha affermato che, sebbene l'UNICEF richieda 312 milioni di dollari per la sua risposta siriana insieme ad altri 20 milioni di dollari per il suo lavoro nel nord-ovest, ad oggi ne è stata ricevuta meno della metà. 

“Contiamo su di te per fornire quel supporto. Ancora più importante, i bambini siriani contano su tutti noi”, ha fatto appello la signora Russell.

Rifugiati impoveriti

A causa dei fattori interconnessi delle onde d'urto socioeconomiche del COVID e della crisi alimentare, energetica e finanziaria, accelerata dalla guerra in Ucraina, “stiamo assistendo a tassi di povertà e fame in aumento; approfondire le disuguaglianze; e l'aumento delle tensioni in tutta la regione", ha affermato Achim Steiner, capo del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP).

Ha citato che nove rifugiati siriani su 10 in Libano vivono ora in condizioni di estrema povertà, così come circa l'81% dei libanesi – una cifra che è quasi raddoppiata dal 2019 – e circa 1.8 milioni di siriani in Libano. Turchia.

"I nostri sforzi collettivi sono forse più vitali che mai", ha attestato l'alto funzionario dell'UNDP.

All'interno della Siria

Ha affermato che i 14.6 milioni di persone in Siria che hanno bisogno di assistenza rappresentano “un enorme aumento di 1.2 milioni”.

"Salvare vite attraverso le risposte umanitarie rimarrà di fondamentale importanza, ma dovremmo ricordare che le attività di recupero e resilienza precoci non salvano solo i mezzi di sussistenza, ma salvano anche vite", ha affermato Steiner.

Ha osservato che l'aumento dell'assistenza per il recupero precoce non significa allontanarsi dagli aiuti umanitari, ma si basa su "una valutazione sul campo delle esigenze del mondo reale".

La domanda

Per una rapida ripresa e resilienza, sono necessari 1.2 miliardi di dollari, che rappresentano il 25% del Piano di risposta umanitaria (HRP) di quest'anno. 

All'interno di questo, l'UNDP guidato Recupero precoce e mezzi di sussistenza la sezione chiede 247.6 milioni di dollari nel 2022 per aiutare a sollevare un milione di persone dalla povertà e consentire a 150,000 persone di trovare lavoro.

"L'apatia non è un'opzione", ha concluso il capo dell'UNDP.

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti