23.6 C
Bruxelles
Thursday, June 8, 2023
EuropaOsmani: Domani potrebbe esserci un accordo con la Bulgaria

Osmani: Domani potrebbe esserci un accordo con la Bulgaria

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Osmani ha anche detto: "Gli occhi di 18 milioni di persone sono rivolti a Sofia"

Siamo in attesa di vedere come proseguiremo i negoziati con la Bulgaria. Il tempo stringe, gli occhi di 18 milioni di persone nei Balcani occidentali sono concentrati su quale decisione prenderà Sofia. La questione non è più se la Macedonia del Nord avvierà i negoziati, la questione è se i Balcani occidentali abbiano una prospettiva europea.

Lo ha affermato il ministro degli Affari esteri della Macedonia del Nord, Bujar Osmani, in una conferenza stampa congiunta a Skopje con il suo omologo croato, Goran Garlic Radman.

Osmani ha descritto i colloqui di due giorni di un'intera giornata con la delegazione bulgara, guidata dal ministro Teodora Genchovska lo scorso fine settimana, come uno dei colloqui migliori e incoraggiati a continuare. Ma ha detto dopo quello che è successo al governo di Sofia, "ora stiamo aspettando di vedere cosa succederà dopo, come procederemo".

 “Certo, il tempo è poco. I restanti giorni sono nelle mani della Bulgaria, paese che ha riportato i Balcani occidentali nell'agenda europea al vertice di Sofia del 2018, dopo di che Zagabria ha timbrato quell'agenda durante la sua presidenza. La prospettiva dei Balcani occidentali sarà di nuovo “sepolta” a Sofia – purtroppo userò una parola del genere? Gli occhi di 18 milioni di persone sono rivolti a Sofia su quale decisione prenderà. La questione non è più se la Macedonia del Nord avvierà i negoziati, la questione è se i Balcani occidentali abbiano una prospettiva europea. "Spero che i politici bulgari non permettano che a Sofia venga eretto un monumento sulla tomba della politica dell'UE di maggior successo negli ultimi 75 anni, come la politica di allargamento", ha affermato Osmani.

Secondo lui, se c'è volontà politica, ci sono ragioni sufficienti per chiudere la questione domani e raggiungere un accordo dopo i colloqui fino ad ora.

 “Abbiamo la volontà politica, siamo pronti a proseguire subito dopo questa conferenza stampa con i colloqui. È già una questione di relazioni tra l'UE ei Balcani occidentali. "Se queste relazioni saranno distrutte o rianimate è una decisione che deve essere presa dall'Ue", ha affermato il ministro Osmani.

Edi Rama: "A breve non ci saranno negoziati per l'adesione all'Ue, colpa della Bulgaria"

Tutti gli altri paesi sono d'accordo e pensano che questo debba essere già successo, ha detto il primo ministro albanese

Il primo ministro albanese Edi Rama ha detto che non si aspetta che il vertice dell'UE della prossima settimana apra la strada all'avvio dei colloqui di adesione del suo paese all'UE, incolpando la Bulgaria, ha riferito oggi Politico. “Non ho aspettative. Non credo succederà niente. L'Albania e la Macedonia del Nord non avvieranno formalmente i colloqui di adesione", ha affermato a Tirana.

Tutti i governi dell'UE hanno concordato già nel marzo 2020 di dare il via libera all'Albania e alla Macedonia del Nord per avviare i colloqui di adesione. Tuttavia, i negoziati non sono ancora iniziati, poiché la Bulgaria sta spingendo per concessioni dalla Macedonia settentrionale in una disputa tra i due paesi su lingua, storia e identità.

Le difficoltà dei Paesi dei Balcani occidentali sono un tempestivo avvertimento sulle vicissitudini del processo di adesione all'Ue dell'Ucraina, che nel bel mezzo della guerra con la Russia sta spingendo per candidarsi all'adesione all'Ue al vertice della prossima settimana. L'UE ha concesso questo status alla Macedonia del Nord nel 2005 e all'Albania nel 2014, ma i negoziati con entrambi i paesi non sono ancora iniziati.

Alla domanda se qualcuno dei leader dell'UE avesse dato un segnale che i colloqui potrebbero iniziare presto, Rama ha risposto: “Quali segnali possono dare? Non si tratta di loro. Si tratta di nuovo della Bulgaria. Sono tutti d'accordo, tutti supportano, tutti pensano che questo dovrebbe accadere e che dovrebbe essere già successo. Ma il loro margine di manovra è limitato dalla Bulgaria. “

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti