1.1 C
Bruxelles
Domenica, Dicembre 4, 2022

Teologie e pratiche del pluralismo religioso

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Teologie e pratiche del pluralismo religioso è stato un tema in un panel al Quinta Conferenza Annuale dell'Accademia Europea di Religione svoltasi a Bologna, il 21 giugno.

L'argomento principale della Conferenza è stato Religione e Diversità.

La segretaria esecutiva della CEC Katerina Pekridou ha parlato dell'autocomprensione della Chiesa ortodossa in relazione alla pluralità ecclesiale sulla base di una serie di consultazioni tenutesi dal 2002 al 2008 tra la CEC e la Comunità delle Chiese protestanti in Europa (CPCE).

Queste consultazioni hanno avviato un dialogo su un possibile modello ecclesiastico di "unità nella diversità riconciliata" fondato sull'Accordo di Leuenberg.

Il panel faceva parte di un progetto più ampio “The Theologies and Practices of Religious Pluralism” organizzato da Reset Dialogues on Civilizations, Milano, University of Birmingham, Berkley Center at Georgetown University e Foundation for Religious Sciences, Bologna.

Il progetto indagherà ulteriormente i dibattiti e le questioni attuali sul pluralismo all'interno e attraverso le tradizioni religiose e su come alcuni di questi dibattiti stanno rimodellando lo status della religione in diversi spazi pubblici.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti