13.5 C
Bruxelles
Domenica, Settembre 25, 2022

Le api lavorano come ispettori della qualità dell'aria in Italia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gaston de Persigny
Gaston de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter presso The European Times News

Più da parte dell'autore

In Italia, dal 2018, opera un'unità speciale di polizia a tutela delle foreste e dell'ambiente. Sul tetto della sua sede a Roma ci sono alveari: le api aiutano i carabinieri a monitorare il livello di inquinamento degli ecosistemi.

“Utilizziamo le api come indicatori di biodiversità. Esplorano un'area di 1.5-2 chilometri quadrati. Grazie a loro possiamo ottenere informazioni che normalmente non sono disponibili sugli inquinanti atmosferici: le diossine, ad esempio. Le api forniscono dati più accurati sul livello di inquinamento in aree troppo grandi per il monitoraggio standard”, ha spiegato a Euronews il tenente colonnello Giancarlo Papitto.

Gli insetti sono quotidianamente a contatto con l'aria, l'acqua e il suolo. Tornando all'alveare, portano tracce di sostanze tossiche. Sono analizzati dagli scienziati.

Vogliono creare colonie di api ispettore in tutte le regioni d'Italia. Per questo sono stati stanziati mezzo milione di euro.

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti