0.6 C
Bruxelles
Martedì, febbraio 7, 2023

Da un segno schiavo all'arte: la storia dei tatuaggi

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Trovato in molte culture diverse in tutto il mondo, le prime prove di tatuaggi risalgono a migliaia di anni fa.

I tatuaggi sono diventati uno dei modi di espressione preferiti negli ultimi anni. Tuttavia, la loro storia è tutt'altro che finita.

I tatuaggi sono senza dubbio una forma d'arte. Sono l'introduzione del pigmento sotto la pelle, che rimane lì per sempre.

Trovato in molte culture diverse in tutto il mondo, le prime prove di tatuaggi risalgono a migliaia di anni fa. Fin dalla tenera età, le forme e i significati dei tatuaggi hanno impressionato le persone e conferito loro un significato. Al giorno d'oggi, tuttavia, l'affinità per questo tipo di body painting ha raggiunto il suo apice.

Questa è un'eccezione?

In The Origin of Man (1871), Charles Darwin scrisse che non c'era paese al mondo che non praticasse il tatuaggio o qualche altra forma di decorazione permanente del corpo. Questo può essere facilmente confutato analizzando i resti mortali in diverse parti del mondo.

I luoghi in cui c'è una pratica regolare di tatuaggi su antichi resti umani includono Alaska, Mongolia, Groenlandia, Egitto, Cina e Filippine. Altri primi esempi di tatuaggi possono essere fatti risalire al periodo del Medio Regno nell'antico Egitto. Diverse mummie scoperte con tatuaggi risalgono al 2160-1994 a.C.

All'inizio dell'era greca e romana, il tatuaggio era associato ai barbari. I greci impararono a fare tatuaggi dai persiani e li usarono per contrassegnare schiavi e criminali. Questo era un modo per identificarli se cercavano di scappare. I romani adottarono questa pratica dai greci.

Tatuaggi in Giappone

Tradizionalmente, i tatuaggi in Giappone iniziarono ad essere usati come mezzo per esprimere lo stato sociale, così come simboli spirituali di protezione e devozione. Col tempo, tuttavia, i tatuaggi sono diventati una forma di punizione per i prigionieri e lo stigma è cresciuto. Dopo la seconda guerra mondiale, i tatuaggi furono banditi dall'imperatore del Giappone nel tentativo di migliorare l'immagine del paese in Occidente. Sebbene i tatuaggi non siano più vietati, c'è ancora una forte smentita contro di loro.

Tatuaggi tribali

Molte tribù locali in tutto il mondo hanno avuto caratteristici tatuaggi tradizionali nel corso dei secoli. Queste tradizioni di tatuaggi iniziarono molto prima che arrivassero i coloni europei. L'esempio più chiaro sono gli indiani.

Tatuaggi alle Samoa

Il tatuaggio fa parte della tradizione culturale samoana da migliaia di anni. E si crede addirittura che la parola “tatuaggio” derivi dal vocabolo samoano tatau. Le tecniche e gli strumenti utilizzati per questa pratica tradizionale non sono cambiati e le competenze vengono tramandate di padre in figlio. Le cerimonie del tatuaggio si tengono solitamente per commemorare l'ascesa di un leader più giovane a un ruolo di leadership nella comunità.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti