5.7 C
Bruxelles
Lunedi, February 26, 2024
PoliticaLibertà di parola in Portogallo in discussione

Libertà di parola in Portogallo in discussione

La camera legislativa portoghese, l'Assemblea della Repubblica (AR), discuterà tre progetti di legge che mirano a promuovere la libertà di parola e proteggere i portoghesi dalla disinformazione.

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

João Ruy Faustino
João Ruy Faustino
João Ruy è un freelance portoghese che scrive di attualità politica europea per The European Times. È anche un collaboratore di Revista BANG! ed ex scrittore per Central Comics e Bandas Desenhadas.

La camera legislativa portoghese, l'Assemblea della Repubblica (AR), discuterà tre progetti di legge che mirano a promuovere la libertà di parola e proteggere i portoghesi dalla disinformazione.

Libertà di parola – Oggi 29 giugno sarà una giornata impegnativa nell'Assemblea della Repubblica. Il parlamento e il governo discuteranno della presidenza ceca del Consiglio dell'UE e di altre questioni dell'Unione europea centrale. Una di queste questioni è la libertà di espressione e, per questo, verranno discussi tre importanti progetti di legge che possono (se approvati) proteggere, controllare e/o garantire la libertà di parola in Portogallo. Più specificamente, questi progetti di legge mirano a modificare il portoghese Carta dei diritti fondamentali nell'era digitale (Carta de Direitos Fundamentais na Era Digital), un disegno di legge convertito in legge il 17 maggio 2021. 

 Il grafico è stato ispirato dal 2018 Piano d'azione dell'UE contro la disinformazione, che mira a combattere la propaganda che può destabilizzare le istituzioni europee così come le istituzioni degli Stati membri. Di conseguenza, la carta afferma:

"Tutti i cittadini […] hanno diritto alla libertà di opportunità di accesso, utilizzo, creazione e condivisione nel mondo digitale."

Come recita il disegno di legge dell'Iniziativa Liberale (Iniciativa Liberal, membro del partito del gruppo politico Renew Europe), il “la legge garantisce il libero accesso a internet, il diritto all'oblio”, ecc. Tuttavia, il gruppo parlamentare liberale ritiene che l'articolo 6 della carta promuova “meccanismi censori”, relativo alla “libertà di tutela contro la disinformazione”.

Questo perché, come dicono i liberali, il termine “Le disinformazioni sanitarie” non è ben definito e che l'attuale definizione è inadeguata. La definizione di “informazioni false, […] o che potrebbero essere considerate false da qualsiasi istituzione ufficiale” può essere molto pericoloso, affermano i liberali, perché può significare censura da parte del governo. “Definire cosa è "vero" o "falso" in politica, […], e il potere di censurare il discorso politico solo da agenti autorizzati dal governo è inaccettabile".

I deputati che hanno redatto il disegno di legge, quindi, ammettono che il discorso politico sarà sempre pieno di errori logici, mezze verità, factoidi, ecc. E questo perché non dovrebbe essere regolato da alcun ente. Per tale motivo, il disegno di legge liberale propone la revoca dell'articolo 6 (della Carta portoghese dei diritti fondamentali nell'era digitale).

 Il disegno di legge che proporrà il partito populista Chega è simile nel suo obiettivo (la revoca dell'articolo 6), ma su basi diverse. In primo luogo, la proposta cita il difensore civico Maria Lúcia Amaral “richiesta di ispezione in relazione all'articolo 6 della legge”.

I deputati del CHEGA citano gli articoli 2° e 37° della Costituzione portoghese per esprimere una questione di costituzionalità in merito all'articolo 6 della Carta. Entrambi gli articoli, relativi alla libertà di espressione, affermano chiaramente che non ci sono limitazioni ai diritti alla libertà di parola, e quindi nessuna eccezione per quanto riguarda la censura della disinformazione. Quindi, CHEGA! propone la revoca dell'articolo 6, e una lieve modifica dell'articolo 5 della Carta.

 Il Partito Socialista (PS), tuttavia, afferma chiaramente di avere una visione diversa sulla questione. Come è scritto in bolletta:

 “Tra di noi, la lite recentemente incentrata su uno dei tanti articoli della Carta portoghese dei diritti umani nell'era digitale ha distolto l'attenzione dai punti più difficili della gestione dell'agenda mediatica dell'era digitale. Dai diritti d'autore degli articoli giornalistici, dalle regole del concorso e dal sistema normativo manifestamente concepito per il mondo pre-digitale. Contribuendo molto poco alla questione essenziale che la stessa lotta alla disinformazione richiede”. 

PS, quindi, opta solo per semplificare l'articolo (articolo 6, ovviamente), revocando i numeri da 2 a 6 dell'articolo 6.

-

Prova i nostri video beta:

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -