15.9 C
Bruxelles
Domenica, Settembre 25, 2022

Una luce nell'oscurità per gli ucraini sotto tiro

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Più da parte dell'autore

Crimini di guerra sono stati commessi nel conflitto in Ucraina, rivela la principale inchiesta delle Nazioni Unite sui diritti umani

Crimini di guerra sono stati commessi nel conflitto in Ucraina

0
Gli investigatori indipendenti sui diritti umani nominati dalle Nazioni Unite hanno affermato che nel conflitto sono stati effettivamente commessi crimini di guerra.
Giovani influenti changemakers riconosciuti dalle Nazioni Unite

Giovani influenti changemakers riconosciuti dalle Nazioni Unite

0
Mercoledì, le Nazioni Unite hanno annunciato la coorte 2022 di Young Leaders for the Sustainable Development Goals, riconoscendo i loro sforzi per realizzare un futuro più equo per le persone e il pianeta.
la necessità di ridurre l'escalation della situazione intorno allo Zaporizhzhia

Ucraina: allentare la situazione intorno alla merlata Zaporizhzhia

0
Informando martedì il Consiglio di sicurezza, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha nuovamente sottolineato la necessità di ridurre la situazione intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia in Ucraina. 
Ucraina: "L'integrità fisica" della centrale nucleare di Zaporizhzhya "è stata violata più volte"

Ucraina: "L'integrità fisica" della centrale nucleare di Zaporizhzhya "è stata violata più volte"

0
Ulteriori danni alla centrale nucleare di Zaporizhzhya in Ucraina "non possono" essere consentiti, ha affermato il capo dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA). 

In una cantina buia e sovraffollata a Kharkiv, in Ucraina, Natalia, 40 anni, si nasconde da incursioni aeree quasi costanti nelle vicinanze. Insieme al figlio, alla nipote, allo zio e alla madre, vive in una delle zone più pericolose della città. Dormendo su un pavimento freddo insieme a dozzine di altri, a volte non vede il cielo per diversi giorni.

“Siamo stati oggetto di bombardamenti molto feroci. Non avevamo un posto dove scappare, quindi siamo scesi al rifugio”, spiega. "Abbiamo sperimentato molte cose qui: nascite, prendersi cura di donne incinte, bambini e una persona che soffre di un infarto".

Kharkiv, la seconda città più grande dell'Ucraina, è ancora sotto attacco da parte della Federazione Russa. Poiché il bilancio delle vittime e dei feriti in questa regione aumenta ogni giorno, l'assistenza dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) viene consegnato per aiutare coloro che vivono in centri di accoglienza che inizialmente non erano stati progettati per ospitare persone.

Al di là delle necessità come cibo e medicine, sono alla disperata ricerca di notizie dalle loro famiglie. Le lampade solari fornite dall'OIM stanno aiutando gli sfollati ucraini a caricare i loro telefoni cellulari, consentendo loro di sentire ancora una volta le voci dei loro cari.

image 3 1024x464 - Una luce nell'oscurità per gli ucraini sotto tiro
Roman Shalamov/ ONG Source of Revival – Villa gravemente danneggiata nella regione di Kharkiv.

Fornire aiuti a una città assediata

A Chernihiv, la capitale regionale più settentrionale del paese, il 70% della città non disponeva di elettricità a causa dei danni alle infrastrutture causati dai pesanti bombardamenti da fine febbraio a inizio aprile. Quasi la metà dei 300,000 abitanti della città se ne andò e centinaia di civili furono uccisi, secondo le autorità locali. Anche adesso, i bombardamenti caotici mettono a rischio la vita delle persone nella regione. 

“Era molto spaventoso vivere nell'oscurità, ma la cosa peggiore era la mancanza di comunicazione con i parenti. Le persone hanno acceso i telefoni solo per un po' e hanno razionato la carica come loro tesoro", spiega Olga, membro dello staff della ONG partner dell'OIM "Ukrainian Prism" che ha consegnato le lampade solari e altri aiuti alle aree più colpite.

"Abbiamo trasportato il primo lotto di lampade solari dall'OIM in gommoni attraverso il gelido fiume Desna, insieme al carico più importante per gli abitanti di Chernihiv, quando la città era ancora assediata", ricorda Olga.

image1170x530cropped 9 - Una luce nell'oscurità per gli ucraini sotto tiro
Fonte di Revival ONG – L'assistenza dell'OIM sta raggiungendo le persone nei centri di accoglienza in Ucraina

Un'operazione senza precedenti

Dall'inizio della guerra, l'OIM ha fornito l'assistenza tanto necessaria alle aree colpite dell'Ucraina, inclusi materassi, coperte, set per la cucina e l'igiene, contenitori e strumenti per piccole riparazioni. Tali articoli vengono forniti attraverso la catena di approvvigionamento umanitario che garantisce la consegna continua dei beni necessari come cibo, riparo, coperte, medicinali e altro durante un disastro.

Quando è scoppiata la guerra a febbraio, l'OIM ha avviato una massiccia operazione nella catena di approvvigionamento, senza precedenti per dimensioni e dimensioni, che ha avviato una complessa operazione transfrontaliera per portare oggetti salvavita nelle regioni più colpite dal conflitto dell'Ucraina. Questi articoli sono stati adattati per soddisfare i bisogni urgenti delle persone e corrispondono all'ambiente in cui vivono le comunità colpite dalla guerra.

Il partner locale dell'OIM, la fondazione di beneficenza “Source of Revival” sta facendo tutto il possibile per aiutare le persone che rimangono a Kharkiv e quelle che risiedono nelle città e nei villaggi della regione difficili da raggiungere. A causa dei bombardamenti, viaggiano spesso per fornire aiuti umanitari con giubbotti antiproiettile ed elmetti protettivi.

Le lampade solari sono diventate uno degli articoli più ricercati. "Le lampade sono un vero aiuto per noi: possiamo caricare i telefoni e usarli per l'illuminazione", afferma Kateryna, madre di due figli.

Nel corso del tempo, gli aiuti umanitari hanno iniziato a raggiungere la gente del posto, supportandoli nel loro cammino verso la guarigione, ma il trauma è ancora vivo nelle loro menti. “Il villaggio ha sofferto molto”, ricorda Kateryna. "Attacchi aerei, carri armati, bombardamenti... Siamo sopravvissuti ai momenti più terribili: esecuzioni di civili, violenze e morte".

image1170x530cropped 10 - Una luce nell'oscurità per gli ucraini sotto tiro
ONG Prisma ucraino - Regione di Chernihiv residente vicino alle rovine della sua casa distrutta.
- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti