8.4 C
Bruxelles
Lunedi, October 3, 2022

amore cristiano

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Pietro Gramatikov
Pietro Gramatikovhttps://www.europeantimes.news
Il Dr. Petar Gramatikov è il caporedattore e direttore di The European Times. È membro dell'Unione dei giornalisti bulgari. Il Dr. Gramatikov ha più di 20 anni di esperienza accademica in diverse istituzioni per l'istruzione superiore in Bulgaria. Ha inoltre esaminato lezioni, relative a problemi teorici coinvolti nell'applicazione del diritto internazionale nel diritto religioso, dove un'attenzione particolare è stata data al quadro giuridico dei Nuovi Movimenti Religiosi, alla libertà di religione e all'autodeterminazione e ai rapporti Stato-Chiesa per il plurale -stati etnici. Oltre alla sua esperienza professionale e accademica, il Dr. Gramatikov ha più di 10 anni di esperienza nei media dove ricopre incarichi come redattore di un periodico turistico trimestrale "Club Orpheus" rivista - "ORPHEUS CLUB Wellness" PLC, Plovdiv; Consulente e autore di conferenze religiose per la rubrica specializzata per non udenti presso la televisione nazionale bulgara ed è stato accreditato come giornalista dal quotidiano pubblico "Aiuta i bisognosi" presso l'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera.

Più da parte dell'autore

“Dio è amore” (1 Giovanni 4:8)

Come essere nascosto. Vedi e salvi tutto? Come, non siamo visibili. Ci vedi tutti? Ma tu, mio ​​Dio, non conosci tutti quelli che vedi, ma amando conosci solo quelli che ti amano, e solo a loro ti mostri. Essere il Sole nascosto ad ogni natura mortale. Tu sali nei tuoi servi, noi li vediamo, e in te sorgono, che prima eri oscurati: fornicatori, adulteri, libertini, peccatori, pubblicani. Attraverso il pentimento diventano figli della Tua Luce Divina. Dopotutto, la Luce, naturalmente, fa nascere la luce, perciò anche loro diventano luce, figli di Dio, come sta scritto (Sal. 81, 6), e dèi per grazia, coloro che rinunciano al mondo vano e ingannevole, odiano i genitori ei fratelli senza odio, considerandosi viandanti e forestieri nella vita; coloro che si priveranno di ricchezze e possedimenti, rifiutando completamente la dipendenza da essi; coloro che, per amore della gloria celeste, detestano dall'anima la gloria vuota e le lodi umane; quelli che tagliarono la loro volontà e divennero per i pastori, per così dire, pecore innocue; coloro che divennero morti nel corpo ad ogni atto malvagio, faticando a sudare nella coltivazione delle virtù ed essendo guidati in vita dalla sola volontà del timoniere, morendo per obbedienza e resuscitando di nuovo; coloro che, grazie al timore di Dio e al ricordo della morte, piangono tutto il giorno e la notte e cadono abilmente ai piedi del Signore, chiedendo misericordia e perdono dei peccati. Tali, per ogni buona azione, giungono in buono stato e, come coloro che ogni giorno piangono e bussano con zelo, attirano a sé la misericordia. Con frequenti preghiere, sospiri inespressi e rivoli di lacrime, purificano l'anima e, vedendo la sua purificazione, percepiscono il fuoco dell'amore e il fuoco del desiderio per vederla completamente purificata. Ma poiché è impossibile per loro trovare la fine del mondo, la loro purificazione è infinita. Perché per quanto io, il pietoso, sia purificato e illuminato, per quanto vedo lo Spirito Santo purificarmi, mi sembrerà sempre che questo sia solo l'inizio della purificazione e della visione, perché nella profondità sconfinata e nell'altezza incommensurabile, chi può trovare la metà o la fine? So che c'è molta Luce, ma non so quanta. Desiderando sempre di più, sospiro costantemente che mi è stato dato poco (anche se mi sembra molto) rispetto a ciò che, come immagino, è lontano da me, che bramo quando vedo e penso che niente Non ce l'ho, perché non sento affatto la ricchezza che mi viene data, anche se vedo il Sole, non la considero tale. In che modo? – ascolta e credi. Quello che vedo è il Sole, Che è inesprimibilmente piacevole ai sensi; Attira l'anima all'Amore indicibile e divino. L'anima, vedendolo, si accende e arde d'amore, desiderando di avere tutto in sé tutto ciò che è, ma non può, e perciò è triste e non ritiene più bello vederlo e sentirlo. Quando Colui che vedo e non può essere contenuto da nessuno, come veramente inespugnabile, si degna di avere pietà della mia anima contrita e umile, allora quando mi appare, splendente davanti al mio volto, diventa lo stesso splendente in me, riempiendomi tutto, umile, di ogni gioia, di ogni desiderio e di divina dolcezza. Questa è una trasformazione improvvisa e un cambiamento meraviglioso, e ciò che sta accadendo in me è inesprimibile a parole. Dopotutto, se qualcuno vedesse che questo sole, visibile a tutti, scendeva nel suo cuore e tutto si posava in lui, e risplenderebbe anche, non morrebbe per miracolo e diventerebbe muto, e non lo sarebbero tutti quelli che hanno visto questo? Ma se qualcuno vede il Creatore del sole, come un luminare, brillare dentro di sé, agire e parlare, come non si stupirà e tremerà di una tale visione? Come può non amare il suo Datore di vita? Le persone amano le persone come loro stesse quando sembrano loro in qualche modo migliori degli altri; Il Creatore di tutto, l'unico immortale e onnipotente, che, avendolo visto, non amerà? Se molti, credendo ascoltando, l'hanno amato, e anche i santi sono morti per lui, eppure sono vivi, allora coloro che partecipano alle visioni di Lui e della Luce, da Lui conosciuta e conoscendolo, come potrebbero non amarlo ? Dimmi come, per amor suo, non piangeranno incessantemente? Come faranno a non disprezzare il mondo e ciò che c'è nel mondo? Come non rinunceranno a ogni onore e gloria coloro che, essendosi innalzati al di sopra di ogni gloria e onore terreno e avendo amato il Signore, hanno trovato Colui che è al di là della terra e tutte le cose visibili, Colui che ha creato tutte le cose visibili e invisibili, e ricevette la gloria immortale, avendo in ogni cosa buona è senza mancanza? Inoltre, ogni remissione dei peccati e ogni desiderio di benedizioni eterne e cose divine, come una sorta di ricchezza, hanno attinto dalla stessa fonte eternamente vivente, che ci dona, Signore, e tutti coloro che ti cercano e ti amano appassionatamente, affinché noi anche con i santi le tue eterne benedizioni sono state godute nei secoli dei secoli.

Chi può, Maestro, parlare di Te?

Coloro che non ti conoscono sono ingannati, non sapendo nulla;

Coloro che hanno conosciuto per fede la tua divinità

Sono posseduti da grande paura e terrorizzati dal tremore,

Non sapendo cosa dire loro di Te, perché Tu sei oltre la mente,

E tutto con Te è inesauribile di pensiero e incomprensibile:

Le opere e la tua gloria e la tua conoscenza.

Sappiamo che sei Dio e vediamo la tua luce,

Ma cosa sei e che tipo sei, nessuno lo sa per certo.

Tuttavia, abbiamo speranza, abbiamo fede

E conosciamo l'amore che ci hai dato,

sconfinato, inesprimibile, per nulla incomprensibile,

che è Luce,

La Luce è inespugnabile e fa tutto.

A volte è chiamata la tua mano, a volte l'occhio,

Ora con labbra sante, poi con Forza, poi con Gloria,

Questo è conosciuto come il viso più bello.

Egli è il sole inquietante per gli alti nella conoscenza del Divino,

È una stella che brilla per sempre per quelli

che non contengono più niente.

È l'opposto della tristezza, scaccia l'ostilità

E distrugge completamente l'invidia satanica.

In principio addolcisce e, purificando, raffina,

Bandisce i pensieri e riduce i movimenti.

Insegna segretamente ad essere umile

E non consente di disperdersi e barcollare.

D'altro canto. Si separa chiaramente dal mondo

E ti fa dimenticare tutte le cose tristi della vita.

Egli nutre e disseta in vari modi,

E dà forza a chi lavora bene.

Ripaga l'irritazione e la tristezza del cuore,

Assolutamente non permettere di essere arrabbiato o indignato.

Quando fugge, coloro che sono feriti da Lui lo inseguono.

E con grande amore del cuore lo cercano.

Quando ritorna, appare e risplende amorevolmente,

Incoraggia coloro che perseguono ad allontanarsi da Lui e ad umiliarsi.

E, più volte ricercato, incoraggia ad allontanarsi dalla paura

Com'è indegno di un tale bene, che supera ogni creatura.

O Dono inesprimibile e incomprensibile!

Perché cosa non fa e cosa non accade!

Egli è delizia e gioia, mansuetudine e pace,

La misericordia è sconfinata, l'abisso della filantropia.

È visto in modo invisibile, si adatta fuori posto

Ed è contenuto nella mia mente in modo inviolabile e intangibile.

Avendolo, non contemplo, ma contemplo finché non se ne va,

Mi sforzo di afferrarlo rapidamente, ma Egli vola via.

Perplesso e infiammato, imparo a chiedere

E cercalo con pianto e grande umiltà

E non pensare che il soprannaturale sia possibile

Per la mia forza o sforzo umano,

Ma... per la bontà di Dio e la misericordia illimitata.

Apparendo per un breve periodo e nascondendosi. Lui

Una per una, espelle le passioni dal cuore.

Perché l'uomo non può vincere la passione,

Se non viene in soccorso;

E ancora, non tutto espelle immediatamente,

Perché è impossibile percepire tutto lo Spirito in una volta

Un uomo dell'anima e diventa impassibile.

Ma quando ha fatto tutto il possibile:

Non acquisizione, imparzialità, sottrazione al proprio,

Tagliando la volontà e la rinuncia del mondo,

Pazienza delle tentazioni, preghiera e pianto,

Povertà e umiltà, per quanto ne ha la forza,

Poi per un breve tempo, per così dire, la Luce più sottile e più piccola,

Sorprendentemente circondando la sua mente, lo affascinerà in una frenesia,

Ma, affinché non muoia, presto lo lascerà

Con una tale velocità, non importa cosa pensi,

È impossibile per chi vede ricordare la bellezza della Luce,

Che egli, fanciullo, non assaggi il cibo degli uomini perfetti

E subito non si è sciolto né danneggiato vomitandola.

Così, da allora, la Luce guida, fortifica e istruisce;

Quando abbiamo bisogno di Lui

Si presenta e scappa;

Non quando lo desideriamo, perché questo è il lavoro del perfetto,

Ma quando siamo in difficoltà e completamente impotenti,

Viene in soccorso, salendo da lontano,

E mi fa sentire nel mio cuore

Colpito, senza fiato, voglio trattenerlo.

Ma tutto intorno è notte. Con mani vuote e pietose,

Dimenticando tutto, mi siedo e piango

Non sperando un'altra volta di vederlo allo stesso modo.

Quando, dopo aver pianto abbastanza, voglio smettere,

Poi Lui, venendo, tocca misteriosamente la mia corona,

Sono scoppiato in lacrime, non sapendo chi fosse;

E poi illumina la mia mente con la Luce più dolce.

Quando lo saprò. Chi è. Vola subito

Lasciando in me il fuoco dell'amore divino per Sé,

Che non ti permette di ridere o guardare le persone,

Né accettare il desiderio per qualsiasi cosa vista.

A poco a poco, attraverso la pazienza, divampa e si gonfia,

Diventando una grande fiamma che raggiunge il Cielo.

È dissetato dal relax e dal divertimento con le faccende domestiche,

Perché all'inizio c'è anche la preoccupazione per le cose mondane;

Restituisce il silenzio e l'odio a tutta la gloria

Vagando per la terra e calpestandosi come letame,

Perché in questo si diletta, e poi si compiace di essere presente,

Insegnando questa onnipotente umiltà.

Quindi quando lo capisco e divento umile,

Allora è inseparabile da me:

mi parla, mi illumina,

Guarda me, e io guardo Lui.

Lui è nel mio cuore ed è in Paradiso.

Mi spiega le Scritture e accresce in me la conoscenza,

Mi insegna misteri che non posso pronunciare.

Mostra come mi ha preso dal mondo,

E mi comanda di essere misericordioso verso tutti coloro che sono nel mondo.

Quindi i muri mi tengono e il corpo mi tiene

Ma io sono veramente, senza dubbio, al di fuori di loro.

Non sento suoni e non sento voci.

Non ho paura della morte, perché anch'io l'ho superata.

Non so cosa sia il dolore, anche se tutti mi rattristano.

I piaceri sono amari per me, tutte le passioni mi scappano

E vedo costantemente la Luce notte e giorno,

Il giorno è notte per me e la notte è giorno.

Non voglio nemmeno dormire, perché questa è una perdita per me.

Quando tutti i tipi di problemi mi circondano

E, a quanto pare, saranno rovesciati e mi vinceranno;

Poi io, trovandomi improvvisamente con la Luce al di là di ogni cosa

Gioiosi e tristi, e piaceri mondani,

Godo di gioia inesprimibile e divina,

Gioisco della sua bellezza, spesso lo abbraccio,

Bacio e mi inchino con grande gratitudine

A chi mi ha dato l'opportunità di vedere ciò che desideravo,

E prendi parte alla Luce inesprimibile e diventa luce,

E il suo dono di unirsi da qui,

E acquisisci il Datore di tutte le benedizioni,

E di non essere privato dei doni spirituali.

Chi mi ha attratto e guidato verso queste benedizioni?

Chi mi ha tirato su dalle profondità dell'illusione mondana?

Che mi ha separato da mio padre e dai fratelli, amici

E i parenti, i piaceri e le gioie del mondo?

che mi ha mostrato la via del pentimento e del pianto,

Per cui ho trovato un giorno senza fine?

Era un angelo, non un uomo, * Ma un tale uomo,

Chi ride del mondo e calpesta il drago,

alla cui presenza tremano i demoni.

Come ti dico, fratello, quello che ho visto in Egitto,

Dei segni e dei prodigi che ha compiuto?

Ti dico una cosa per ora, perché non posso dirti tutto.

Scese e mi trovò schiavo e forestiero in Egitto.

Vieni qui, figlio mio, disse, ti condurrò a Dio.

E con grande incredulità gli risposi:

Quale segno mi mostrerai per rassicurarmi

Che tu stesso mi possa liberare dall'Egitto

E ruba dalle mani del faraone lusinghiero,

In modo che seguendo te non corressi ancora più pericolo?

Accendi, disse, un grande fuoco, perché io possa entrare nel mezzo,

E se non rimango senza bruciature, allora non seguirmi.

Queste parole mi hanno colpito. Ho eseguito quanto ordinato.

Si accese una fiamma e lui stesso si fermò in mezzo.

Sano e sano, ha invitato anche me.

Temo, signore, ho detto, perché sono un peccatore.

Uscendo dal fuoco, si avvicinò a me e mi baciò.

Perché hai paura, mi disse, perché sei timido e tremi?

Grande e terribile è questo miracolo? — vedrai più di questo.

Sono terrorizzato, signore, ho detto, e non oso avvicinarmi a voi,

Non volendo essere più audace del fuoco,

Perché vedo che sei un uomo superiore all'uomo,

E non oso guardare te, di cui il fuoco si vergogna.

Mi attirò più vicino e mi abbracciò

E mi baciò di nuovo con un bacio santo,

Egli stesso profumava tutta la fragranza dell'immortalità.

Dopo di che l'ho creduto e amorevolmente lo seguii,

Desiderando diventare schiavo di lui solo.

Il faraone mi ha tenuto in suo potere. e i suoi terribili assistenti

Mi ha costretto a prendermi cura di mattoni e paglia

Io da solo non potevo scappare, perché non avevo un'arma.

Mosè ** implorò Dio di aiutarlo

Cristo colpisce l'Egitto con dieci volte piaghe.

Ma il Faraone non si è sottomesso e non mi ha rilasciato.

Il padre prega e Dio lo ascolta e dice al suo servo di prendermi per mano,

Promettendosi di venire con noi;

Per liberarmi dal Faraone e dalle calamità d'Egitto.

Ha messo audacia nel mio cuore

E mi ha dato il coraggio di non aver paura del faraone.

Così fece il servo di Dio:

Tenendomi per mano, mi precedette

E così abbiamo iniziato a fare il viaggio.

Mi dia. Signore, attraverso le preghiere di mio padre, comprensione

E una parola per raccontare le meraviglie della tua mano,

che hai fatto per me, perduta e prodiga,

Per mano del tuo servo mi ha condotto fuori dall'Egitto.

Dopo aver appreso della mia partenza, il re d'Egitto

Mi ha trascurato come tale e non è uscito lui stesso.

Ma mandò schiavi a lui soggetti.

Corsero e mi raggiunsero entro i confini dell'Egitto,

Ma tornarono tutti senza nulla e rotti:

Hanno rotto le loro spade, hanno scosso le loro frecce,

Le loro mani sono indebolite, agendo contro di noi,

E siamo rimasti completamente illesi.

Una colonna di fuoco ardeva davanti a noi, e una nuvola era sopra di noi;

E siamo passati da soli in un paese straniero

Tra i ladroni, tra i grandi popoli e re.

Quando anche il re venne a conoscenza della sconfitta del suo popolo,

Poi andò su tutte le furie, considerandolo un grande disonore

Essere maltrattati e sconfitti da una sola persona.

Ha imbrigliato i suoi carri, ha sollevato il popolo

E si inseguì con grande vanto.

Quando venne, mi trovò solo disteso per la fatica;

Mosè era sveglio e parlava con Dio.

Mi ha ordinato di essere legato mani e piedi,

E, trattenendomi con la mente, tentarono di lavorare a maglia;

Io, sdraiato, ho riso e armato di preghiera

E con il segno della croce li rifletteva tutti.

Non osando toccarmi o avvicinarsi a me,

Essi, stando da qualche parte in lontananza, pensarono di spaventarmi:

Tenendo il fuoco nelle loro mani, hanno minacciato di bruciarmi

Hanno alzato un forte grido e fatto rumore.

Per non vantarsi di aver fatto qualcosa di grande,

Hanno visto che anch'io sono diventato una luce, attraverso le preghiere di mio padre,

E vergognandosi, all'improvviso se ne andarono tutti insieme.

Mosè uscì da Dio, e trovandomi audace,

Felicissimo e tremante per questo miracolo,

Alla domanda cosa è successo? Gli ho detto tutto questo:

Che c'era un faraone, il re d'Egitto;

Venendo ora con innumerevoli persone,

Non poteva legarmi; voleva bruciarmi

E tutti quelli che vennero con lui divennero una fiamma,

emette fuoco dalla sua bocca contro di me;

Ma poiché hanno visto che sono diventato una luce, attraverso le tue preghiere,

Poi tutto si è trasformato in oscurità; e ora sono solo.

Guarda, Mosè mi ha risposto, non essere presuntuoso,

Non guardare all'ovvio, soprattutto abbi paura del segreto.

Fretta! approfittiamo della fuga, come Dio comanda;

E Cristo sconfiggerà gli egiziani invece di noi.

Vieni, signore, ho detto, non mi separerò da te.

Non trasgredirò i tuoi comandamenti, ma osserverò tutto. Amen.

* Qui san Simeone parla del suo padre spirituale, Simeone lo Studita, o Reverente. — Nota.

** Cioè, il padre spirituale di san Simeone, di cui si è parlato sopra. — Nota.

Fonte: San Simeone il Nuovo Teologo (59, 157-164). – Inno 37. Insegnare con teologia le azioni dell'Amore Santo, cioè la Luce stessa dello Spirito Santo.

Foto di Igor Starkov: https://www.pexels.com/photo/photo-of-the-church-between-two-plants-813432/

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti