18.2 C
Bruxelles
Sabato, Ottobre 1, 2022

Ordine divino e bellezza del mondo – rivelazione sul Creatore [2]

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Veramente vane per natura sono tutte le persone che non avevano conoscenza di Dio, che, per perfezioni visibili, non potevano conoscere Geova e, guardando le opere, non conoscevano il Creatore, ma veneravano gli dèi che governano il mondo, o fuoco, o vento, o aria in movimento, o il cerchio delle stelle, o acqua tempestosa, o corpi celesti. Se, affascinati dalla loro bellezza, li veneravano come dei, allora avrebbero dovuto sapere quanto è migliore il loro Signore, perché Lui, il Creatore della bellezza, li ha creati. E se ti sei meravigliato della loro forza e azione, avresti dovuto imparare da loro quanto è più potente. Chi li ha creati; poiché dalla grandezza della bellezza delle creature è comparativamente conosciuto l'Autore del loro essere» (Sap 13, 1-5).

Cielo, terra, mare, in una parola, il mondo intero, questo grande e glorioso libro di Dio, in cui Dio, predicato dallo stesso silenzio, si rivela, mentre questo mondo sta fermo e in pace con se stesso, non sporgendo dal limiti della sua natura, mentre in essa nessuna creatura si solleva contro un'altra e rompe quei legami d'amore con cui il Verbo Artista-Creativo ha legato tutto, fino ad allora è all'altezza del suo nome ed è veramente il mondo (cosmo)* * e bellezza incomparabile, fino ad allora nulla si può immaginare più glorioso e più grande di lui. Ma con la cessazione del mondo (irini), anche il mondo (cosmos) cessa di essere il mondo (cosmos)... Ma quando la sostanza nel mondo si ribella contro se stessa e, preparando la distruzione con la sua confusione, diventa indomabile, o quando Dio , nel timore e nel castigo dei peccatori, turba alquanto l'ordine ordinato o per un'inondazione del mare, o per un terremoto, o per piogge straordinarie, o per l'oscuramento del sole, o per la durata di qualche stagione, o per un eruzione di fuoco, poi discordia e paura si diffondono su tutto, e in mezzo alla confusione si rivela quanto benefico il mondo (irini). San Gregorio il Teologo (11, 231-233).

I cieli, muovendosi al suo comando, gli obbediscono nel mondo; giorno e notte procedono nel corso da loro determinato, senza interferire tra loro. Il sole e le facce delle stelle, al Suo comando, secondo, senza la minima deviazione, penetrano nel

* Nel tema “Mondo (2)” la parola “mondo” è considerata nel senso della totalità della creazione di Dio.-Ed.

** La parola “cosmos” deriva dal verbo “cosmeo” – decorare. modo. La terra feconda, per sua volontà, produce in certi momenti cibo in abbondanza per le persone, le bestie e tutti gli animali che vi si trovano, senza rallentare o modificare nulla di ciò che era loro prescritto. Le regioni imperscrutabili e incomprensibili degli abissi e degli inferi sono custodite dagli stessi decreti. Il mare sconfinato, unito dalla Sua disposizione in grandi masse d'acqua, non va oltre le barriere che gli sono poste, ma fa come Egli ha comandato. Perché Egli ha detto: «Fin qui arriverete... ed ecco la fine delle vostre altezzose onde» (Gb 38). L'oceano, che è impraticabile per le persone, e i mondi dietro di esso, sono governati dagli stessi comandi del Signore. Le stagioni – primavera, estate, autunno e inverno sono pacificamente sostituite l'una dall'altra. Certi venti, ciascuno a suo tempo, svolgono ciascuno il proprio servizio senza impedimenti. Inesauribili sorgenti, create per il divertimento e la salute, forniscono costantemente alle persone la loro idratazione, necessaria per la loro vita. Infine, gli animali più piccoli formano pacificamente e in armonia la convivenza tra di loro.

Tutto questo è stato comandato di essere nel mondo dal grande Creatore e Signore di tutto. Che fa del bene a tutti, e specialmente a noi, che siamo ricorsi alla sua misericordia per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo, al quale sia gloria e maestà nei secoli dei secoli. San Clemente di Roma (1, 86-87).

Come tutto è motivato alla pace quando molto è soddisfatto dal disaccordo e dalla divisione?.. Nel disaccordo e nella divisione (consiste) l'originalità di tutto ciò che esiste. Ma nessuno degli unici esistenti (fenomeni della natura) cerca di distruggere l'altro... E questo mondo, perfettamente conservato in relazione ad ogni individuo originario (fenomeno della natura), lo chiamiamo equilibrio. Areopagitica. A proposito dei nomi di Dio. Migne, PG 3, 952 B, C.

Deve essere grande Colui che ha creato una macchina così grande dal nulla, deve essere saggio Colui che ha creato tutto così saggiamente. Deve essere buono chi ha fatto tutto ciò che è buono. Che ha dato luce al sole, alla luna e alle stelle. Che Stesso in Stesso è certamente una Luce ancora migliore. Che ha dato la mente all'uomo. Certamente ha una mente ancora migliore... Proprio come la mente di uno scrittore si conosce da un libro, la saggezza di un architetto si conosce da un edificio, come l'immagine pura di una persona che vi guarda si riflette in uno specchio, così il Il Creatore è conosciuto dalle creazioni e dalla perfezione di ciascuna di esse (113, 158).

Proprio come uno scrittore di un libro toglie le parole dalla sua mente e le scrive su carta, e così compone un libro e, per così dire, fa qualcosa dal nulla, così il Creatore Onnipotente e Saggio ha creato tutto ciò che ha scrisse nella sua mente divina, qualunque cosa volesse, e, per così dire, un libro, composto da due fogli, cioè cielo e terra, compose. In questo libro vediamo l'Onnipotenza, la Sapienza e la Bontà di Dio. Onnipotenza, perché Egli ha creato tutto dal nulla mediante la Sua volontà e Parola. Sapienza, perché tutto hai fatto con sapienza: «Tu hai fatto tutto con sapienza» (Sal 103). … Perché Dio stesso non richiede nulla per se stesso. Come prima dell'inizio dei secoli, così ora e nei secoli dei secoli. È in perfetta beatitudine (24, 104-1049).

Il mondo è stato creato per amore dell'uomo, ma tutte le cose nel mondo sono tracce di Dio, testimoniano Dio; essi, come ruscelli, conducono una persona alla Vita, la Sorgente della Vita, e Lo mostrano e insegnano da Lui ad attirare e rinfrescare le loro anime; chi vorrebbe bere ai ruscelli, vedendo la stessa Fontana della Vita? Le creature sono buone e molto buone, ma il Creatore che le ha fatte buone è incomparabilmente migliore. Ciò che è creato mostra la Bontà e l'Amore di Dio per noi e ci insegna ad amare Dio, a lodarlo e ringraziarlo come nostro Creatore e Benefattore. Non richiedono amore per se stessi, ma come se ci dicessero: siamo stati creati dal Creatore per il tuo bene e il tuo uso, ama Colui che ci ha creato per amor tuo, e non noi stessi, perché noi stessi non possiamo amarti, e, usandoci a tuo vantaggio, rendi grazie a Colui che ci ha dato a te (104, 1051).

Da questo saprai, Cristiano, che c'è un Dio Creatore, a cui le creature testimoniano, come abilità di un maestro. Tutto ha origine ed esistenza da Lui. Tutto per comando di Dio serve l'uomo. Una persona, usando la creazione di Dio, deve certamente ringraziare Dio, glorificare il Suo nome e servirlo diligentemente. Coloro che non adempiono a questo dovere vengono scambiati come ciechi e sono condannati dalla loro coscienza come ingrati. Questo sarà un rimprovero per loro al Seggio del Giudizio di Cristo, che hanno usato la bontà di Dio mentre vivevano nel mondo, ma non volevano ringraziare Dio, il Datore di bontà, e non volevano servirlo. Da ciò puoi anche considerare te stesso se stai cercando di adempiere a questo dovere, per non sembrare ingrato al tuo Creatore e non essere condannato insieme a servi ingrati nel giorno del giudizio di Cristo. San Tikhon di Zadonsk (104, 1054-1055).

La creazione del mondo

Dio Creatore del mondo invisibile e visibile

Se il mondo ha un inizio ed è stato creato, allora chiediamoci: chi gli ha dato un inizio e chi è il suo Creatore? Ma perché tu, cercando questo con il ragionamento umano, non devia in qualche modo dalla verità, Mosè ti ha preceduto con il suo insegnamento, invece di sigillare e proteggere le nostre anime, imponendo il nome venerabile di Dio quando ha detto: «In principio Dio creò …” (Gen. undici). Questa Essenza beata, questa Bontà inesauribile, questa Bellezza, amata e bramata da ogni creatura dotata di ragione, questa Sapienza inavvicinabile, ecco Colui che in principio creò il cielo e la terra! San Basilio Magno (4, 6).

Non appena il Dio Benevolo e Misericordioso non si è accontentato della contemplazione di Sé, ma, per un eccesso di Bontà, ha desiderato che accadesse qualcosa che in futuro potesse beneficiare delle Sue benedizioni e partecipare alla Sua Bontà, Egli trae dal non -l'esistenza nell'essere e crea tutto senza eccezione, come invisibile, così è il visibile, e anche l'uomo, che è costituito dal visibile e dall'invisibile. Crea pensando, e questo pensiero, integrato dalla Parola e completato dallo Spirito, diventa un atto. St. John Damaskin, "Una dichiarazione accurata della fede ortodossa". San Pietroburgo, 1894, p. 44.

Foto di Julia Volk: https://www.pexels.com/photo/interior-of-historical-romanian-orthodox-cathedral-with-arched-walls-and-dome-decorated-with-icon-5206070/

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti