18.2 C
Bruxelles
Sabato, Ottobre 1, 2022

Il progetto del gigante petrolifero francese EACOP danneggerà l'Africa orientale con fumi tossici, avvertono i gruppi

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

I gruppi della società civile hanno accusato l'Uganda e la Tanzania di essersi affrettati a firmare accordi per l'oleodotto greggio dell'Africa orientale (EACOP) con TotalEnergies e CNOOC cinese prima che la gente del posto fosse adeguatamente informata sui rischi per l'ambiente e la salute.

Di Patrick Njoroge

I gruppi affermano che i cittadini, che hanno perso la terra ancestrale e altre proprietà pubbliche a causa del progetto, non sono stati adeguatamente informati sui pericoli del progetto o su come eventuali rischi sarebbero stati "evitati, ridotti al minimo o mitigati".

Gli attivisti, tra cui Diana Nabiruma dell'Africa Institute for Energy Governance, un gruppo ugandese di ricerca e difesa delle politiche pubbliche, avvertono che l'Uganda deve ancora godere dei benefici della miniera d'oro del petrolio che sembrava vicino quando sono stati scoperti i giacimenti di petrolio greggio nel 2006.

 "Total e CNOOC devono ancora assicurarsi un'assicurazione e raccogliere 2.5 miliardi di dollari di finanziamento del debito affinché l'EACOP possa andare avanti e lotteranno strenuamente per trovare un numero sufficiente di banche e assicurazioni disposte ad associarsi a un progetto del genere", ha affermato.

Total ha ripetutamente affermato di aver intrapreso strategie di mitigazione e valutazione del rischio ambientale e sociale "rigorose" in relazione ai progetti.

Da quando l'Uganda ha scoperto giacimenti petroliferi commerciali nel 2006 nella regione dell'Albertine Graben vicino al confine con la Repubblica Democratica del Congo, Kampala ha avviato procedure di gestione efficaci per promuovere la crescita e lo sviluppo.

La scoperta è stata fatta dal colosso britannico Tullow Oil.

 Nell'aprile 2020, la società ha venduto la sua partecipazione nel progetto a TotalEnergies ma la società non ha ancora assicurato investitori per l'estrazione.

L'East African Crude Oil Pipeline (EACOP) è l'oleodotto proposto di 1,443 chilometri che trasporterà petrolio da Hoima, in Uganda, alla città portuale di Tanga in Tanzania.

Il progetto EACOP inizia a Hoima, vicino al Lago Albert, e attraversa il confine tra Uganda e Tanzania tra Masaka e Bukoba, oltre il Lago Vittoria, seguendo il suo confine occidentale, attraversando la Tanzania, passando vicino a Kahama, Singida, Kondoa, fino a Tanga.

Il progetto Tilenga comprende l'esplorazione petrolifera, un impianto di lavorazione del greggio, condutture sotterranee e infrastrutture nei distretti di Bulisa e Nwoya in Uganda.

La raffineria sarà costruita su un terreno di 29 chilometri quadrati a Kabaale Township, sottocontea di Buseruka, distretto di Hoima, regione occidentale, vicino al confine internazionale con la Repubblica Democratica del Congo, lungo le sponde orientali del Lago Albert

Questo sarà vicino ai più grandi giacimenti petroliferi dell'Uganda nell'area di Kaiso-Tonya, a circa 60 km su strada, a ovest di Hoima.

Kaiso si trova a circa 260 km di strada, a nord-ovest di Kampala, la capitale e la città più grande dell'Uganda.

Uganda ha riserve accertate di petrolio greggio di 6.5 miliardi di barili, di cui circa 2.2 miliardi recuperabili.

Il FMI è stato citato nel 2013 dicendo che le riserve sono le quarte più grandi dell'Africa subsahariana dietro Nigeria, Angola e Sud Sudan.

Nel 1.7 sono stati scoperti circa 2006 miliardi di barili di petrolio recuperabile. La perforazione avrà luogo in due giacimenti petroliferi del giacimento Kingfisher, gestito dalla China National Offshore Oil Corporation Ltd (CNOOC Ltd), e del giacimento Tilenga gestito dalla multinazionale francese Total Energies.

La proprietà della scoperta petrolifera include TotalEnergies 56.67%, il gruppo cinese CNOOC 28.33% e il governo dell'Uganda che prende il restante 15%.

I giacimenti di petrolio estratti saranno in parte raffinati in Uganda per l'approvvigionamento del mercato locale, ma la parte del leone sarà esportata sul mercato internazionale attraverso l'oleodotto dell'Africa orientale.

Una volta completata, la struttura sarà la conduttura riscaldata più lunga del mondo.

Ma i gruppi ambientalisti internazionali e locali continuano a mettere in guardia sui pericoli posti dai siti di estrazione e dall'EACOP per l'ambiente e i rischi sociali per le aree naturali protette, le fonti d'acqua e le comunità in Uganda, Tanzania e Repubblica Democratica del Congo.

I gruppi hanno sollevato una feroce opposizione al progetto.

E nonostante la decisione finale sull'investimento sia stata firmata il 1° febbraio, che coinvolge 10 miliardi di dollari, un'ampia opposizione e ostacoli all'ottenimento di finanziamenti potrebbero annullare uno dei progetti di combustibili fossili più ambiziosi dell'Africa

Al lago Albert nell'Uganda occidentale, progetto gli sviluppatori costruiranno pozzi di petrolio, un impianto di lavorazione del petrolio greggio, condutture sotterranee e infrastrutture nei distretti di Bulisa e Nwoya per il consumo interno di petrolio.

Il giacimento petrolifero di Tilenga a nord del Lago Albert, includerà operazioni all'interno del Parco Nazionale delle Cascate di Murchison, ed è gestito e posseduto al 56.67% da TotalEnergies.

Controversie

 Gli sviluppatori insistono sul fatto che i progetti trasformeranno le fortune sociali ed economiche dell'Uganda e della Tanzania. Ma le multinazionali affrontano una notevole resistenza da parte delle comunità locali e dei gruppi della società civile.

Un totale di 260 gruppi comunitari provenienti da Uganda, Tanzania e altri paesi africani, insieme a organizzazioni internazionali, si sono uniti per promuovere la campagna #StopEACOP, un movimento globale basato in gran parte su mobilitazione pubblica, azioni legali, ricerca, attivismo degli azionisti e difesa dei media.

I gruppi insistono sul fatto che l'estrazione di petrolio su larga scala e l'oleodotto per l'esportazione di petrolio greggio pongono seri rischi ambientali e sociali per le aree protette della fauna selvatica, laghi e fiumi, foreste, zone umide, parchi nazionali e comunità in tutta l'Uganda e la Tanzania.

Dicono che l'oleodotto estrarrà 250,000 barili di petrolio al giorno in un momento in cui gran parte del mondo sta correndo per ridurre le emissioni e fare affidamento sui combustibili fossili.

I calcoli dei ricercatori dello Stockholm Environment Institute mostrano che le emissioni di carbonio associate al picco di produzione dell'EACOP nei giacimenti petroliferi del Lago Albert sarebbero pari a oltre 33 milioni di tonnellate all'anno, più di 30 volte le attuali emissioni annuali combinate di Uganda e Tanzania.

Omar Elmawi, un avvocato keniota del gruppo ambientalista 350.org, che fa parte della campagna, afferma che l'alleanza ha influenzato 11 banche a ritirare i fondi per l'oleodotto.

La ONG afferma di aver mobilitato un milione di persone per firmare una petizione chiedendo al CEO di TotalEnergies Patrick Pouyanné e ad altri finanziatori di interrompere le operazioni sul progetto sfidando l'investimento in tribunale e organizzando proteste pubbliche.

Coleen Scott, un socio legale e politico di Inclusive Development International (IDI), un partecipante alla campagna #StopEACOP, afferma che il progetto danneggerà irreparabilmente molti degli ecosistemi che supportano lavori sostenibili come il turismo e la pesca.

La ONG britannica Oxfam afferma che oltre 100,000 persone saranno interessate dal progetto in Uganda e Tanzania.

Più di 14,000 altri rischiano di essere spostati dai loro 5,300 ettari di terreno per lasciare il posto alla costruzione.

Lo Stockholm Environment Institute nella sua analisi del 2021 afferma che l'estrazione di petrolio e l'oleodotto disturberanno un totale di 2,000 chilometri quadrati di habitat naturali protetti.

Questi includono la foresta di Bugoma che ospita il 12% degli scimpanzé dell'Uganda, le foreste di Wambaya e Taala in Uganda e la riserva naturale della foresta di Minziro e la riserva di caccia di Burigi-Biharamulo in Tanzania.

Il giacimento petrolifero di Tilenga comprende operazioni all'interno del Murchison Falls National Park, la più antica riserva naturale dell'Uganda, considerata da oltre un milione di persone per la pesca e l'acqua.

Il giacimento petrolifero di Tilenga opererà all'interno del Parco Nazionale di Tilenga, unica fonte di cibo e acqua per più di un milione di persone povere, residenti nelle zone rurali.

Nabiruma afferma che sebbene la legge ugandese non vieti l'esplorazione petrolifera nelle aree protette, in quanto membro dell'Unione internazionale per la conservazione della natura, il paese si è impegnato a evitare le attività industriali nelle aree protette.

Dice che l'oleodotto pone elevati rischi di inquinamento dell'acqua dolce, in particolare per il bacino del Lago Vittoria, da cui 40 milioni di persone fanno affidamento per l'acqua, la produzione alimentare e la produzione industriale.

TotalEnergies e partner affermano che il progetto creerà 12,000 posti di lavoro diretti e quasi 50,000 opportunità di lavoro indiretto durante le fasi di costruzione e produzione.

Ma Simon Nicholas, analista di finanza energetica presso l'Institute for Energy Economics and Financial Analysis, avverte che la scarsa esperienza di altri progetti di combustibili fossili in Africa offre poche speranze di ottimismo.

Gli investitori EACOP affermano che gli appaltatori investiranno 1.7 miliardi di dollari in opportunità commerciali che creeranno posti di lavoro e miglioreranno del 60% gli investimenti diretti esteri dell'Uganda e della Tanzania.

 Si prevede inoltre di generare entrate annuali fino a 2 miliardi di dollari dalle esportazioni di petrolio verso paesi, tra cui Cina e India, afferma Stephanie Platat, responsabile delle relazioni con i media di TotalEnergies.

Afferma che su 18,800 famiglie colpite in Uganda e Tanzania, solo 723 saranno sfollate fisicamente dai progetti Tilenga ed EACOP.

 "Questi progetti spesso hanno promesse di lavoro e sviluppo, ma deludono sempre", avverte Nicholas. "Le nazioni africane che fanno affidamento sulla produzione fossile vedono uno sviluppo economico più lento rispetto ai paesi che non lo sono".

Elmawi della campagna #StopEACOP avverte TotalEnergies e CNOOC detengono il 70% della proprietà dell'oleodotto, mentre Uganda e Tanzania restano a condividere il restante 30%. "Questo non suona come le risorse dell'Uganda e della Tanzania, ma di Total e CNOOC", ha detto Dialogo cinese.

Elmawi e Simon Nicholas avvertono che invece di una maggiore estrazione di petrolio e gas, che porterebbe via i combustibili fossili dall'Africa, Tanzania e Uganda dovrebbero guardare alle energie rinnovabili, al turismo, all'agricoltura sostenibile e alla pesca.

Nel recente passato, tre assicuratori e 15 banche internazionali hanno interrotto i loro legami con il progetto, gettando nell'incertezza il suo finanziamento.

"Sospettiamo che Total e CNOOC stiano lottando per trovare banche disposte a sopportare il colpo di reputazione che deriverà dal finanziamento di un progetto così controverso", ha affermato Coleen Scott di IDI.

"L'anno scorso, abbiamo visto i costi del progetto aumentare notevolmente, all'incirca del 30%... in parte a causa dell'aumento del costo dei prestiti derivante dal fatto che così tante istituzioni finanziarie hanno voltato le spalle al progetto".

Il futuro del progetto

Il progetto EACOP ha cercato un prestito di 3 miliardi di dollari. Ma mentre i principali finanziatori globali abbandonano i finanziamenti per l'esplorazione di petrolio e gas per combattere il cambiamento climatico, le domande incombono sul futuro e sul successo del progetto.

"Il finanziamento del progetto EACOP con il debito bancario è ancora in fase di accordo con le istituzioni finanziarie internazionali interessate", ha affermato Platat in Dialogo cinese.

Dice che il progetto è stato approvato dagli azionisti che si sono impegnati a fornire finanziamenti, ma gli impegni lasciano ancora una carenza di 3 miliardi di dollari che richiede prestiti bancari.

Scott avverte che un progetto di estrazione di petrolio su scala EACOP potrebbe bloccare l'Uganda nella dipendenza dai combustibili fossili e minare le opportunità del paese per una transizione verde ed esporre gli ugandesi a una maggiore povertà.
I critici, tra cui già, sostengono che gli investimenti ugandesi nel turismo, nell'energia pulita, nell'agroforestazione e in altri settori economici verdi potrebbero generare quasi 4 milioni di posti di lavoro, aumentando il PIL del 10%. La mossa potrebbe far risparmiare al Paese 30.4 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio entro il 2031.

 “I progetti petroliferi comportano gravi rischi ambientali. Le risorse, alcune condivise con paesi come la Repubblica Democratica del Congo, la Tanzania e il Kenya, tra cui il Lago Albert, il Lago Vittoria e i fiumi, sono a rischio di inquinamento da idrocarburi", afferma.

Vanessa Nakate, fondatrice di Rise Up Climate Movement in Uganda, afferma: “Non vi è alcun motivo per cui Total si impegni nell'esplorazione petrolifera e nella costruzione di EACOP perché ciò significa alimentare la distruzione del pianeta e peggiorare i disastri climatici già esistenti nelle aree più colpite.

“Non c'è futuro nell'industria dei combustibili fossili e non possiamo bere petrolio. Chiediamo a Total di sollevarsi per le persone e il pianeta", afferma.

Lucie Pinson, di Reclaim Finance, che lavora per decarbonizzare il sistema finanziario, aggiunto: "Chiediamo alle banche di impegnarsi pubblicamente a stare alla larga dal progetto e agli investitori di votare contro la strategia climatica di Total e il rinnovo del mandato del suo CEO Patrick Pouyanné all'AGM del gruppo a maggio".

David Pred di Inclusive Development International, che sostiene le comunità nella difesa dei loro diritti contro progetti aziendali dannosi, ha dichiarato: “Le compagnie petrolifere stanno cercando di mascherare la cerimonia della firma della decisione di investimento, ma fortunatamente questo progetto distruttivo del clima è tutt'altro che un affare fatto.

Ma Patrick Pouyanné, CEO di TotalEnergies, afferma che tutti i partner si impegnano ad attuare i progetti in modo esemplare e tenendo nella massima considerazione la biodiversità e gli interessi ambientali, nonché i diritti delle comunità locali.

“Lo sviluppo di Tilenga e il progetto dell'oleodotto EACOP sono progetti importanti per Total e sono coerenti con la nostra strategia di concentrarsi su progetti petroliferi a basso pareggio, riducendo al contempo l'intensità media di carbonio del portafoglio a monte del gruppo. Questi progetti creeranno un valore significativo nel paese sia per l'Uganda che per la Tanzania.

“Total sta anche prendendo nella massima considerazione il delicato contesto ambientale e le poste sociali di questi progetti onshore. Il nostro impegno è quello di attuare questi progetti in modo esemplare e completamente trasparente, afferma.

La posizione di Pouyane è sostenuta da Robert Kasande, segretario permanente dell'Uganda presso il ministero dell'energia e dello sviluppo minerario. “Siamo consapevoli dell'ambiente in cui lavoriamo. È un ecosistema molto sensibile. Quindi abbiamo messo a punto tutto ciò che dovevamo fare”.

Ma il famoso ecologista statunitense Bill McKibben lo avverte Oleodotto dell'Africa orientale minaccia una delle regioni più ecologicamente diverse e ricche di fauna selvatica del mondo.

Dice che quasi 1,445 km di condotte attraversano numerosi importanti habitat e riserve naturali che ospitano animali iconici e in via di estinzione, come leoni, eland, kudu minore, bufali, impala, ippopotami, giraffe, antilopi roane, sitatunga, zibellini, zebre, oritteropi , e la scimmia colobo rossa.

Avverte che "il percorso proposto sembra quasi disegnato per mettere in pericolo il maggior numero possibile di animali".

Nel suo percorso dall'Uganda alla costa della Tanzania, il gasdotto disturberà quasi 2,000 chilometri quadrati di habitat naturali protetti, tra cui lo splendido Parco nazionale delle cascate di Murchison, la riserva forestale di Taala, la foresta di Bugoma e la riserva di caccia di Biharamulo.

I siti includono molteplici riserve fondamentali per la conservazione di specie vulnerabili come lo scimpanzé orientale e l'elefante africano.

elefante africano, l'animale più grande che cammina sulla Terra, ha mandrie che camminano in 37 paesi in tutto il mondo.

Le creature non sono solo magnifiche di per sé, ma svolgono un ruolo fondamentale nel mantenimento di habitat adatti per molti altri animali.

McKibben afferma: "Se ci preoccupiamo degli animali e preserviamo la biodiversità che ci è rimasta, dobbiamo fare tutto il possibile per fermare l'oleodotto dell'Africa orientale".

E sebbene l'EACOP comporti rischi climatici significativi e affronti una resistenza diffusa, membri della società civile e giornalisti che hanno evidenziato i pericoli continuano a essere intimiditi e arrestati.

Il 22 ottobre 2021, sei membri dello staff dell'Africa Institute of Energy Governance, incluso il direttore Dickens Kamugisha, sono stati arrestati a Kampala. AFIEGO è uno dei quattro gruppi ugandesi che hanno intentato cause legali contro il progetto, di cui una contro TotalEnergies in Francia e presso la Corte di giustizia dell'Africa orientale.

Ciò ha portato al vaglio del progetto da parte dei relatori speciali delle Nazioni Unite.
Anche le comunità lungo la linea del progetto vivono nella paura. Sono necessari più di 5,300 ettari di terreno per la costruzione e il funzionamento del gasdotto, il che significa che circa 14,000 famiglie rischiano di perdere piccoli pezzi di terra ancestrale contadina.

Della cifra totale, 200 famiglie in Uganda mentre 330 in Tanzania dovranno essere reinsediate. Altre 3,500 famiglie in Uganda e 9,513 in Tanzania saranno sfollate economicamente

Impatto sul clima

Ryan Brightwell di BankTrack avverte che con l'oleodotto EACOP che dovrebbe trasportare 216,000 barili di petrolio greggio al giorno alla "produzione di plateau", è probabile che il petrolio provochi emissioni di CO2 superiori a 33 milioni di tonnellate ogni anno.

Questo sarà significativamente maggiore delle attuali emissioni combinate di Uganda e Tanzania. Il finanziamento del progetto minerà altri lavori di investitori, autorità di regolamentazione e alcune delle stesse banche per affrontare il rischio climatico.

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti