9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

“Sono 16 anni che aspetto questo momento”: contribuire a trasformare la vita delle vittime del terrorismo in Iraq 

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Aiutare a trasformare la vita delle vittime del terrorismo in Iraq in un seminario psicosociale di tre giorni realizzato dall'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) con l'Associazione libanese delle vittime del terrorismo (LVA).

Erbil (Iraq), 19 agosto 2022 – “Stavo uscendo da scuola con un'amica e stavamo aspettando l'autobus. Pochi minuti dopo, ricordo di aver pensato di essere morto. Ho visto sangue ovunque, cadaveri e parti del corpo.“ 

La testimonianza di Azok* è solo uno dei tanti orrori condivisi dai sopravvissuti iracheni al terrorismo durante un seminario psicosociale di tre giorni realizzato dall'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) con l'Associazione libanese per le vittime del terrorismo (AVT-L). I resoconti strazianti descrivevano in dettaglio il lutto, le ferite fisiche e i traumi emotivi e psicologici subiti dopo un attacco terroristico. Ha raccontato: “Solo dopo un po' ho capito cosa era successo. Stavo vivendo un incubo e non so come sono sopravvissuto. Avevo più di 70 frammenti nel mio corpo e ne soffro ancora”.

Prima di questo seminario, la maggior parte di queste 18 vittime, otto delle quali erano donne, non avevano fatto ricorso a cure psicoterapeutiche che le avrebbero aiutate nel processo di guarigione dopo un attacco terroristico. 

L'assistenza sanitaria mentale a volte può essere più difficile da ottenere rispetto all'assistenza medica fisica per le vittime di traumi come gli attacchi terroristici. Per fare un esempio, una giovane partecipante al workshop aveva perso una gamba. Sebbene avesse ricevuto una protesi, non aveva le capacità per far fronte al suo dolore, mancanza di fiducia in se stessa e immagine di sé degradata. 

Sebbene non esista un unico modello di risposta o recupero per le vittime del terrorismo, esse devono essere supportate psicologicamente per superare il trauma e sviluppare la resilienza, imparare a gestire i propri sentimenti durante i procedimenti penali e avere il potere di usare la propria esperienza per diffondere un messaggio di pace contro il terrorismo. 

Con questo obiettivo in mente, diversi metodi terapeutici, come l'arteterapia; gruppi di discussione, scrittura e consapevolezza; e l'assistenza psicologica individuale è stata fornita alle vittime nel seminario. Queste sessioni li hanno incoraggiati a esprimere le loro emozioni e problemi psicologici, dando loro un senso di sé, comunità e connessione. 

Il rilascio emotivo interiore e la trasformazione di questi partecipanti divennero presto evidenti. Il membro più anziano del gruppo ha detto: “Ho aspettato 16 anni per questo momento. Questa è la prima volta che qualcuno mi chiede come sto, la prima volta che qualcuno mi ha concesso tempo, ascoltato, rispettato e aiutato a vedere le cose in modo diverso”. 

Azok ha ricominciato a fidarsi della propria forza mentale ed emotiva: "E' la prima volta che mi trovo di fronte a qualcuno che si preoccupa per me", ha osservato. “E' la prima volta che rivelo le mie debolezze perché, davanti agli altri, devo mostrarmi il forte, il protettore, il potente”. 

Il seminario si è tenuto a Erbil, in Iraq, dal 29 al 30 maggio 2022, nell'ambito di un progetto denominato “Supporting victim of terrorism all'interno del quadro della giustizia penale, compreso il supporto psicologico”, finanziato dai Paesi Bassi. Altri cinque seminari si terranno nel 2023. Si affronteranno la partecipazione delle vittime ai procedimenti penali e la loro rappresentanza legale, il ruolo dei media durante tali procedimenti penali, nonché i meccanismi di risarcimento e riparazione delle vittime all'interno del sistema giudiziario e penale iracheno .

Ulteriori informazioni

Se desideri saperne di più sul lavoro dell'UNODC a sostegno delle vittime del terrorismo prima, durante e dopo il procedimento penale e sulla promozione del loro processo di riabilitazione psicosociale, fai clic su qui. 

____________________________
*Nome cambiato per proteggere la privacy

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti