4.8 C
Bruxelles
Venerdì Dicembre 2, 2022

L'insegnamento dei Santi Padri sulla salvezza

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Pietro Gramatikov
Pietro Gramatikovhttps://www.europeantimes.news
Il Dr. Petar Gramatikov è il caporedattore e direttore di The European Times. È membro dell'Unione dei giornalisti bulgari. Il Dr. Gramatikov ha più di 20 anni di esperienza accademica in diverse istituzioni per l'istruzione superiore in Bulgaria. Ha inoltre esaminato lezioni, relative a problemi teorici coinvolti nell'applicazione del diritto internazionale nel diritto religioso, dove un'attenzione particolare è stata data al quadro giuridico dei Nuovi Movimenti Religiosi, alla libertà di religione e all'autodeterminazione e ai rapporti Stato-Chiesa per il plurale -stati etnici. Oltre alla sua esperienza professionale e accademica, il Dr. Gramatikov ha più di 10 anni di esperienza nei media dove ricopre incarichi come redattore di un periodico turistico trimestrale "Club Orpheus" rivista - "ORPHEUS CLUB Wellness" PLC, Plovdiv; Consulente e autore di conferenze religiose per la rubrica specializzata per non udenti presso la televisione nazionale bulgara ed è stato accreditato come giornalista dal quotidiano pubblico "Aiuta i bisognosi" presso l'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera.

Più da parte dell'autore

I Padri della Chiesa hanno inteso anche la salvezza come salvezza primariamente dai peccati. «Il nostro Cristo», dice san Giustino martire, «ci ha redenti, immersi nei peccati più gravi da noi commessi, mediante la sua crocifissione su un albero e mediante la nostra santificazione con l'acqua, e ci ha fatto casa di preghiera e di culto. " «Noi», dice san Giustino, «mentre ancora dediti alla fornicazione e ad ogni atto vile in genere, abbiamo attinto in noi la grazia concessa dal nostro Gesù secondo la volontà del Padre suo, tutte le cose impure e cattive in che siamo stati vestiti. Il diavolo insorge contro di noi, agendo sempre contro di noi e volendo attirare tutti a sé, ma l'Angelo di Dio, cioè la potenza di Dio fatta scendere su di noi per mezzo di Gesù Cristo, glielo vieta e si allontana da noi. peccati, e dal tormento e dalla fiamma che il diavolo e tutti i suoi servi ci stanno preparando, e dai quali ancora una volta Gesù, il Figlio di Dio, ci libera. Così, san Giustino non dimentica le conseguenze del peccato, ma la liberazione da esse gli appare come conseguenza della salvezza, e non come sua essenza e fine principale (“salva ancora”). L'essenza della salvezza sta nel fatto che il Signore Gesù Cristo ci ha dato il potere con cui vinciamo gli attacchi del diavolo che ci attacca e rimaniamo liberi dalle nostre passate passioni.

“Io”, dice sant'Efraim il Siro, “salvato da molti debiti, da una legione di peccati, dai pesanti vincoli dell'iniquità e dalle reti del peccato, sono stato salvato dalle cattive azioni, dalle iniquità segrete, dalla sporcizia di corruzione, dall'abominio delle delusioni. Sono risorto da questo fango, sono uscito da questa fossa, sono uscito da queste tenebre; guarisci, o Signore, secondo la tua infedele promessa, tutte le infermità che vedi in me. Con queste parole il Rev. Ephraim non solo esprime l'essenza della salvezza dal punto di vista del suo contenuto, ma permette anche di comprenderne la forma stessa, il modo in cui essa si compie: non è un atto esterno giudiziario o magico azione, ma uno sviluppo che avviene gradualmente nell'uomo mediante l'azione della grazia di Dio, affinché vi siano gradi di redenzione. «Il cristiano perfetto», esprime lo stesso pensiero il Santo Padre, «produce ogni virtù e ogni frutto perfetto dello spirito che sorpassa la nostra natura... con gioia e piacere spirituale, come naturale e ordinario, già senza fatica e facilmente, non più lottando con passioni peccaminose, come uno che è stato completamente redento dal Signore».

Lo stesso pensiero si ritrova in forma chiarissima in sant'Atanasio d'Alessandria: «Perché», dice, «la natura umana, dopo aver subito un cambiamento, ha lasciato la verità e ha amato l'iniquità, allora l'Unigenito si è fatto uomo per per correggere questo in Sé, per ispirare la natura umana ad amare la verità e ad odiare l'illegalità”.

Cristo «è chiamato, secondo san Gregorio il Teologo, «liberazione» (1 Cor 1), perché libera noi che siamo tenuti sotto il peccato, perché ha dato se stesso per noi in riscatto, come sacrificio purificatore per i mondo."

L'essenza della salvezza

Quindi, dal punto di vista ortodosso, l'essenza, il significato e l'obiettivo finale della salvezza di una persona è liberarlo dal peccato e dargli la vita santa eterna in comunione con Dio. Gli ortodossi non dimenticano le conseguenze del peccato, della morte, della sofferenza e di altre cose, sono ingrati per la loro liberazione a Dio, ma questa liberazione non è per lui la gioia principale, come lo è nella comprensione legale della vita. Come l'apostolo Paolo, gli ortodossi si lamentano non tanto di essere minacciato di punizione per il peccato, dal quale (peccato) non può essere liberato in alcun modo, ma di non poter "sbarazzarsi di questo corpo di morte", in cui vive “altra legge che si oppone alla “legge della mente” che gli piace (Rm 7-22). Non la paura per se stessi, ma il desiderio di santità, di vita secondo Dio, fa addolorare il vero asceta della pietà.

Se questa è l'essenza della salvezza, allora il metodo stesso di essa diventa per noi certo.

Se si pensa solo a liberare una persona dalla sofferenza, allora non fa assolutamente differenza se questa liberazione è gratuita o meno da parte di una persona. Ma se una persona ha bisogno di essere resa giusta, è necessario essere liberata proprio dal peccato, allora non è affatto indifferente se una persona sarà solo un soggetto sofferente per l'azione del potere soprannaturale, o se parteciperà essa stessa la sua liberazione.

La salvezza si realizza immancabilmente con la partecipazione della coscienza e della libertà umana; è una questione morale, non meccanica.

Ecco perché, nelle Sacre Scritture e nelle opere dei Padri della Chiesa, c'è un desiderio costante di convincere una persona a operare la propria salvezza, perché nessuno può essere salvato senza i propri sforzi. La santità, se è una proprietà involontaria della natura, perderà il suo carattere morale e si trasformerà in uno stato indifferente. “Non puoi essere gentile per necessità” (I. Crisostomo).

Pertanto, è ugualmente sbagliato concepire la salvezza come un atto sia esteriormente sano per una persona, sia che si verifica in una persona indipendentemente dalla partecipazione della sua libertà. In entrambi i casi, una persona risulterebbe essere solo un soggetto volitivo dell'influenza di qualcun altro, e la santità da lui così ricevuta non differirebbe in alcun modo dalla santità innata, che non ha dignità morale, e, quindi , per niente il bene supremo che cerca. umano. “Io”, dice S. I. Crisostomo, “ho sentito molti che dicevano: “Perché Dio mi ha creato autocratico in virtù?” Ma come elevarti al cielo, sonnecchiando, dormendo, tradito dai vizi, dal lusso, dalla gola? Ci sei anche tu non rimarrai indietro rispetto ai vizi? “Una persona non accetterebbe la santità impostagli con la forza e rimarrebbe la stessa. Perciò, sebbene la grazia di Dio faccia molto per salvare una persona, sebbene tutto le si possa attribuire, tuttavia, ella «ha bisogno anche di un credente, come un bastone da scrittura o una freccia in un attivo» (Cirillo di Gerusalemme). “La salvezza dell'uomo non è preparata dalla violenza e dall'arbitrio, ma dalla persuasione e dalla buona natura. Ognuno, dunque, è sovrano nella propria salvezza» (Isidoro Pelusiot). E questo non solo nel senso che percepisce passivamente l'urto della grazia, per così dire si dona alla grazia, ma nel fatto che incontra la salvezza che gli viene offerta con il desiderio più ardente che «dirige con zelo lo sguardo alla luce” (di Dio) (Ireneo di Lione). Efraim il Sirino, – è sempre pronto a darti la sua destra e a rialzarti dalla caduta. Perché appena tu sarai il primo a stendergli la mano, egli ti darà la sua destra per sollevarti». solo la propria salvezza, ma «aiuta la grazia che opera in lui». Ogni cosa buona che accade in una persona, ogni crescita morale, ogni cambiamento che avviene nella sua anima, non avviene necessariamente al di fuori della coscienza e della libertà, così che non qualcun altro, ma «l'uomo stesso cambia se stesso, da vecchio trasformandosi in nuovo." La salvezza non può essere un evento esterno, giudiziario o fisico, ma deve essere un atto morale, e, come tale, presuppone necessariamente come condizione e legge inevitabile che una persona egli stesso compia tale azione, sia pure con l'aiuto della grazia. La grazia, sebbene agisca, sebbene faccia tutto, è immancabilmente nella libertà e nella coscienza. Questo è il principio ortodosso di base e non deve essere dimenticato per comprendere l'insegnamento della Chiesa ortodossa sul metodo stesso della salvezza umana.

Fonte: con abbreviazioni che non ne distorcono il significato, dall'opera dell'arcivescovo (Finlandia) Sergio: “La dottrina ortodossa della salvezza”. ed. 4. San Pietroburgo. 1910 (pp. 140-155, 161-191, 195-206, 216-241) - in russo.

Foto di Maria Orlova: https://www.pexels.com/photo/ornamental-ceiling-in-medieval-church-with-chandelier-and-fresco-paintings-4916524/

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti