4.7 C
Bruxelles
Giovedi, dicembre 1, 2022

Le Caratteristiche Amaro e Piccante

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gastone de Persigny
Gastone de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter presso The European Times News

Più da parte dell'autore

Perché prestare attenzione a queste caratteristiche comunque? Condivido con voi brevi pensieri e linee guida sull'argomento.

L'amarezza in una verdura o in una bevanda spesso provoca una smorfia e inconsciamente ci riporta a quegli spiacevoli ricordi d'infanzia dello sciroppo per la tosse. E naturalmente evitiamo tali prodotti perché non sono particolarmente gustosi per noi. Ricordi invece quegli chef che viziano noi buongustai con la rucola piccante abbinata al gorgonzola amaro? O per il gusto ricco del cacao amaro in cioccolato fondente con lamponi? Se si combinano armoniosamente, sono le sensazioni di amaro moderato e di piccantezza espressiva che danno vita al cibo. Ciò che viene catturato qui non è la rucola piccante o il cacao bollente, ma la loro combinazione appropriata con altri ingredienti, in modo che ci sia sia armonia che piacere.

Verdure e piante con amari sono un riferimento ai benefici polifenoli ad azione antiossidante che ci vengono donati senza alcuno sforzo. È lo stesso con l'olio d'oliva: più espressivo è l'Amaro e il Piccante, più sano è l'olio d'oliva. Queste due caratteristiche sono indice di un extravergine di qualità e buono e, se del tutto assenti, è un segnale sicuro di un difetto, la mescolanza degli oli – non necessariamente di oliva o addirittura olive troppo mature e la mancanza di qualsiasi carattere del olio.

Ho qui due buone notizie, anche per i più scettici.

In primo luogo, i buoni produttori sanno come bilanciarli in modo che siano eleganti e piacevoli con il cibo. Tale olio d'oliva non può essere imposto su di te e esclami "L'insalata di pomodoro è molto acida". Se la sensazione di amarezza è ruvida e molto aggressiva, allora questo non parla assolutamente di alta qualità, artigianalità e purezza del prodotto. L'origine e il produttore contano davvero, presta loro più attenzione.

Per fortuna negli ultimi anni anche la categoria generica “Olio di oliva” ha iniziato a fare piccoli ma fiduciosi passi verso preferenze più specifiche come “Compro olio di oliva di Creta perché è molto aromatico”, “Mi piacciono le raccolte anticipate per via della loro greenness” “, “Mi è piaciuta la varietà picual di alberi centenari, perché è multistrato”, ecc.

In secondo luogo, ce n'è per tutti i gusti: la natura ci ha regalato oltre 1,200 varietà di olive con diversi gusti e intensità di amaro e pepato, quindi la nostra scelta di olio d'oliva piccante dipende da noi e da cosa stiamo cucinando. Proprio come con il vino o il caffè, ci piacciono più vivaci o con un'acidità più moderata e, a seconda del cibo e delle nostre preferenze, scegliamo un senso di colpa più fruttato, più floreale, più minerale, più dolce, ecc.

Alle già note varietà provenienti da Italia, Spagna e Grecia, ne aggiungo alcune provenienti da Turchia e Croazia nella piccola guida qui sotto. Viene per supportare la tua scelta in un negozio, in una mostra, in un festival o presso un produttore:

Oli morbidi d'oliva – lechino, tajaska, oliarola, mignola, arbequina, kalamata, manaki, ajvalak

Olive medie – peranzana, charolea, nocellara del bellice, cazaliva, cornicabra, ohiblanca, mansania, coroneiki, chondrolea, amphisis, macri, patrini, trillie, bouja

Oli d'oliva intensi – Moraiolo, Frantoio, Intoso, Itrana, Coratina, Picual, Koroneiki a vendemmia precoce, Tsunatti a vendemmia precoce, Memecik, Bielica istriana

Di norma, i raccolti anticipati sono un'idea più piccante e fruttata rispetto a quelli standard e le miscele sono bilanciate dalla miscelazione degli oli.

Infine, ti provocherò: quando sei in viaggio tra gli ulivi, prova un oliva verde.

Il tuo viso si contorcerà in una smorfia amara, astringente, acre e la tua lingua inizierà a vaporizzare. Questi sono i preziosi polifenoli, sono loro che contraddistinguono l'olio d'oliva da qualsiasi altro – difficilmente hai avuto una sensazione simile dal girasole o dai semi d'uva masticati. Quando si degusta un olio d'oliva buono e armonioso, però, di questa smorfia non c'è traccia, quelle sensazioni sgradevoli si sono trasformate in un amaro e piccante nobile ed elegante. Nel personaggio. Scegli questi oli d'oliva perché tu e il tuo cibo meritate il meglio.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti