5.4 C
Bruxelles
Martedì, novembre 29, 2022

Non osare andare in mare se lo vedi ai tuoi piedi

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Scala senza precedenti di manifestazioni in Cina contro "zero Covid

Scala senza precedenti di manifestazioni in Cina contro “zero Covid

0
Domenica 27 novembre e ancora lunedì notte, si sono svolte manifestazioni in diverse città cinesi a seguito del micidiale incendio di Urumqi legato alla politica "zero Covid"

Il gonfiore del suolo può essere riconosciuto quando una persona entra nell'acqua fino alle ginocchia e sente che la sabbia sta scomparendo sotto i suoi piedi e il mare inizia a "tirarlo"

Man mano che i venti autunnali iniziano a soffiare e sempre più spesso appaiono pericolose rigonfiamenti morti e risacca. Nelle prime ore del giorno il mare può sembrare calmo, ma non è sempre sicuro.

Il gonfiore del suolo può essere conosciuto quando una persona entra nell'acqua fino alle ginocchia e sente che la sabbia sta scomparendo sotto i suoi piedi e il mare inizia a "tirarlo".

Se ti trovi in ​​un fenomeno del genere, non dovresti farti prendere dal panico, ma girarti sulla schiena, perché il corpo umano ha galleggiabilità, e questo è il modo più semplice per staccarti dalle "zampe" del mare.

Se vedi uno spazio vuoto e tranquillo tra le onde /come nelle foto/, non permetterti di entrare in acqua. Lo spazio tra le due frecce è in realtà un rigonfiamento del suolo. Questa è una corrente molto forte che non ti permetterà di tornare a riva, ma ti trascinerà lontano in mare.

Dovresti anche essere consapevole che il rigonfiamento del suolo non si trascina verso il basso. Verso l'interno – sì, ma non verso il basso. Non è un vortice e solo lo strato superficiale dell'acqua si muove ad alta velocità. Non è ampio. Non supera i 50 m, il più delle volte è 10-20 m. Nuotando a 20-30 m di lato, ne uscirai. Non è lungo e non trascina chilometri nell'entroterra. Si indebolisce rapidamente dove le creste delle onde iniziano a rompersi. Questo luogo è a un massimo di 100 m dalla costa. Se non sai nuotare, non andare a nuotare dove non ci sono onde e il mare è più calmo. L'eccitazione morta è proprio lì.

Per uscirne non devi resistere, ma segui una semplice regola che può aiutarti a uscire dall'abbraccio dell'acqua e a rimettere piede sulla terraferma. Non devi farti prendere dal panico e combattere il rigonfiamento del suolo. Funziona a circa 100 metri dalla riva, questa è la distanza che di solito può portarti.

La corrente morta è perpendicolare alla costa. Quando senti diminuire la sua forza, inizia a nuotare parallelamente alla riva. Nel momento in cui puoi farlo e l'acqua non ti sta spingendo indietro, vai dritto verso la spiaggia usando le onde per chiedere aiuto.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti