5.2 C
Bruxelles
Sabato, novembre 26, 2022

La santità nella Bibbia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gastone de Persigny
Gastone de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter presso The European Times News

Più da parte dell'autore

La santità nella Bibbia

Siate perfetti come è perfetto il vostro Padre celeste.

Vangelo di Matteo, capitolo 5, versetto 48

Cercate di avere pace con tutti e santità, senza la quale nessuno vedrà il Signore.

Lettera di Paolo agli Ebrei, capitolo 12, versetto 14

Non è vero che spesso si chiama “santità” ciò che non hanno intenzione di fare? “È un santo, non posso farlo” – questo è un alibi vincente! “Io non sono un santo” è il modo migliore per coprire i tuoi peccati.

Se la "santità" della parola e del pensiero quotidiano "non riguarda noi", allora di chi? Ci sono diverse opzioni.

1) Il punto di vista occulto: ci sono esseri soprannaturali, tutti in luce e oro – “santi”, e la loro funzione è, ovviamente, l'aiuto magico. O peggio ancora: ci sono oggetti e sostanze sacre che, ovviamente, guariscono qualcosa.

2) Variante moralistica: “santo” – un individuo straordinario “moralmente perfetto”, che fa paura per la sua perfezione. Dalla nascita non ha preso il seno di sua madre mercoledì e venerdì, fin dall'infanzia non gli piacevano i giochi rumorosi… Il lettore capisce chiaramente: non si tratta di lui.

3) Approccio degli idolatri: “santo”, “questo è santo per noi”. Una cosa pericolosa – perché dove ci sono gli idoli, c'è il sangue: cosa fare con il santuario, se non uccidere per questo?

La santità è Dio

Qualsiasi perversione è una perversione della norma; malato solo ciò che era sano. Allo stesso modo, qualsiasi falsa comprensione è solo una perversione della vera comprensione.

Certo, il santo è diverso, lontano, risanatore, perfetto e buono, che va adorato: il santo è Dio. Egli è l'unico vero Santo, in ebraico – “kadosh”, cioè un altro, separato, non mondano. Santo è ciò che è consacrato a Dio.

Stare con Dio significa essere santi, cioè come una persona è concepita da Dio. Essere santi significa essere in generale (appartenere all'Essere, cioè a Dio), entrare nella vita eterna, essere perfetti, integri, sani.

Il peccato è separazione da Dio, non vivere con Lui è Vita. In definitiva, il peccato è la morte, l'abominio della desolazione, l'inferno. Dio non vuole la morte, quindi la storia del mondo è la storia della salvezza, la riunificazione del mondo intero con Dio. Essere salvati significa stare con Lui, diventare un dio per grazia.

Siamo santi

“Sii perfetto, come è perfetto il tuo Padre celeste” – questo comandamento di Cristo è raramente ricordato con sospetto. L'uomo è concepito dal Creatore come un santo. In questo senso siamo tutti potenzialmente santi: Israele è santo perché è consacrato a Dio, la Chiesa è santa perché è di Dio: i cristiani si chiamavano santi un tempo “semplicemente” per appartenere al Corpo di Cristo. Se non diventiamo santi, alla fine ci allontaneremo da Dio, la fonte della vita, e “moriremo all'inferno”.

Perciò, come dice Leon Blois, «c'è un solo dolore: non essere santo»: non essere con Dio è morte eterna. Ma la buona novella (cioè gioiosa, allegra, speranzosa) sta nel fatto che c'è la salvezza.

Santi tra noi

Sulla via della santità, i santi canonizzati della Chiesa ci servono da esempio. In comunione con Dio e tra di loro, formano la Chiesa Trionfante, nella quale il mondo intero deve trasformarsi dopo la seconda venuta.

Lisa della serie animata "I Simpson" in uno degli episodi dice: "Non nego l'esistenza degli angeli, ma non credo che uno di loro possa apparire nel nostro garage". Questo è lo slogan di un vero agnostico (e sembra che non ci siano più i buoni vecchi atei): che ci sia un Dio o no non è importante, ma non si tratta di me, non della vita. Questa è l'essenza dell'incredulità. Ma i santi sono “angeli nel nostro garage”: persone vere, con peccati, problemi, dipendenze, proprio come noi, ma che hanno adempiuto il comandamento della perfezione.

Citazioni di santità

Etimologia della parola “santo”

La parola santo è basata sull'elemento protoslavo *svet- (=*svent-), che è correlato alle designazioni dello stesso concetto nel baltico (cfr. Lit. šventas), iraniano (cfr. Avest. spenda- ) e un certo numero di altre lingue. In definitiva, questo elemento negli esempi citati e altri simili forma un legame che collega l'attuale parola russa saint con la radice indoeuropea *k'uen–to-, che denota crescita, rigonfiamento, rigonfiamento, cioè un aumento di volume o altre caratteristiche fisiche.

“Spazio e tempo, santi (santificato) nei loro punti più importanti e nodi “materiali”, come se con un cerchio si allacciassero il mondo santo, o di Dio, spesso correlato con la bellezza santa (di Dio), e le persone sante che lo abitano (sempre con riferimento all'idea di nascita), conducendo una vita santa. In questo mondo santo, il destino e l'ideale di una persona è essere un santo (una persona santa; confronta nomi come Svyatoslav, Svyatopolk, Svyatomir, ecc.). Tutte le forme di realizzazione dell'attività umana sono, in teoria, orientate alla santità, propria (potenzialmente) o proveniente dall'alto. Da qui la parola santa, la santa azione, il santo pensiero. E ciò che una persona ha fama di avere tra gli altri, ciò che rimane dopo di lui, nelle sue più alte manifestazioni si rivela santo (santa gloria, santo nome). Santo è lo scopo più alto di una persona, il suo percorso di vita, il suo ideale (sentiero santo, fede santa, verità santa, verità santa, vita santa, Dio santo).

La sacralità (o anche l'ipersacralità) dell'antica tradizione russa si manifesta principalmente nel fatto che 1) tutto deve essere sacralizzato in linea di principio, strappato al potere dell'inclinazione al male e – impossibile conciliarsi con meno – restituito al suo originale stato di integrità, integrità, purezza; 2) esiste una meta unica e universale (“super meta”), il desiderio più caro e il sogno più segreto – la speranza – il regno santo (santità, vita santa) sulla terra e per l'uomo; 3) forte e attuale è la speranza che questo stato santo possa essere il più vicino possibile nello spazio e nel tempo al qui e ora (la liturgia è già un'immagine di questo stato; da qui il desiderio di prolungare il tempo liturgico, su un mano, e la disattenzione al profano, d'altra parte). – Toporov “Santità e santi nella cultura russa”

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti