13.1 C
Bruxelles
Sabato, settembre 24, 2022

I tesori segreti del rotolo di rame

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Charlie W. Grease
Charlie W. Grease
CharlieWGrease - Reporter su "Living" per The European Times News

Più da parte dell'autore

Scritto da Ventzeslav Karavalchev per dveri.bg

Nel 1947, un beduino della tribù Taamira camminò intorno alla collina di Qumran, situata sulla sponda occidentale del Mar Morto, alla ricerca di una capra smarrita dal suo gregge. Poiché non l'ha trovata, ha pensato che potesse essere entrata nella grotta sulla collina. Scese dalla scogliera e decise di lanciargli un sasso, sperando che avrebbe fatto uscire l'animale. Tuttavia, invece del rumore di un animale spaventato, dalla grotta proveniva il suono di ceramiche rotte, che catturò la sua curiosità e lo fece entrare nella grotta. Lì trovò 45 vasi di argilla accuratamente disposti contro il muro. La delusione di Muhammad al-Dib deve essere stata grande quando ha rimosso dai barattoli solo alcuni rotoli di pelle incollati e scuriti. Più tardi, nel campo beduino, insieme ai suoi compagni, li esaminarono attentamente, ma non riuscirono a capire nulla della scrittura. Dopo pochi mesi, i beduini sono riusciti a vendere il loro ritrovamento per 250 dollari all'arcivescovo della Chiesa siro-ortodossa Athanasius (Monofisiti). Anche i suoi tentativi di leggere i rotoli non hanno successo. Dopo un anno, durante il suo incontro con il dottor Trevor, scopre cosa ha effettivamente acquisito, così come il prezzo di questa acquisizione: il governo israeliano compra i manoscritti per 1 milione di dollari...

È così che è stata fatta la più grande scoperta archeologica del 20° secolo: sono stati trovati i manoscritti di Qumran, noti anche come i Rotoli del Mar Morto. Nel corso di diversi anni, gli archeologi hanno scoperto 11 grotte in cui hanno trovato oltre 900 documenti manoscritti. I documenti trovati a Qumran sono per lo più scritti su pelle, ce ne sono anche alcuni su pergamena, ma un rotolo è completamente diverso dal resto. Nel 1952, in fondo alla grotta condizionale numero 3, fu scoperto un rotolo fatto interamente di rame (il rotolo è composto da due pezzi di rame separati, parti). The Copper Scroll (3Q15 o 3QTreasure) non rientra in nessuna delle altre categorie di pergamene. Non conteneva alcun testo biblico, era scritto in una lingua che non si trova in nessuno degli altri rotoli e la sua lettura ha acceso l'immaginazione di migliaia di cercatori di avventure e di tesori perduti in tutto il mondo. Anche i racconti più esagerati sui leggendari tesori del Signore dei Lupi impallidiscono in confronto al contenuto di questa pergamena.

La Pergamena di Rame 3Q15 risulta essere una mappa che elenca il più grande tesoro nascosto del mondo. Contiene un elenco di 63 luoghi dove si nascondono incredibili tesori d'oro e d'argento. Per le specificità delle unità di misura bibliche è difficile determinare il peso esatto del tesoro, ma si tratta probabilmente di tonnellate di metalli preziosi, in termini monetari pari ad almeno tre miliardi di dollari, e in termini storici – inestimabile . Ma da dove viene questo tesoro? La mitica eredità di re Salomone?

Secondo Stephen Pfan, uno degli scienziati coinvolti nella lettura dei manoscritti, si tratta di un inventario degli oggetti nascosti del Tempio di Gerusalemme prima della sua definitiva distruzione: “Questa è un'incredibile testimonianza storica. Avere un elenco dei tesori del tempio del I secolo è un vero miracolo. Non abbiamo niente di più eloquente di questa pergamena per dirci cosa c'era veramente…”

Secondo lui, il rotolo di rame era opera degli zeloti. Questa ipotesi si inserisce perfettamente nel contesto storico dell'inizio del I secolo d.C. in Terra Santa. Lo zelotismo (ebraico kanai, che significa "zelo per Dio") divenne un movimento politico e portò alla Grande Rivolta contro Roma (1-66 d.C.). Giuseppe Flavio nel suo libro "Antichità ebraiche" afferma che le sette ebraiche erano tre: farisei, sadducei ed esseni. Gli Zeloti, noti per la loro intransigenza nei confronti di Roma, divennero i quarti di questi. Appaiono sulla scena politica quasi subito dopo che Roma dichiara la Giudea provincia romana, difendono fino all'ultimo il Tempio e le sue ricchezze dall'invasione dei Romani. Prima che la loro resistenza fosse definitivamente spezzata e gli zeloti fossero massacrati, riuscirono a nascondere gran parte di questa ricchezza. La mappa del rotolo di rame è stata composta poco prima della distruzione del tempio, secondo Stephen Pfan. In esso si possono facilmente trovare alcuni dei luoghi con tesori nascosti: Gerico, la valle di Acor – a nord oa sud di Gerico, il monte Garizim, la grotta vicino alla fontana della Casa di Hakkoz – forse il sito del secondo tempio di Gerusalemme, eccetera.

Tuttavia, ci sono anche luoghi codificati difficili da localizzare come “Canale di Salomone” dove è nascosta una grande quantità di monete d'argento, “Milham” dove sono nascoste le vesti del sommo sacerdote, possibilmente con le pietre “Urim e Thummim” e tutti gli altri attributi inestimabili descritti nella Bibbia, (vedi in dettaglio Esodo 28:2-43). In un luogo chiamato Mattia, sono nascosti oltre 600 vasi sacri d'oro e d'argento del Tempio... Le istruzioni nel manoscritto su rame hanno una sorprendente somiglianza con le trame dei film di Indiana Jones o Lara Croft. Si parla di grotte, tombe, acquedotti, bacini artificiali, cunicoli, ecc., che hanno lo scopo di fungere da punti di riferimento, seguiti da indicazioni per il numero di passi da compiere in una certa direzione per trovare la parte nascosta del tesoro. I luoghi sono così descritti che una persona doveva essere necessariamente un contemporaneo dell'epoca in cui gli oggetti erano nascosti per poterli ritrovare oggi. La descrizione include dettagli sconosciuti a nessuno oggi. Questi sono nomi locali di località, edifici, strade, punti di riferimento, che nell'antichità erano noti a un certo gruppo di persone, ma oggi non ci danno alcuna idea in quale direzione guardare.

La stessa lingua in cui è stato scritto il rotolo di rame è un grande mistero. Alcuni passaggi in esso sono scritti in una specie di ebraico (simile alla lingua della Mishnah) che a sua volta era in uso 800 anni prima dell'età del rotolo. Le cose sono rese ancora più confuse dalla presenza di lettere greche nel testo del rotolo, disposte in ordine logico. Le ultime righe della pergamena aggiungono ulteriore emozione alla confusione. Si parla di un tesoro ancora più grande “in un pozzo asciutto a Kohlit”… ma purtroppo una spiegazione di come e dove trovare il pozzo, nonché indicazioni per scoprire il resto dei tesori, è contenuta in una copia del rame a scorrere. Ciò significa che da qualche parte, forse a Kohlit, è nascosto anche un secondo rotolo di rame, che è un supplemento e una chiave per trovare gli oggetti descritti nel primo. Joel Rosenberg crede che la seconda pergamena possa ancora essere trovata. Secondo lui, porterebbe anche alla scoperta dell'“Arca dell'Alleanza”, scomparsa senza lasciare traccia nel 621 aC quando Nabucodonosor conquistò Gerusalemme. È interessante notare che l'"Arca dell'Alleanza" non è presente nell'elenco degli oggetti che il re babilonese portò via da Gerusalemme. Rosenberg si riferisce ad antichi testi ebraici che indicano il fatto che i tesori del tempio del primo tempio di Gerusalemme e "l'Arca dell'Alleanza" furono nascosti dai sacerdoti prima dell'invasione babilonese. Gli indizi su dove erano nascosti sono stati lasciati su una tavoletta di rame, il problema è che nessuno ha idea di dove possa essere questa seconda tavoletta.

Steven Pfan, invece, crede che gran parte del tesoro sia stata trovata e portata via dai romani. Costrinsero a rivelare loro il segreto del rotolo di rame, e come prova di questo suo punto, Pfane cita l'esistenza di una lettera in cui l'imperatore Tito afferma che il Colosseo a Roma fu costruito con le spoglie della Giudea. “Se qualche parte del tesoro esiste ancora, saranno piccoli pezzi lasciati non scoperti dai romani…”. Tenendo presente, tuttavia, l'esempio dell'ultima roccaforte degli zeloti, Masada, e la morte eroica dei suoi difensori, difficilmente potremmo essere d'accordo con l'ipotesi di Stephen Pfan che con il potere della spada i romani costrinsero gli ebrei a rivelare loro i luoghi dove erano nascosti i tesori. Sì, forse una parte, sufficiente per costruire il magnifico edificio del Colosseo, è caduta in mano ai romani, ma il grande tesoro probabilmente sta ancora aspettando il suo Indiana Jones.

L'articolo utilizza materiali tratti dai libri: “Decifrare i rotoli del Mar Morto”, “La Bibbia e i rotoli del Mar Morto”, “La ricchezza nei rotoli del Mar Morto e nella comunità di Qumran”, “Prospettiva storica: dagli Asmonei a Bar Kokhba alla luce di I rotoli del Mar Morto”, “I rotoli del Mar Morto e i personaggi del primo cristianesimo”, Biblical Archaeology Review, dalla pagina CBN, ecc.

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti